Sabato 15 Maggio 2021 | 01:48

NEWS DALLA SEZIONE

Dibattito
Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

 
Ex Ilva
«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

 
Lo scandalo
Bari, nell'ordinanza cautelare dell'ex gip De Benedictis tutti i sospetti della Dda di Lecce

Bari, nell'ordinanza cautelare dell'ex gip De Benedictis tutti i sospetti della Dda di Lecce

 
Covid
Basilicata, continua a calare il numero di contagi

Basilicata, continua a calare il numero di contagi

 
l'autopsia
Copertino, l'ex carabiniere freddato da quaranta pallini

Copertino, l'ex carabiniere freddato da quaranta pallini

 
Editoria
Gazzetta, passaggio del testimone in redazione

Gazzetta, passaggio del testimone in redazione

 
Covid
Vaccini: entro il 4 giugno in Puglia 800mila dosi

Vaccini: entro il 4 giugno in Puglia 800mila dosi

 
Il bollettino
Coronavirus, in Puglia 14 maggio

Coronavirus, in Puglia 591 nuovi casi su 9827 test (6%). Altre 23 vittime, quasi raggiunta quota 200mila guariti

 
Inquinamento elettromagnetico
Vincitorio: «La Regione riconosca i diritti di chi si ammala»

Vincitorio: «La Regione riconosca i diritti di chi si ammala»

 
Concerti
Locus Festival: il programma dell'estate 2021, da Bersani a Diodato e Niccolò Fabi, tutti i nomi

Locus Festival: il programma dell'estate 2021, da Bersani a Diodato e Niccolò Fabi, tutti i nomi

 
Il bollettino
Coronavirus, in Basilicata 14 maggio

Coronavirus, in Basilicata 116 nuovi contagi e un decesso

 

Il Biancorosso

L'intervista
Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDibattito
Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

 
LecceL'iniziativa
Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

 
TarantoEx Ilva
«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

 
LecceTurismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
Brindisila denuncia
Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 

i più letti

56mila casi coinvolti

Furbetti dei vaccini in Puglia, Figliuolo a Emiliano: «Chiarisca chi sono quelli della categoria 'altro'»

Circa l'8% delle dosi è stato somministrato a persone che non ricadono nella classificazione prevista

vaccino

Circa l’8% delle somministrazioni effettuate fino a ieri in Puglia è classificato nella categoria «altro». Tante in numero assoluto (56mila su 708mila), ma altrove (il Lazio è al 20% su 1.200.000) sono anche di più. Fatto sta che ieri gli uffici del commissario Francesco Paolo Figliuolo hanno chiesto per la seconda volta alla Regione di spiegare cosa ci sia dentro quell’«altro»: la prima richiesta di dati, la scorsa settimana, era infatti caduta nel vuoto.
L’etichetta «altro» viene appiccicata a chi non appartiene alle sei categorie codificate dal primo piano vaccinale (operatori sanitari, personale non sanitario, ospiti delle Rsa, anziani, personale scolastico, forze dell’ordine). In «altro» potrebbero essere finiti sia i pazienti fragili che gli ormai famigerati caregivers (i «badanti» di disabili e persone non autosufficienti), in attesa di una nuova codifica. Ma, teme il Nucleo degli ispettori sanitari pugliesi, quel calderone anche potrebbe contenere una buona parte dei cosiddetti «furbetti»: ad esempio mogli e figli di medici, avvocati, impiegati e tutte le persone che - secondo il Nirs - avrebbero ottenuto una somministrazione del vaccino senza averne titolo.

Ieri i Nas su delega del pm barese Baldo Pisani hanno acquisito una relazione del Nirs. L’obiettivo è verificare se corrisponda al vero che una dose su 5 sia stata somministrata a persone che non rientravano nelle categorie via via previste dalle 19 circolari del dipartimento Salute: una valutazione che però il coordinatore del nucleo degli ispettori, l’avvocato Antonio La Scala, dice di non aver mai fatto. «Non è possibile - dice La Scala - fornire alcun dato o percentuale di presunti furbetti, a fronte di una ispezione amministrativa ancora in corso ed i cui risultati saranno comunque coperti da riservatezza. Ciò che emerge, e di cui ho parlato, sono questioni generali a proposito della mancanza di linee guida per definire esattamente chi debba intendersi come operatore sanitario».

I nodi problematici però sono molti. L’ultimo caso in ordine di tempo è scoppiato tra Pasqua e Pasquetta con i caregivers: anche due o tre per ciascun disabile per il quale è prevista la vaccinazione di un accompagnatore, presentando una semplice autocertificazione. Talmente semplice che a partire da giovedì, dopo che le Procure di Bari e Lecce hanno fatto scattare accertamenti, gli ambulatori hanno tirato il freno: è stato predisposto un nuovo modello di autocertificazione, più preciso, che verrà utilizzato da lunedì. Nel fine settimana i centri pubblici si dedicheranno soltanto a completare le prime dosi per gli ultraottantenni e per alcune categorie di pazienti fragili.

Per rispondere al commissario Figliuolo la Regione dovrà dunque ri-classificare le 56mila persone ora contenute nella categoria altro. Si tratta di un lavoro difficile, per non dire impossibile: il database contiene in realtà una sottocategoria che può consentire una revisione dei dati, ma quando questa indicazione manca si dovrebbe procedere a richiamare la persona interessata. Un delirio. «In realtà - spiega chi si sta occupando di questi problemi - la mancanza di categoria è spesso dovuta alla necessità di andare velocemente: per effettuare le 18 vaccinazioni all’ora per postazione richieste dalla Regione le verifiche documentali devono essere necessariamente rapide». Spesso, insomma, gli ambulatori prendono per buona la prima risposta, pur di andare avanti e vaccinare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie