Venerdì 25 Giugno 2021 | 02:19

NEWS DALLA SEZIONE

salute
Quinto congresso «Ame Diabetes Update»: gli appuntamenti in diretta streaming

Quinto congresso «Ame Diabetes Update»: gli appuntamenti in diretta streaming

 
L'allarme
Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

 
vita di palazzo
«Noi presidenti di Regione che rispondiamo al telefono ai cittadini»

«Noi presidenti di Regione che rispondiamo al telefono ai cittadini»

 
Covid
Basilicata, vuote le terapie intensive

Basilicata, vuote le terapie intensive

 
sanità
Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

 
Covid
Vaccini, a Bari ripresa campagna a ritmo serrato

Vaccini, a Bari ripresa campagna a ritmo serrato

 
siccità killer
Clima torrido, allarme dal mondo delle campagne

Clima torrido, allarme dal mondo delle campagne

 
Il caso
Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

 
l'emergenza
Covid: in Puglia nessun morto e 42 positivi, lo 0,6% dei test

Covid: in Puglia nessun morto e 42 positivi, lo 0,6% dei test. Regione con più somministrazioni a over 60

 
L'inchiesta
De Benedictis, un fiume in piena: «paroliere» della giustizia svenduta

De Benedictis, un fiume in piena: «paroliere» della giustizia svenduta

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'allarme
Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

 
PotenzaCalcio
Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

 
Barigli effetti del caldo
Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

 
PotenzaCovid
Basilicata, vuote le terapie intensive

Basilicata, vuote le terapie intensive

 
Tarantosanità
Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

 
BrindisiIl caso
Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

 
FoggiaLa tragedia a gennaio
Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

 
BatL'intervista
«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

 

i più letti

L'intervista

Una barese guida gli epidemiologi italiani: «Contagi in calo ma attenzione a riaperture»

La dirigente dell'agenzia Aress Lucia Bisceglia è il nuovo presidente nazionale dell'Aie

Una barese guida gli epidemiologi italiani: «Contagi in calo ma attenzione a riaperture»

«Mi sarei sentita più sicura se l'allentamento delle misure fosse arrivato con un livello di circolazione virale più basso e una copertura vaccinale maggiore, almeno dei soggetti a rischio». I medico barese Lucia Bisceglia, 44 anni, dirigente dell’agenzia regionale Aress, ha assunto da pochi giorni la guida dell’Associazione italiana di epidemiologia, carica in cui era stata eletta due anni fa. E da cui chiede grande cautela sulle riaperture: «Al momento l’incidenza dei contagi continua a scendere - dice - e non ci sono segnali di ripresa, ma la situazione deve essere costantemente monitorata»

Funziona il meccanismo delle fasce colorate?
«Come Aie abbiamo studiato come variano i contagi nelle regioni con le diverse zone di colore: i risultati evidenziano che quando vengono istituite le zone rosse, dopo più o meno 14 giorni si comincia a osservare un calo dell’incidenza. Viceversa a 14-20 giorni dall’istituzione della zona gialla si verifica che i contagi riprendono a salire. Quindi, insomma, la zona rossa è molto efficace, nella zona arancione l’efficacia nel contenere i contagi è molto legata al livello locale di circolazione virale, mentre la zona gialla e ancor più la zona bianca hanno portato, almeno fino ad oggi, a un nuovo incremento di casi».


È un sistema a molla, potremmo dire.
«E’ un sistema che si basa sulla capacità di sorveglianza, di cogliere precocemente i segnali di allerta e quindi di innescare meccanismi di allentamento/restrizione conseguenti all’andamento dell’epidemia. Noi riteniamo che sia necessario mettere in campo tutti i possibili sistemi di raccolta di questi segnali, attraverso tutti gli indicatori disponibili. Noi, ad esempio, abbiamo proposto, attraverso un nostro gruppo di lavoro guidato dal prof. Cislaghi, un indicatore che si chiama RDt (indice di replicazione diagnostica), che sostanzialmente funziona come l’Rt calcolato dall’Iss, ovvero calcola l’accelerazione dell’epidemia, ma che ha il vantaggio di dare una risposta non rispetto alla situazione di 14 giorni prima come l’Rt, ma molto più tempestiva. Lo abbiamo messo a disposizione della comunità sul nostro sito attraverso un cruscotto che si chiama Made».

E con il vostro indicatore cosa avete osservato?
«In questo momento abbiamo un andamento complessivamente in discesa, con l’indice RDt pressochè ovunque al di sotto dell’unità, e quindi una previsione di un calo generale dell’incidenza per i prossimi giorni, se la situazione rimane stabile e tutti si adopereranno per rispettare le regole. Tuttavia all’allentamento delle restrizioni deve corrispondere un aumento delle capacità di osservare segnali di ripresa: le istituzioni nazionali e locali stanno certamente monitorando molto attentamente la situazione per evitare che si inneschi una nuova ripresa dei contagi e noi offriamo il nostro contributo nella lettura dei dati».

La domanda delle domande è: siamo pronti per le riaperture?
«Di fatto gran parte dell’Italia ha già riaperto il 26 aprile ma è ancora presto per capire se questo avrà conseguenze. La maggior parte degli esperti ha ritenuto che l’allentamento delle misure alla fine di aprile, con una situazione ancora instabile in diverse aree del paese, sia stato rischioso. Questa decisione ha chiamato e chiama direttamente in causa la responsabilità individuale dei cittadini: una volta che vengono riaperte le attività, tocca a ciascuno assicurare il rispetto delle regole attraverso i propri comportamenti».

La campagna di vaccinazione ha già dato un effetto misurabile in termini di riduzione della circolazione del virus?
«Gli studi condotti, anche nel nostro Paese, sulle popolazioni che hanno raggiunto un’elevata copertura vaccinale, come gli operatori sanitari, hanno confermato l’efficacia dei vaccini nel bloccare la trasmissione ma soprattutto nel ridurre l’incidenza della malattia sintomatica e le sue complicazioni. Nelle fasce di popolazione che hanno avuto la possibilità di vaccinarsi l’efficacia si conferma grandissima. In questo momento si sta completando la vaccinazione degli over 80 e delle persone estremamente vulnerabili, e ci aspettiamo che questo possa dare ancora maggior sicurezza. Le cautele sulle riaperture servono esattamente a questo: dare il tempo di completare le vaccinazioni sulle persone più fragili, che rischiano le conseguenze più gravi dei contagi».

Oggi come oggi gli epidemiologi in Italia sono di gran moda. Tutti vorrebbero averne uno sotto casa per consultarlo come fosse un oracolo. Vi stupisce questa popolarità?
«L’epidemiologia utilizza le analisi dei dati, sanitari e non solo, per studiare le dinamiche di salute e fornire le conoscenze utili a promuovere il benessere delle persone. Come Aie da sempre siamo convinti che le scelte e le politiche debbano essere basate sulle migliori evidenze scientifiche disponibili: anche in questa fase stiamo offrendo le nostre competenze affinché le decisioni siano orientate alla tutela della salute».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie