Venerdì 18 Gennaio 2019 | 10:19

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto nel Foggiano
Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

 
Serie B1 pallavolo
La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

 
Probabile formazione
Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

 
Operazione dei Carabinieri
Droga, operazione dei carabinieri a Barletta: arresti

Traffico di droga, blitz a Barletta: arresti contro clan Cannito-Lattanzio

 
Si chiama Francesco Tomaiuolo
Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

 
La cerimonia
Matera 2019, domani l'inaugurazioneEcco tutto il programma

Matera 2019, il grande giorno: domani l'inaugurazione, ecco tutto il programma

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Il salvataggio
Bari, le sparano e diventa cieca: la cagnolina viene chiamata «Carabina»

Bari, le sparano e diventa cieca: la cagnolina viene chiamata «Carabina»

 
Nel Foggiano
Picchiano e chiudono trans nel bagagliaio: 2 ai domiciliari a Manfredonia

Picchiano e chiudono trans nel bagagliaio: 2 ai domiciliari a Manfredonia

 

Quadretti selvaggi

Ricordate, compagni
il rosso sottoscala
della storia di Bari?

Ricordate, compagni il rosso sottoscala della storia di Bari?

Michele Emiliano

di Alberto Selvaggi

Alessio Viola su via Fanelli è seduto nel bar. Allunga un muso da lume spento di casa. Davanti alla vetrina le macchine passano, perché tutto passa, alle sue spalle c’è il tempo e lui ne guarda i resti nella tazza, il ricordo è ciò che ci rimane. Antonino Di Stefano è lontano. Ha portato sigaro e barbotta da gnomo di altezza normale in contrada Zingarello, la meno popolata fra le monopolitane: mezzo zappatore, mezzo pensionato, ma con il pugno chiuso, ancora, sopra a Facebook. Socio con Fabio «Fabino» Pennetta («il figlio del proprietario») del sottoscala della storia di Bari, come raccontato nel godibile Closin’ Time (Laterza, Edizioni della Libreria) da Alessio, l’omaccione rude e generoso che giocava a rugby e scassava le capocce dei fasci.

La Taverna del Maltese ha chiuso, compagni, lo sapevate? Dario «Candide», figlio di Antonino, prosecutore anche in musica dei Maltesi che non morranno mai, ha dovuto lasciare, due mesi a questa parte. Il Maltese, compagni: ricordate? Sappiano le ragazzine siliconate dei reality che in un’altra era, 23 dicembre 1980, sorgeva il primo e più influente locale di Bari. Via Netti 34, una chiavica, nel quartiere Libertà, che quando lo vedi ti spari.

L'articolo completo sull'edizione odierna della Gazzetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400