Giovedì 19 Settembre 2019 | 02:19

NEWS DALLA SEZIONE

Tragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
Nordbarese
Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

 
Meteo
Maltempo, allerta arancione sul Gargano: temporali su tutta la Puglia

Maltempo, allerta arancione sul Gargano: temporali su tutta la Puglia

 
La decisione
Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

 
postpartita
Più aggressività e più tiri in porta: l'analisi del trionfo del Lecce

Più aggressività e più tiri in porta: l'analisi del trionfo del Lecce

 
nel Nordbarese
Andria, rapina da 4mila euro in un centro scommesse: arrestato 34enne

Andria, rapina da 4mila euro in un centro scommesse: arrestato 34enne

 
nel Barese
Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

 
Il caso dress code
Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

 
Arrestato dalla Polizia
Terlizzi, maltrattava la moglie: in cella 53enne per stalking

Terlizzi, maltrattava la moglie: in cella 53enne per stalking

 
A Marconia
Pisticci, chiede il pizzo per restituire fotocamera rubata e rapina la vittima

Pisticci, chiede il pizzo per restituire fotocamera rubata e rapina la vittima

 
In cella un 58enne
Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
TarantoL'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
BatNordbarese
Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

 
BariLa decisione
Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 
PotenzaA Chiaromonte
In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

 
MateraPreso dai Cc
Tito, ai domiciliari ma spacciava: n cella un 49enne

Tito, ai domiciliari ma spacciava: in cella un 49enne

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 

i più letti

Fosse Ardeatine pugliese racconta: «Così mi salvai»

di VITO ANTONIO LEUZZI
BARI - «Mi sono salvato per un caso fortuito dalle Fosse Ardeatine, dopo l’attentato di via Rasella», confida Alfonso Garzia, 85 anni, salentino che vive oramai a Bari da tempo. Negli anni ‘60 aveva mandato a giornali e alla Rai la sua testimonianza, senza nessuna eco («La Gazzetta del Mezzogiorno» gli pubblicò la lettera con il racconto della sua vicenda). Ora - che l’interesse su questa pagina di storia si è fatta più attenta - Garzia torna a testimoniare con più forza. (Il presidente Napolitano lo scorso 25 aprile)
Fosse Ardeatine pugliese racconta: «Così mi salvai»
di Vito Antonio Leuzzi

BARI - «Mi sono salvato per un caso fortuito dalle Fosse Ardeatine, dopo l’attentato di via Rasella», confida Alfonso Garzia, 85 anni, salentino che vive oramai a Bari da tempo. Negli anni ‘60 aveva mandato a giornali e alla Rai la sua testimonianza, senza nessuna eco («La Gazzetta del Mezzogiorno» gli pubblicò la lettera con il racconto della sua vicenda). Ora - che l’interesse su questa pagina di storia si è fatta più attenta - Garzia torna a testimoniare con più forza.

A quanto pare, la vicenda dei «martiri delle Fosse Ardeatine», uno dei più orrendi massacri compiuti dai nazisti in Italia, presenta aspetti ancora poco conosciuti, a distanza di tanti anni.

23 marzo 1944. In una casa romana in via Boccaccio, angolo via Rasella, una intera famiglia di emigrati pugliesi visse momenti di terrore e di angoscia dopo l’attentato compiuto da un nucleo della resistenza romana contro un plotone di militari tedeschi che fu decimato dallo scoppio di una carica di tritolo sistemata in un carretto per la raccolta delle immondizie. La rabbiosa reazione nazista si concentrò contro quella casa prospiciente via Rasella sospettando che in quel palazzo fossero rinchiusi gli attentatori. I tedeschi lanciarono bombe a mano, mitragliarono l’edificio, costringendo uomini donne e bambini a lasciare le abitazioni con la minaccia delle armi.

Gli uomini furono selvaggiamente picchiati. Tra questi c’erano Ferruccio Caputo e Alfonso Garzia, giovanissimi militari sbandati dopo l’armistizio, entrambi originari di Melissano (provincia di Lecce), che si trovavano presso la famiglia Troisi, emigrata dal Salento e residente appunto in via Boccaccio. Dai tedeschi fu prelevato anche un altro coinquilino, Guido Volponi, originario di un piccolo paese delle Marche. Tutti furono trascinati in una vicina piazzetta per essere fucilati. «Ci portarono nella piazzetta - dice Garzia -, ci massacrarono di botte. Anche i fascisti ci colpivano battendoci con le bombe a mano. Ferruccio ebbe tutto il labbro lacerato. Mentre si preparavano a fucilarci - aggiunge - intervenne un funzionario di un vicino commissariato e indusse i nazisti a trasferire i rastrellati nei sotterranei della prigione del ministero dell’Interno. Lì finii anche io».

Il giorno successivo 24 marzo, dopo una notte di interrogatori e pestaggi, Ferruccio Caputo e Guido Volponi furono prelevati e trasferiti dal Viminale alle Fosse Ardeatine assieme ad altri 333 innocenti.

E Alfonso Garzia? «Scampai al massacro - confida - per la distrazione di un ufficiale che non inserì il mio nome nella lista degli arrestati al momento del nostro trasferimento da via Rasella al Viminale, quindi fui rilasciato, dopo alcuni accertamenti, dopo della strage».

Garzia aveva allora 19 anni. Oggi, ottantacinquenne, racconta con estrema lucidità quella tremenda esperienza di cui porta ancora addosso i segni (fu, infatti, ferito di striscio alla testa nel corso del mitragliamento della casa): «Appena aperto il portone, una moltitudine di militari tedeschi e anche italiani armati si scagliò contro di noi colpendoci con le armi che avevano in pugno, sul viso, sulla testa, sulla schiena e in tutte le parti del corpo e gridandoci: “banditi”. Ci martellarono di colpi. Malconci come eravamo fummo fotografati a lungo da ufficiali delle SS, quindi ci sospinsero in fila indiana e con le mani alzate, ci fecero percorrere tutta via Rasella sino a via quattro Fontane… La brutale storia di quell’episodio di guerra è impressa con un marchio di fuoco sulla mia carne e più ancora nel mio animo… Il mio pensiero oggi, va a tutti quegli sventurati che furono privati della loro vita con ferocia umana inaudita e in particolare al mio concittadino e compagno di scuola Ferruccio Caputo, stroncato nel pieno vigore della sua giovinezza».

In tutti questi anni Alfonso Garzia - l’abbiamo già detto - non si è stacato di sollecitare l’attenzione su quell’eccidio, inviando lettere ai giornali, alla Rai (e anche agli amministratori di Melissano per mantenere vivo il ricordo dell’amico Caputo). Tra i martiri delle Ardeatine morirono ben 15 pugliesi, emigrati a Roma negli anni Venti: Gioacchino Gesmundo, professore di filosofia, don Pietro Pappagallo, sacerdote (entrambi di Terlizzi); gli ufficiali Antonio Pisino di Maglie, Federico Carola di Lecce - arrestato e fucilato assieme al fratello Mario, nato a Gaeta -, Antonio Ayroldi di Ostuni e Manfredi Azzarita, figlio di molfettesi; Umberto Bucci e suo figlio Bruno di Lucera, Giuseppe Lotti e Vincenzo Saccottelli, artigiani di Andria, Teodato Albanese avvocato di Cerignola, Gaetano La Vecchia ebanista di Barletta e Nicola Ugo Stame, tenore lirico di Foggia,

Oltre i 15 pugliesi bisogna considerare anche Ugo De Carolis, nato a Caivano (Napoli) ma di famiglia pugliese, maggiore dei carabinieri, Medaglia d’oro al valor militare, al quale sono intitolate la Caserma dei Carabinieri e una scuola media a Taranto, oltre la Scuola ufficiali di Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie