Sabato 31 Luglio 2021 | 04:39

NEWS DALLA SEZIONE

ambiente
Goletta Verde: ecco le acque pugliesi eccellenti

Goletta Verde: ecco le acque pugliesi eccellenti

 
Serie C
Calcio: giocatore positivo al Covid nel Foggia

Calcio: giocatore positivo al Covid nel Foggia

 
il caso
Neomelodico in strada a Bari per compleanno: interviene polizia

Neomelodico in strada a Bari per compleanno: interviene polizia

 
Indagini in corso
Foggia, migranti: nigeriano muore dopo una coltellata al braccio

Foggia, migranti: nigeriano muore dopo una coltellata al braccio

 
Decisione finale a settembre
Bari, Regionali Puglia: il Consiglio Stato boccia Tar su eletti Pd

Bari, Regionali Puglia: il Consiglio di Stato boccia Tar su eletti Pd

 
Il caso
Lecce, ristoratore invita i no vax a non entrare: insulti sul web e denigrazioni

Lecce, ristoratore invita i no vax a non entrare: insulti sul web e denigrazioni

 
Gli ultimi dati
Puglia, Covid: 248 nuovi casi e nessun morto

Puglia, Covid: 248 nuovi casi e nessun morto

 
Domiciliari
Potenza, vuole pascoli solo per sé e perseguita gli altri pastori: arrestato

Potenza, vuole pascoli solo per sé e perseguita gli altri pastori: arrestato

 
un bitontino e un barese
Rosa Marina, denunciati gestore e titolare di bar e lido

Rosa Marina, denunciati gestore e titolare di bar e lido

 
Chiuse le indagini
Bari, evasione fiscale: confiscati ville e yacht a imprenditore caseario

Bari, evasione fiscale: confiscati ville e yacht a imprenditore caseario

 
Maxi-operazione della Finanza
Foggia, Falsi contratti di lavoro e di locazione di immobili per ottenere il rinnovo o il rilascio di permessi di soggiorno

Foggia, falsi contratti di lavoro e di locazione di immobili per ottenere permessi di soggiorno

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'episodio
Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

 
Barisangue sulle strade
Incidente mortale sulla statale 96

Incidente mortale sulla statale 96

 
Foggiale indagini
Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

 
Potenzamobilità
Fal, chiusa dal 2 agosto la linea Potenza Inferiore - Santa Maria

Fal, chiusa dal 2 agosto la linea Potenza Inferiore - Santa Maria

 
PotenzaDati aggiornati
Basilicata, Covid: 37 positivi su 892 tamponi esaminati

Basilicata, Covid: 37 positivi su 892 tamponi esaminati

 
BrindisiVertice in Prefettura
Brindisi, vigneti danneggiati a Cellino San Marco: controlli da intensificare

Brindisi, vigneti danneggiati a Cellino San Marco: controlli da intensificare

 
TarantoAllarme
Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare

Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare - RITROVATO

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

Il fatto

Foggia, operazione anticaporalato: 8 ore di lavoro pagate anche 4 euro

Tre persone in carcere, quattro ai domiciliari. Aziende agricole sottoposte ad amministrazione controllata

caporalato

Foggia - Operazione anticaporalato dei militari dalla compagnia carabinieri di San Severo e dal locale Nucleo Ispettorato del Lavoro, coordinati dalla Procura della Repubblica di Foggia.

Sono sette le misure cautelari emesse nell'ambito dell'operazione denominata «Schermo»: tre in carcere e quattro ai domiciliari. Cinque le aziende agricole interessate.

Più di 50 militari, con l'ausilio dei reparti specializzati dell’Arma dei carabinieri (Nucleo Elicotteri) hanno eseguito, nella provincia di Foggia e Campobasso, le misure cautelari personali per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Le aziende agricole riconducibili a loro sono state sottoposte ad amministrazione controllata dei beni, mobili e immobili.

L’hanno definita una società "schermo», ovvero una società di intermediazione fittizia di Orta Nova (Foggia) che assumeva, per conto di altre aziende, braccianti agricoli da impiegare nei campi ma che nei fatti non pagava contributi, non forniva strumenti di protezione individuale e non rispettava le regole di di sicurezza sui luoghi di lavoro. Accertata l’assunzione di circa 150 braccianti. Questi i dettagli emersi nell’ambito dell’operazione anti-caporalato compiuta questa mattina tra Foggia e Campobasso e che ha portato all’arresto di sette persone, tre in carcere e quattro ai domiciliari, tra imprenditori agricoli e un caporale senegalese. Sottoposte a controllo giudiziario cinque aziende agricole del territorio con fatturati complessivi annui che si aggirano intorno ai due milioni di euro. Sequestrati inoltre beni mobili e immobili per un valore complessivo un milione di euro. Le indagini hanno preso spunto dalla denuncia sporta nel marzo 2020 da due lavoratori africani. I Carabinieri hanno poi accertato che i braccianti venivano reclutati dal caporale nei ghetti di Borgo Mezzanone e nel Gran Ghetto di Rignano, dove vivono migliaia di stranieri che lavorano nei campi del Foggiano. «I migranti erano sottoposti a turni di lavoro estenuanti senza cibo e, addirittura, invece di acqua potabile veniva data loro acqua di pozzo, anche nelle ore più calde della giornata», racconta il maggiore dei Carabinieri Ivano Bigica. I braccianti venivano pagati 5 euro l’ora oppure a cottimo, 4,5 euro a cassone riempito di pomodori. Molte volte venivano filmati per registrare eventuali inadempienze sul lavoro, precisano gli investigatori, come «pomodori lasciati sporchi o cassette posizionate in maniera errata a bordo dei furgoni», così da decurtare l’inadempienza dalla loro paga giornaliera.

I 150 braccianti agricoli sfruttati nei campi del Foggiano (tra Manfredonia, Stornara, Borgo Incoronata) e in quelli del vicino comune molisano di Campomarino (Campobasso) erano costretti a pagare 5 euro al conducente per essere accompagnati sul luogo di lavoro. E' emerso dall’operazione anti-caporalato che, coordinata dalla Procura di Foggia, ha portato oggi all’arresto di sette persone, tra cui un caporale senegalese di 32 anni, che i migranti conoscevano con il nome di «Nicola». Tra gli indagati anche due foggiani di 45 e 70 anni, presidente e vice presidente della Cooperativa Agricola «SudItaly» di Orta Nova (Foggia). I due, con la complicità del caporale, oltre a reclutare la manodopera nei due grandi ghetti del foggiano, effettuavano la comunicazione di assunzione «Unilav» (modello che serve a comunicare assunzioni, cessazioni, e proroghe dei lavoratori) e predisponevano falsi contratti di compravendita a blocco di prodotti agricoli con lo scopo di nascondere l’intermediazione illecita e sfruttare la manodopera impiegata nei campi. "Dalle indagini sono emersi tre aspetti importanti», ha detto il tenente colonnello Milko Velticchio, del Nucleo tutela lavoro di Napoli che ha collaborato alle indagini insieme ai Carabinieri di San Severo (Foggia): «gli arrestati conoscono bene la normativa di settore al punto da trovare il modo per eluderla e hanno saputo rigenerarsi dopo ispezioni o presenza delle forze dell’ordine nei paraggi delle imprese; e hanno punito tanti lavoratori per aver raccolto un pomodoro e non averlo pulito».

DA 4 A 7 EURO PER 8 ORE DI LAVORO - «I lavoratori venivano retribuiti con la somma variabile dai 4 ai 7 euro e 50 centesimi a cassone, a fronte di una giornata lavorativa di circa 8 ore, ed il pagamento avveniva anche conteggiando il numero dei cassoni raccolti». È uno dei passaggi dell’ordinanza con cui il gip del tribunale di Foggia, Roberta di Maria, ha disposto l’arresto per sette persone, sei foggiani e un senegalese, accusati a vario titolo di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.
In carcere sono finiti i foggiani Nicola Marucci, 69 anni, e Danilo Cataldo, 43 anni; e il 32enne senegalese Abou Danssokho. I domiciliari, invece, sono stati disposti per Donato Placentino, 63 anni, Angela Nazaria Siena, 49 anni, Luigi Lattanzio, 50 anni, e Paolo Treviso, 54 anni. Nell’ambito della stessa operazione sono state sottoposte a controllo giudiziario le aziende agricole foggiane: SudItaly-Società Cooperativa Agricola con sede a Orta Nova; Società Cooperativa Agrincoronata con sede a Borgo Incoronata; Società Cooperativa Agricola La Terra Silvestro Fiore, con sede a Foggia in contrada Incoronata; Cooperativa Agricola La Piramide con sede a Torremaggiore, e Azienda Agricola Cascione Giovanna con sede ad Ordona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie