Venerdì 30 Ottobre 2020 | 17:45

NEWS DALLA SEZIONE

il bollettino
Coronavirus, in Italia 31.084 casi su 215.085 tamponi, mai così tanti. Altre 199 vittime, indice trasmissione sale a 1,7

Coronavirus, in Italia 31.084 casi su 215.085 tamponi, mai così tanti. Altre 199 vittime, indice trasmissione sale a 1,7

 
L'indagine
Nizza, Procura Bari indaga per terrorismo: verifica su sbarco attentatore da nave Rapsody

Nizza, Procura Bari indaga per terrorismo: verifica su sbarco attentatore da nave Rapsody

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 791 nuovi casi, mai così tanti. Effettuati 5591 tamponi, 7 decessi

Covid Puglia, curva contagi sempre alta: 791 casi su circa 6mila tamponi. 7 morti, quasi tutti nel Foggiano

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata 131 nuovi casi e un decesso a Roccanova. Record di tamponi, 1826

Coronavirus, in Basilicata 131 nuovi casi e un decesso a Roccanova. Record di tamponi, 1826

 
Coronavirus
Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

 
Il caso
PopBari, altri sei mesi per le indagini sul crac

PopBari, altri sei mesi per le indagini sul crac

 
Coronavirus
Puglia, la Regione chiede letti ai privati

Puglia, la Regione chiede letti ai privati

 
La polemica web
Puglia, scuole chiuse: ex onorevole, avvocato e membro cda Pop-Bari chiama il ministro «Cazzolina»

Puglia, scuole chiuse: ex onorevole, avvocato e membro cda Pop-Bari chiama il ministro «Cazzolina»

 
Verso il voto
Trump vs. Biden: pugliesi in America divisi sul voto

Trump vs. Biden: pugliesi in America divisi sul voto

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLe dichiarazioni
Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

 
BariGiustizia
Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

 
TarantoCoronavirus
Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

 
FoggiaCoronavirus
Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

 
Materala manifestazione
Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

 
Brindisila ricerca
Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

 
Covid news h 24sanità
Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 

Nuovo Dpcm

«Per i matrimoni è come un lockdown», l'ira di Assoeventi

Parla Boccardi, presidente Assoeventi in Confidustria nazionale e Bari-Bat

«Per i matrimoni è come un lockdown», l'ira di Assoeventi

«Ho presentato una interrogazione al Comitato tecnico scientifico chiedendo lumi sull’obbligo di soli trenta invitati ai matrimoni imposta da questo Dpcm e la risposta è stata che “non c’è alcuna evidenza scientifica che la limitazione del numero di invitati a feste e banchetti possa servire a limitare i contagi”». La voce di Michele Boccardi freme di ira, il presidente Assoeventi in Confindustria nazionale e Bari-Bat non riesce a mascherare la sua indignazione: «È un colpo basso. Questo Dpcm è un colpo sotto la cintura. Queste regole sono state scritte da un folle. La Puglia è la regina dei matrimoni. Bloccare ottobre significa far saltare tutta una serie di cerimonie che già erano state rimandate dalla scorsa primavera. Solo per questo fine settimana ho dovuto annullare due matrimoni. Stiamo parlando di cibi comprati, personale assunto, tutto già pronto, per non dire del danno inflitto a sposi e invitati: la perdita è altissima, sia monetaria perché tutto è stato già saldato, sia psicologica. Ma ci rendiamo conto?».

No, i titolari di sale ricevimento non si limitano a leccarsi le ferite. Le regole del Dpcm di ottobre sono un vero colpo al cuore e si cerca in tutti i modi di andare al contrattacco. «Che sia chiaro, l’ho già detto e lo ripeto: la salute viene prima di tutto, ma quello che il Governo ci ha fatto è senza senso – sottolinea con forza Boccardi -. Se il criterio da rispettare è il distanziamento, le sale ricevimento sono strutture grandi da permettere ben più di 30 persone, quindi perché quest'obbligo?».

Il comparto Wedding è tra i più colpiti dalle normative imposte per contrastare l’epidemia. Dall’inizio dell’anno sono state annullate praticamente l’85% delle cerimonie a livello nazionale. In Puglia il danno economico è di 850 milioni di euro. «E sono cifre che riguardano solo il settore delle sale ricevimento – spiega il presidente Assoeventi – in questi numeri non è conteggiato tutto l’indotto. Sapevamo che quest’anno non avremo potuto riprenderci, ma si stava cercando di reggere e ora all’improvviso questo decreto che spezza ulteriormente le gambe. Senza motivo. Per quanto ci riguarda è come se ci avessero imposto un nuovo lockdown, il risultato è identico. Anzi, mettiamola così, invece della beffa dei trenta invitati, fermavano tutto e forse era meglio».

In Puglia e tutto il Sud la festa di matrimonio «è» il matrimonio, limitare a trenta il numero degli invitati, suona quasi come un dispetto. «Le famiglie risparmiano una vita per questo giorno – scuote la testa Boccardi mentre guarda sconsolato il telefono che squilla -. Le persone stanno praticamente impazzendo e noi con loro. Io personalmente proprio per senso di responsabilità avevo già proposto e tolto la possibilità di ballare, per evitare rischi, ora torno con nuove proposte: se un metro di distanza non è sufficiente rilanciamo con due, ma lasciateci lavorare. Ho presentato le nuove linee guida a Stefano Bonaccini per avviare una trattativa nel seno del tavolo Stato-Regioni, ma dal Governo non è arrivata alcuna risposta. Poi con l’ulteriore impennata dei contagi di questi giorni, figuriamoci, non ci ascolteranno neanche».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie