Mercoledì 28 Ottobre 2020 | 04:02

NEWS DALLA SEZIONE

La diretta
Conte lancia il decreto Ristori: 5 mld a sostegno delle imprese più colpite dal Dpcm

Ecco il decreto Ristori: 5 mld a sostegno delle imprese più colpite dal Dpcm VD

 
La lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
La decisione
Emergenza Coronavirus, confermata in Puglia la sospensione dei ricoveri ordinari

Emergenza Covid, in Puglia stop a tempo indeterminato per i ricoveri ordinari

 
Il batterio killer
Xylella in Puglia, nuovi focolai nella Piana degli Ulivi Monumentali: 14 alberi infetti

Xylella in Puglia, nuovi focolai nella Piana degli Ulivi Monumentali: 14 alberi infetti

 
Il virus
Covid 19 in Puglia, il 118 di Bari sommerso di chiamate: 1400 al giorno

Covid 19 in Puglia, il 118 di Bari sommerso di chiamate: 1400 al giorno

 
Sanità
Emergenza Covid 19: a Terlizzi da domani pronti altri 40 posti letto

Emergenza Covid 19: a Terlizzi da domani pronti altri 40 posti letto

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, 21.994 nuovi casi e 221 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus in Italia, 21.994 nuovi casi e 221 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso
Cyberbullismo, 15enne su Instagram: «Basta mi uccido», salvato da amica tarantina

Cyberbullismo, 15enne su Instagram: «Basta mi uccido», salvato da amica tarantina

 
Il primato
Emergenza Covid, aeroporto Bari è il migliore tra i medio-grandi per assistenza

Emergenza Covid, aeroporto Bari è il migliore tra i medio-grandi per assistenza

 
il bollettino
Coronavirus Puglia: 611 nuovi casi e 13 morti, di cui 10 nel Foggiano. Altri 49 ricoveri

Coronavirus Puglia: 611 nuovi casi e 13 morti, di cui 10 nel Foggiano. Altri 49 ricoveri. Riapre Ortopedia a Castellaneta

 
Il caso
Bari, uccise la ex e nascose il corpo in una fabbrica abbandonata: il processo

Bari, uccise la ex e nascose il corpo in una fabbrica abbandonata: il processo

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

 
FoggiaLa lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
TarantoLa denuncia
M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

 
PotenzaIl caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
MateraIl virus
Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

 
LecceLe dichiarazioni
Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

 
Brindisinel Brindisino
Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 

i più letti

Il delitto

Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

Il killer ha colpito con furia cieca e si è accanito sulla donna; 15 fendenti per Daniele De Santis

Lecce, duplice omicidio: in un video la fuga del killer

Il killer di via Montello ha agito con una furia cieca. Avrebbe inferto una trentina di coltellate sul corpo di Eleonora Manta, una quindicina su quello del fidanzato della ragazza, l’arbitro di calcio di serie Pro Daniele De Santis. E per dimostrare la sua determinazione a far fuori la coppia, ha usato un coltello di grosse dimensioni, dello stesso tipo di quelli usati dai macellai. L’autopsia sui corpi dei due fidanzati di Lecce, uccisi lunedì sera nel palazzo in cui vivevano, conferma la furia cieca del sicario che ha raggiunto l’appartamento di Daniele ed 'Elly' solo per uccidere. Inoltre sapeva che in quella casa i due fidanzati, 33 anni lui, 30 lei, avevano deciso di convivere.

Un corteggiatore respinto dalla ragazza? Un ragazzo deluso dalle avance andate a vuoto e che aveva capito che la convivenza avrebbe fatto calare definitivamente il sipario sui suoi progetti amorosi? E’ per questo che ha ucciso prima la donna accanendosi sul suo corpo con così tante coltellate e poi il suo uomo? Sono gli interrogativi a cui gli inquirenti stanno cercando di rispondere.

Per questo stanno esaminando anche i telefoni e i computer delle vittime che La Procura di Lecce ha sequestrato e affidato ad un consulente, Silverio Greco, che dovrà estrapolarli. Questo lavoro tecnico dovrà poi essere incrociato con i tabulati telefonici delle due vittime e sul traffico dei dati.

Quel che sembra certo è che le vittime conoscevano il loro assassino (Eleonora sicuramente) che per uccidere ha indossato una felpa nera con cappuccio calato sul capo, guanti neri e ha portato con sé un coltellaccio che nascondeva in uno zainetto giallo che aveva sulle spalle. Aveva studiato tutto, ma forse nella fuga ha perso dei bigliettini, poi sequestrati dagli inquirenti nel cortile esterno del condominio.

E poi il nome urlato da Eleonora prima di essere accoltellata a morte: "Andrea, no, Andrea"!. Implorava il sicario, o chiedeva aiuto al suo vicino di casa che si chiama Andrea? Anche su questo si concentrano le indagini della Procura di Lecce, coordinate dal procuratore Leonardo Leone De Castris, che a breve darà il nulla osta per i funerali della coppia.

Il luogo potrebbe essere la piazza di Seclì (Lecce), il piccolo comune salentino di cui era originaria Eleonora e dove risiede la madre straziata dal dolore per la morte dell’unica figlia che da quattro anni era legata a Daniele.

I due erano felici: viaggiavano, avevano una buona vita sociale e non avevano mai avuto alcun problema. Pur non escludendo alcuna pista, gli inquirenti non sembrano infatti propendere per il movente della lite condominiale che nelle prime ore era stata avanzata perché Daniele era iscritto nell’Albo degli amministratori di condominio. Erano due ragazzi dolci.

Lui arbitro di calcio in carriera, lei neo funzionario dell’Inps a Brindisi. Basti pensare che dall’esame del cellulare di Daniele è emersa una foto che il giovane arbitro aveva inviato con WhatsApp ai genitori poco prima di essere ucciso: è l'immagine di un quadro che aveva preso dalla casa dei suoi e portato nel suo nuovo appartamento. Daniele era felice e mostrava con orgoglio quel quadro che arredava il suo nido d’amore che subito dopo è diventato il teatro di un atroce massacro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie