Domenica 20 Settembre 2020 | 22:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso ad Adelfia
Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

 
Il ritrovamento
Altamura, ritrovato il corpo senza vita di Giuseppe Plantamura scomparso da 3 mesi

Altamura, ritrovato il corpo senza vita di Giuseppe Plantamura scomparso da 3 mesi

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 1.587 nuovi contagi e 15 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 1.587 nuovi contagi e 15 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 
Il ritorno del contagio
Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

 
Il caso
Altamura, in quarantena chiede il voto a domicilio

Altamura, in quarantena chiede il voto a domicilio

 
La rinascita
Milano, PopBari, il 15 ottobre l’assemblea per il Cda

Popolare Bari, si riunirà il 15 ottobre l’assemblea per il Cda

 
dati regionali
Coronavirus, in Puglia cale numero contagi (+50) su 2.777 tamponi effettuati: 29 positivi nel Barese e una vittima a Taranto

Coronavirus, in Puglia calano contagi (+50) su 2777 tamponi: 29 positivi nel Barese e 1 morto nel Tarantino. Eseguiti 86 test in Rsa Foggia

 
Elezioni 2020
Puglia, primi dati affluenza: alle 12 ha votato il 13,22% degli elettori pugliesi

Regionali Puglia, primi giorno d'affluenza: alle 12 ha votato il 12,04% degli elettori. Alle 19 alle urne il 27,60%. Si vota in 49 comuni pugliesi e 22 lucani

 
Elezioni 2020
Regionali Puglia, Laricchia vota ad Adelfia nella scuola «Aldo Moro»

Regionali Puglia, Laricchia vota ad Adelfia nella scuola «Aldo Moro»

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso ad Adelfia
Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

 
MateraIl caso
Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 
HomeIl ritorno del contagio
Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

 
NewsweekL'iniziativa
Ferrero sceglie Grotta della poesia e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

Ferrero sceglie Roca (Melendugno) e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

 
BatLa ricorrenza
Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

 
TarantoRiciclaggio
Taranto, auto di lusso sequestrata dalla stradale

Taranto, auto di lusso sequestrata dalla Polstrada

 
PotenzaLa pena inflitta
Stupro a S. Valentino condannato 36enne di Abriola a 6 anni e 6 mesi

Abriola, stupro di S. Valentino: condannato 36enne a 6 anni e 6 mesi

 

i più letti

Puglia

Agricoltura: caos Psr, via il secondo dirigente

Arriva nuovo responsabile dei fondi europei: è il terzo in 10 mesi

agricoltura

iLa guida dell’Autorità di gestione del Programma di sviluppo rurale cambia di nuovo, per la terza volta in dieci mesi. E questo nonostante il 10 luglio, dopo le dimissioni dell’assessore Leo Di Gioia, il governatore Michele Emiliano avesse garantito che il precedente responsabile, il dirigente Luca Limongelli, «ha comunicato di ritirare la domanda di pensionamento». Invece il 30 ottobre Limongelli ha lasciato la Regione, nel pieno del caos per la gestione dei fondi europei per l’agricoltura che vanno incontro a un disimpegno ormai certo.

E così, dopo aver scaricato a dicembre il capo dipartimento Gianluca Nardone per passare a Limongelli, la Regione ha affidato l’Autorità di gestione all’unica dirigente che si è dichiarata disponibile, Rosa Fiore, che però non ha alcuna esperienza specifica e dovrà dividersi con l’incarico di coordinamento del tavolo delle Regioni sull’agricoltura. Aria di disimpegno, dunque, proprio mentre continuano a piovere sulla Regione sentenze del Tar che fanno a pezzi le ultime decisioni sul Psr.
I giudici amministrativi (Terza sezione) hanno infatti sospeso la circolare con cui il 7 giugno proprio Limongelli, nell’estremo e disperato tentativo di sbloccare i pagamenti aveva manomesso le regole operative del bando per le misure infrastrutturali 6.1 e 4.1a, quella che solo pochi giorni fa è stata oggetto di un’altra pronuncia cautelare. In sostanza, la Regione aveva stabilito che le imprese non dovevano più presentare una serie di documenti contestualmente alla richiesta di contributo, ma potevano rinviare l’adempimento ai successivi sei mesi. Tra questi documenti ci sono il Durc e la dichiarazione di sostenibilità finanziaria, ovvero l’attestazione che l’investimento proposto (con fondi pubblici) ha un senso economico.
Una decisione che era stata presa con le migliori intenzioni (pagare velocemente), anche se con conseguenze non proprio neutre, perché ha fatto rientrare chi è stato escluso dalla graduatoria per mancanza della dichiarazione escludendo invece chi attendeva di rientrare in conseguenza di queste esclusioni. Ed infatti a rivolgersi al Tar sono state proprio alcune imprese inserite in graduatoria in posizione non utile: i giudici amministrativi (relatore Di Bello) sono intervenuti «al fine di scongiurare possibili disparità di trattamento», e rilevando ancora una volta la «parzialità dell’attività istruttoria svolta dall’autorità regionale».

Anche chi ha presentato quest’ultimo ricorso, così come le imprese che invece avevano impugnato la graduatoria di marzo della misura 4.1a, sono state ammesse con riserva. È vero che - come ha rilevato mercoledì la Regione - né questa ordinanza né quelle dell’altro giorno bloccano la graduatoria e impediscono di pagare. Ma questo vale solo in teoria, perché in pratica sarà difficile che la struttura dell’assessorato firmi liquidazioni di contributi che potrebbero essere disimpegnati senza un meccanismo di salvaguardia (la Regione ha annunciato la disponibilità di fondi extra).
E dunque il problema resta. Entro fine anno la Puglia dovrebbe spendere 260 milioni di euro per centrare l’obiettivo di spesa del Psr, che vale in totale 1,4 miliardi: circa 500 milioni sono concentrati sulle misure infrastrutturali (i contributi diretti agli agricoltori). Prima di lasciare, Limongelli aveva stimato che senza 4.1a si potesse arrivare a circa 100 milioni, causando il disimpegno di circa 160 milioni. L’unica possibilità è che Bruxelles riconosca la causa di forza maggiore (le sentenze del Tar) e consenta alla Puglia di rimodulare i budget.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie