Giovedì 04 Giugno 2020 | 17:41

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Gazzetta del Mezzogiorno, Tribunale Bari si riserva su fallimento

Gazzetta del Mezzogiorno, Tribunale Bari si riserva su fallimento

 
La richiesta
Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi

Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi

 
operazione gdf
Bari, frode fiscale: sigilli a beni per 3,7mln di euro a società rifiuti

Bari, frode fiscale: sigilli a beni per 3,7mln di euro a società rifiuti Tradeco

 
Post Covid 19
Record di rientri in Puglia: oltre 20mila persone registrate in meno di 24 ore

Record di rientri in Puglia: oltre 20mila persone registrate in meno di 24h. Lopalco: «Potrebbero esserci dei contagiati»

 
Serie A
Lecce calcio, Liverani: «La squadra è pronta a mini campionato da Mondiale»

Lecce calcio, Liverani: «La squadra è pronta a mini campionato da Mondiale»

 
Post coronavirus
Vieste, la costa del Gargano è «Covid free»: niente più contagiati o non ci sono mai stati

Vieste, la costa del Gargano è «Covid free»: niente più contagiati o non ci sono mai stati

 
le nuove date
Mittal, a Taranto ispezione dei commissari ex Ilva dall'8 al 10 giugno

Mittal, a Taranto ispezione dei commissari ex Ilva dall'8 al 10 giugno. Dal 6 giugno 9 settimane di Cig per 8mila operai

 
Il caso
Bari, in 20 protestano davanti Consiglio Regione per parco Costa Ripagnola

Bari, in 20 protestano davanti Consiglio Regione per parco Costa Ripagnola

 
ripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 4 nuovi casi su 2543 tamponi. 3 decessi a Bari e Taranto

Coronavirus, in Puglia 4 nuovi casi su 2543 tamponi. 3 decessi a Bari e Taranto

 
lavoro
Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa richiesta
Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi

Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi

 
Barioperazione gdf
Bari, frode fiscale: sigilli a beni per 3,7mln di euro a società rifiuti

Bari, frode fiscale: sigilli a beni per 3,7mln di euro a società rifiuti Tradeco

 
FoggiaI provvedimenti
Tre casi di stalking nel Foggiano: tra questi una 26enne che molestava una sua ex amica

Tre casi di stalking nel Foggiano: tra questi una 26enne che molestava una sua ex amica

 
Tarantole nuove date
Mittal, a Taranto ispezione dei commissari ex Ilva dall'8 al 10 giugno

Mittal, a Taranto ispezione dei commissari ex Ilva dall'8 al 10 giugno. Dal 6 giugno 9 settimane di Cig per 8mila operai

 
Materaripresa
Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

Sindaco De Ruggieri: «A Matera non ci sono più casi di Coronavirus»

 
Leccenel salento
Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

Si chiama «Filippo Cea»  la mandorla più buona È l'orgoglio di Toritto

di TOMMASO FORTE
TORITTO - È tra le migliori in Europa. È la mandorla di Toritto, pregiato frutto che si raccoglie tra agosto, settembre e metà ottobre. Nell’alta pasticceria è la protagonista esclusiva, utilizzata specie per realizzare la pasta reale e importanti scenografie dolciarie. Nell’agro della pre Murgia barese, a Toritto si sviluppano le colture autoctone che portano il nome di antichi cittadini torittesi. Le principali sono la «Antonio De Vito», la Genco e la «Filippo Cea»
Si chiama «Filippo Cea»  la mandorla più buona È l'orgoglio di Toritto
di Tommaso Forte

TORITTO - È tra le migliori in Europa. È la mandorla di Toritto, pregiato frutto che si raccoglie tra agosto, settembre e metà ottobre. Nell’alta pasticceria è la protagonista esclusiva, utilizzata specie per realizzare la pasta reale e importanti scenografie dolciarie. Nell’agro della pre Murgia barese, a Toritto si sviluppano le colture autoctone che portano il nome di antichi cittadini torittesi. Le principali sono la «Antonio De Vito», la Genco e la «Filippo Cea» (di cui sopravvive la pianta «madre» in contrada Matine di Toritto). Quest’ultima, è ancora molto diffusa. La mandorla, infine, è utilizzata anche dai produttori di torrone e confetti, può essere gustata tostata al naturale. Insomma, un prodotto povero, ma di alta qualità nutrizionale.

E a Toritto è possibile ammirare per le vie cittadine con quanta cura, ogni famiglia, gestisca il proprio frutto con la raccolta e la seccatura del nocciolo. Insomma, una passione che si tramanda da secoli. Frutto di qualità. «La mandorla di Toritto - spiega Pietro Di Pinto, consulente in qualità e sicurezza degli alimenti - è iscritta a pieno titolo nell’elenco nazionale dei Prodotti agroalimentari tradizionali del Ministero delle Politica Agricole. Il prodotto “Mandorla di Toritto” è costituito per la quasi totalità dai frutti della cultivar autoctona “Filippo Cea” (almeno il 70%), contraddistinta da un seme dolce e da straordinarie caratteristiche aromatiche che la rendono la varietà principe nella preparazione del latte di mandorla e in tutte le lavorazioni dolciarie. L’eccezionale profilo organolettico e nutrizionale della mandorla “Filippo Cea” è stato comprovato da vari studi condotti dall’ex stazione agraria e successivamente dall’Istituto sperimentale agronomico di Bari, che hanno rilevato l’elevato contenuto in olio di questo frutto (59,57 %), di cui quasi il 74 % è rappresentato dall’acido oleico, seguito da un 18,6 % di acido linoleico. Questi acidi grassi giocano un ruolo di estrema importanza nell’alimentazione umana, così come riconosciuto dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare, che ha autorizzato l’utilizzo di specifici claims salutistici in riferimento a queste molecole e al loro effetto nel contrastare l’aumento della concentrazione ematica del colesterolo».

«La “Filippo Cea” contiene tocoferolo, importante componente della vitamina E che, oltre ad espletare un’importante azione antiossidante nell’organismo umano, rallenta i processi di ossidazione degli acidi grassi insaturi, ostacolando i processi di invecchiamento. Oltre all’ormai consolidato impiego nelle preparazioni dolciarie, in risposta ai sempre più frequenti casi di malattie metaboliche (intolleranza al lattosio) e alle richieste di una fetta di mercato in continua espansione, qual è quella dei consumatori vegetariani o comunque attenti al consumo di prodotti ecosostenibili e di qualità, è stata avviata la lavorazione del latte di mandorla “Filippo Cea” per la produzione di alternative vegetariane alle classiche produzioni lattiero-casearie, in particolare formaggi freschi e caciotte, caratterizzate da uno spiccato contenuto aromatico/nutrizionale che le differenzia dalle precedenti produzioni a base di latte di soia e latte di riso».Slow Food La mandorla di Toritto ha conosciuto negli ultimi anni una grande affermazione nei circuiti della migliore gastronomia italiana ed internazionale: protagonista di questo successo è stato il Presidio di Slow Food «Mandorla di Toritto», promosso da Emilia D’urso. «Il presidio ha determinato regole di produzione basate sull’aridocoltura - aggiunge la D’urso - e sulla sostenibilità ambientale, con un rigoroso disciplinare ed un preciso comprensorio. Le aziende sono selezionate in base a requisiti imposti da una commissione nazionale di Slow Food e sottoposte ad ispezione. Le qualità organolettiche ed il perfetto bilanciamento di grassi polinsaturi provengono da un terroir specifico, un unicum di terreni idonei alla mandorlicoltura, di clima e di due eccezionali varietà autoctone come la “Filippo Cea” e la “Antonio Devito”. Un importante risultato dell’opera svolta dal Presidio è stato l’inserimento nell’elenco nazionale del Ministero dei prodotti tipici e tradizionali, con segnalazioni sulla stampa specializzata tra cui il Gambero Rosso; il programma della Rai Geo&Geo. E ancora. Presso la sede Slow Food di Toritto, l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cn) organizza stage per studenti provenienti da numerose nazioni, inclusi lontani Paesi come il Giappone e la Mauritania. Un appuntamento fisso è il Salone del Gusto di Torino, vetrina dell’eccellenza enogastronomica italiana ed internazionale. È adesso in preparazione un importante momento culturale per festeggiare il decennale della costituzione del Presidio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie