Giovedì 27 Febbraio 2020 | 13:20

NEWS DALLA SEZIONE

bufera
«Spiava il cda»: cacciato De sanctis, l'ad di Aqp sorpreso a registrare con l'iPad riunione sulla sua buonuscita

«Spiava il cda»: cacciato De Sanctis, l'ad di Aqp sorpreso a registrare con l'iPad riunione sulla sua buonuscita

 
il siderurgico
Mittal, attese domani firme su accordo ex Ilva. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

Mittal, attese domani firme su accordo. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

 
in centro
Taranto, era ricercato per sfruttamento della prostituzione, si era nascosto in un B&B: catturato

Taranto, era ricercato per sfruttamento della prostituzione: catturato in un B&B

 
cc e polizia
Droga al San Paolo e a Turi: due arresti nel Barese

Droga al San Paolo e a Turi: due arresti nel Barese

 
colti in flagrante
Bari, rubano da distributori in scuola Santomauro: 2 arresti

Bari, rubano da distributori in scuola Santomauro: 2 arresti

 
pareggio
Ternana-Bari 2-2, il videocommento della partita

Ternana-Bari 2-2, il videocommento della partita

 
nel foggiano
Cerignola, moto non si fermò all'alt e investì finanziere: obbligo di dimora per un 21enne

Cerignola, moto non si fermò all'alt e investì finanziere: obbligo di dimora per un 21enne

 
la vertenza
I giornalisti: «Ecco le cause di difficoltà della nostra 'Gazzetta'»

I giornalisti: «Ecco le cause di difficoltà della nostra 'Gazzetta'»

 
Il virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Coronavirus a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno. È asintomatico e senza febbre 
Al Moscati isolato pronto soccorso. Scuole chiuse fino all'1 marzo

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batcos aci faceva lì
Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

 
Tarantoil siderurgico
Mittal, attese domani firme su accordo ex Ilva. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

Mittal, attese domani firme su accordo. Sindaco Taranto a Conte: «Stop emissioni o fermo attività»

 
NewsweekLa storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
BariL'iniziativa
Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

 
Leccelibri
«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Puglia

Agricoltura: caos Psr, via il secondo dirigente

Arriva nuovo responsabile dei fondi europei: è il terzo in 10 mesi

agricoltura

iLa guida dell’Autorità di gestione del Programma di sviluppo rurale cambia di nuovo, per la terza volta in dieci mesi. E questo nonostante il 10 luglio, dopo le dimissioni dell’assessore Leo Di Gioia, il governatore Michele Emiliano avesse garantito che il precedente responsabile, il dirigente Luca Limongelli, «ha comunicato di ritirare la domanda di pensionamento». Invece il 30 ottobre Limongelli ha lasciato la Regione, nel pieno del caos per la gestione dei fondi europei per l’agricoltura che vanno incontro a un disimpegno ormai certo.

E così, dopo aver scaricato a dicembre il capo dipartimento Gianluca Nardone per passare a Limongelli, la Regione ha affidato l’Autorità di gestione all’unica dirigente che si è dichiarata disponibile, Rosa Fiore, che però non ha alcuna esperienza specifica e dovrà dividersi con l’incarico di coordinamento del tavolo delle Regioni sull’agricoltura. Aria di disimpegno, dunque, proprio mentre continuano a piovere sulla Regione sentenze del Tar che fanno a pezzi le ultime decisioni sul Psr.
I giudici amministrativi (Terza sezione) hanno infatti sospeso la circolare con cui il 7 giugno proprio Limongelli, nell’estremo e disperato tentativo di sbloccare i pagamenti aveva manomesso le regole operative del bando per le misure infrastrutturali 6.1 e 4.1a, quella che solo pochi giorni fa è stata oggetto di un’altra pronuncia cautelare. In sostanza, la Regione aveva stabilito che le imprese non dovevano più presentare una serie di documenti contestualmente alla richiesta di contributo, ma potevano rinviare l’adempimento ai successivi sei mesi. Tra questi documenti ci sono il Durc e la dichiarazione di sostenibilità finanziaria, ovvero l’attestazione che l’investimento proposto (con fondi pubblici) ha un senso economico.
Una decisione che era stata presa con le migliori intenzioni (pagare velocemente), anche se con conseguenze non proprio neutre, perché ha fatto rientrare chi è stato escluso dalla graduatoria per mancanza della dichiarazione escludendo invece chi attendeva di rientrare in conseguenza di queste esclusioni. Ed infatti a rivolgersi al Tar sono state proprio alcune imprese inserite in graduatoria in posizione non utile: i giudici amministrativi (relatore Di Bello) sono intervenuti «al fine di scongiurare possibili disparità di trattamento», e rilevando ancora una volta la «parzialità dell’attività istruttoria svolta dall’autorità regionale».

Anche chi ha presentato quest’ultimo ricorso, così come le imprese che invece avevano impugnato la graduatoria di marzo della misura 4.1a, sono state ammesse con riserva. È vero che - come ha rilevato mercoledì la Regione - né questa ordinanza né quelle dell’altro giorno bloccano la graduatoria e impediscono di pagare. Ma questo vale solo in teoria, perché in pratica sarà difficile che la struttura dell’assessorato firmi liquidazioni di contributi che potrebbero essere disimpegnati senza un meccanismo di salvaguardia (la Regione ha annunciato la disponibilità di fondi extra).
E dunque il problema resta. Entro fine anno la Puglia dovrebbe spendere 260 milioni di euro per centrare l’obiettivo di spesa del Psr, che vale in totale 1,4 miliardi: circa 500 milioni sono concentrati sulle misure infrastrutturali (i contributi diretti agli agricoltori). Prima di lasciare, Limongelli aveva stimato che senza 4.1a si potesse arrivare a circa 100 milioni, causando il disimpegno di circa 160 milioni. L’unica possibilità è che Bruxelles riconosca la causa di forza maggiore (le sentenze del Tar) e consenta alla Puglia di rimodulare i budget.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie