Sabato 25 Maggio 2019 | 14:57

NEWS DALLA SEZIONE

No al concordato
Mercatone Uno, è fallimento: operai informati via whatspp

Mercatone Uno, è fallimento: negozi chiusi, operai «licenziati» via whatspp

 
Nel Tarantino
Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

 
Dalla Polizia
Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

 
L'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
Controlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
L'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
Denuncia Coldiretti
Xylella, l'asssurdo della Puglia: espianti frenati da mala burocrazia

Xylella, assurdo in Puglia: espianti frenati da mala burocrazia

 
Al Comune
Taranto, ecco chi sono io nuovi assessori del Melucci-ter

Taranto, ecco chi sono i nuovi assessori del Melucci-ter

 
Campagna elettorale
Bari, Decaro allo sprint finale. E a Salvini: «Noi terroni ma non "trimoni"»

Bari, lo sprint finale di Decaro. E a Salvini: «Noi siamo terroni ma non "trimoni"» Video

 
I fondi
Xylella, Lezzi: «Impegno non finisce con Dl emergenze»

Xylella, Lezzi: «Impegno non finisce con Dl emergenze»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
FoggiaL'avviso
Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

 
TarantoDai carabinieri
Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
LecceL'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
BrindisiDai Cc
Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Bari, Punta Perotti bis il progetto è già pronto

BARI - È già pronto il progetto per ricostruire Punta Perotti, se il giudice renderà ai proprietari i suoli confiscati. Certo, non «com’era, dov’era», ma l’imprenditore Michele Matarrese sarebbe pronto a mettere in cantiere il progetto elaborato all’architetto milanese Ottavio Di Blasi: palazzi non più alti di otto piani, allineati alla ferrovia e un grande parco sul mare.
Ma il sindaco Michele Emiliano annuncia: «Se il gup restituirà i terreni, siamo pronti ad approvare una variante urbanistica per renderli inedificabili e a fare ricorso in Cassazione».

Bari, Punta Perotti bis il progetto è già pronto
di NICOLA SIGNORILE

Isolati quadrati, come quelli del quartiere murattiano, schierati davanti alla ferrovia, un lungomare «raddrizzato» per separare i palazzi da un parco costiero, puntellato da bassi edifici che si spingono fin dentro il mare. Potrebbe essere così la nuova Punta Perotti, se il giudice De Benedictis deciderà per la restituzione ai proprietari dei suoli confiscati, ma ingiustamente, come ha stabilito la Corte europea dei Diritti dell’uomo.

Michele Matarrese, patron della società Sudfondi che insieme alla Mabar e alla Iema era intestataria della lottizzazione, ha promesso a se stesso di non fare pubbliche dichiarazioni fino alla sentenza del gup. E deve costargli, il silenzio, in questi giorni, mentre si rincorrono congetture e ragionamenti sulla possibilità o meno di ricostruire quel che è stato demolito a colpi di dinamite. E mentre il sindaco Michele Emiliano rilancia offerte di accordo che lasciano freddo se non «irritato» l’imprenditore.

Riaprirebbero i cantieri, i Matarrese? Una fonte vicinissima agli imprenditori suggerisce che sì, lo farebbero, e che hanno pronti anche progetto e architetto. I costruttori sanno benissimo che mai potrebbero ricostruire Punta Perotti «com’era, dove’era», né con le stesse dimensioni. Ma quei suoli sono tuttora edificabili, con destinazione urbanistica «terziario residenziale». Si può ripartire allora dal progetto elaborato dall’architetto milanese Ottavio Di Blasi e che risale al 2005, all’epoca in cui la battaglia giudiziaria era nel vivo e fu tentata la strada di una transazione. Sembra addirittura che il progetto - esposto in una mostra organizzata dal Politecnico di Milano e da Confindustria nella sala Murat - fosse piaciuto a Emiliano. A Michele Matarrese quell’idea piace ancora.

Di Blasi, pur essendo milanese, conosce Bari. Ci arrivò la prima volta insieme a Renzo Piano per costruire lo Stadio San Nicola, poi ha costruito tre chiese (tra cui quella del Salvatore a Loseto) ed un edificio residenziale in via Redi. E naturalmente conosce bene, per la collaborazione con Piano, il problema Punta Perotti. Il suo progetto si candida ad essere il fulcro di un parco urbano di 300mila metriquadri che inizia a piazza Gramsci e termina alla lama San Giorgio. I palazzi arretrano rispetto al mare, e si allineano sulla ideale prosecuzione di via Dalmazia. Dunque, il contrario di Punta Perotti. «Il nostro studio preliminare - spiega Di Blasi - è tutto speso in un ottica di “ricupero ambientale” e quindi non abbiamo tenuto conto dell’ipotesi di realizzare, assieme al porto turistico, un ulteriore pesante aumento di volumetrie in un’area che ha già degli ingenti indici di fabbricabilità. Ma occorre che l’area ritrovi una sua vocazione urbana e che diventi un pezzo “vivo” della città».

La proposta allora consiste nel dislocare ai margini del parco attività pubbliche ma con volumi di basso impatto: laboratori di creatività, scuole di teatro, di danza e di cinema, altre attività per il tempo libero, e tra queste due presenze più forti: la nuova sede della Pinacoteca provinciale «Giaquinto» e la nuova sede dell’Acquario che poi sarebbe l’unica costruzione sul mare, posta al termine di un molo attrezzato.

«Il minimo di volumi ad uso privato ed il massimo di contaminazione con le funzioni pubbliche»: solo a questa condizione, secondo Di Blasi, la marina può essere una risorsa. Alle spalle di queste attività, le residenze e il terziario, trasferendo e addensando le volumetrie previste sulla costa. «Teoricamente - nota l’architetto - la volumetria prevista dal Piano regolatore potrebbe essere ottenuta in isolati con un’altezza media di solo 8/9 piani», a fronte dei 13 piani fuori terra dei palazzi demoliti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400