Martedì 11 Agosto 2020 | 12:12

NEWS DALLA SEZIONE

il bollettino
Coronavirus, in Basilicata positiva una donna rientrata dalla Lombardia su 249 tamponi

Coronavirus, in Basilicata positiva una donna rientrata dalla Lombardia su 249 tamponi

 
NUOTO
I big del nuoto al «Sette Colli», la Puglia vuole lasciare la firma

I big del nuoto al «Sette Colli», la Puglia vuole lasciare la firma

 
tragedia nel Salento
Marina di Alliste, 79enne muore in mare: corpo trovato dai bagnanti

Marina di Alliste, 79enne muore in mare: corpo trovato dai bagnanti

 
consumi
Coldiretti Puglia: «Allarme frutta sottopagata, angurie a un centesimo al chilo»

Coldiretti Puglia: «Allarme frutta sottopagata, angurie a un centesimo al chilo»

 
IL CASO
Flop delle Usca, la Regione Puglia le azzera

Flop delle Usca, la Regione Puglia azzera tutto

 
polizia locale
Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

Bari, passa col rosso e si schianta contro distributore benzina: nei guai un 22enne

 
Incidente mortale
Brindisi, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

Tragedia nel Brindisino, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 259 nuovi casi e 4 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 259 nuovi casi e 4 morti nelle ultime 24 ore

 
L'appello
Sei casi positivi di Covid 19 da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

Covid 19, sei casi positivi da rientro a Giovinazzo, il sindaco: «Restiamo in Puglia»

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
BariLA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

Il futuro del siderurgico

Mittal Taranto apre allo Stato: «Sì a ingresso socio istituzionale»

L’amministratore delegato Lucia Morselli intervenendo alla trasmissione Porta a porta di Bruno Vespa ha parlato del coinvestimento dello Stato attraverso Invitalia

Conte: «Mittal chiede 5000 esuberi, inaccettabile». Governo disponibile a discutere immunità

TARANTO - «La trattativa con il governo si muove sicuramente sull'ingresso di un socio istituzionale, è un impegno contrattuale e siamo contenti di questa trattativa». L'Ad di ArcelorMittal Italia, Lucia Morselli, ha scelto la platea televisiva di Porta a Porta per annunciare che la multinazionale ha «accettato che nel capitale di ArcelorMittal entri un investitore istituzionale, individuato in Invitalia, quindi è sicuramente compatibile un lavoro insieme».

La manager ha commentato positivamente la call conference che si è svolta nel primo pomeriggio e che ha segnato l’avvio della discussione del coinvestimento dello Stato in ArcelorMittal. All’incontro hanno partecipato Francesco Caio, consulente del Governo per il dossier ArcelorMittal; Domenico Arcuri, amministratore delegato della società pubblica Invitalia; e Ondra Otravec, dirigente Fusione acquisizioni della multinazionale.

«Abbiamo parlato - ha spiegato Morselli - di regole di valutazione dell’azienda, a cui ci atterremo. Questo determinerà le varie posizioni. C'è un piano di investimenti che richiede questo tipo di colloqui e di scambio di documentazione. In parallelo c'è il lavoro su come sarà l’azienda nei prossimi anni, ma le cose sono abbastanza collegate». Gli accordi «di marzo sono azioni - ha ribadito l’Ad di ArcelorMittal - a cui tutto il governo si è rifatto in questi giorni. Ribadisco che anche per noi quegli accordi di marzo sono vincolanti e intendiamo rispettarli».

«IMPIANTO PIU' BELLO D'EUROPA» - Rispondendo ad una considerazione di Bruno Vespa che ha detto di aver visto Lucia Morselli «innamorata dell’acciaieria» la stessa dirigente d’azienda ha ammesso che è una considerazione "molto vicina alla realtà. Credo - ha aggiunto - che dobbiamo essere tutti orgogliosi di questo impianto, il più bell'impianto d’Europa, il più moderno, il più potente, tutti ce lo invidiano. E credo che sia un privilegio essere a lavorare lì».

Morselli ha spiegato che vengono confermati gli investimenti sul piano ambientale e che il colosso franco-indiano ha «lavorato su quello che doveva essere un equilibrio di forza-lavoro considerando che questa è un’acciaieria che per qualche anno, per legge ambientale, deve rimanere ferma ai 6 milioni di tonnellate d’acciaio annue, quindi non può salire. E' evidente che fino a quando non possa arrivare agli 8 milioni di tonnellate, di cui si è parlato anche negli accordi di marzo, il personale risulta leggermente in eccesso. Questo è un dato di fatto».

Il governo sapeva, ma «ha preferito in quella fase - ha chiarito l’amministratore delegato - non coinvolgere il sindacato in questa negoziazione, i numeri non sono stati esplicitati ma è stato esplicitato molto chiaramente il concetto, e cioè che l’azienda doveva essere in equilibrio economico». Immediata la replica su Twitter del viceministro all’Economia Antonio Misiani: «la dottoressa Morselli dichiara che il Governo saprebbe da marzo di eventuali esuberi all’ex Ilva, ma in quell'accordo - ha chiosato l’esponente del governo - non era previsto alcun esubero. Il governo vuole portare avanti l’intesa del 4 marzo senza arretrare sul fronte della tutela dell’occupazione».

E anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Stefano Buffagni replica: «la Morselli parla di esuberi già a conoscenza del Governo? Non esiste nulla di tutto questo negli accordi di marzo; non si gioca sulla pelle delle persone: sulla tutela occupazionale non si arretra!»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie