Domenica 29 Marzo 2020 | 23:37

NEWS DALLA SEZIONE

Sulla nave di crociera
Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

 
Solidarietà
Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

 
Il caso
Coronavirus, sindaci Lega Puglia: «Buoni spesa non sufficienti»

Coronavirus, sindaci Lega Puglia: «Buoni spesa non sufficienti»

 
La curva statistica
Coronavirus in Puglia, come leggere i dati? Ce li spiega un matematico: segui la diretta

Coronavirus in Puglia, come leggere i dati? Ce li spiega un matematico: rivedi la diretta

 
Il decalogo
Coronavirus, il vademecum dell’Anci per i primi cittadini: 10 regole per la comunicazione

Coronavirus, il vademecum dell’Anci per i primi cittadini: 10 regole per la comunicazione

 
I dati
Coronavirus Italia, superati i 70mila contagi, i morti sono 10.779. Triplicati i guariti

Coronavirus Italia, superati i 70mila contagi, i morti sono 10.779. Triplicati i guariti

 
Il video
Coronavirus, Emiliano: «Distribuite tute non idonee. Bisogna proteggere i sanitari pugliesi»

Coronavirus, Emiliano: «Distribuite tute non idonee. Bisogna proteggere i sanitari pugliesi»

 
Il bollettino
Coronavirus Puglia, curva in leggero calo: 91 casi in un giorno, 1549 contagiati. Crescono i morti: 15. I dati per provincia

Coronavirus Puglia, curva in leggero calo: 91 casi in un giorno, 1549 contagiati. Crescono i morti: 15. I dati per provincia

 
Solidarietà tra stati
Coronavirus, l'Albania invia 30 medici e infermieri: «Non dimentichiamo l'Italia che ci ha aiutato»

Coronavirus, l'Albania invia 30 medici e infermieri: «Non dimentichiamo l'Italia che ci ha aiutato»

 
Il virus
Coronavirus, 24 contagi nel centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano

Coronavirus, 22 contagi nel centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano

 
L'emergenza al San Paolo
Bari, in 7 vivono in appartamento di 60 mq: tra loro nonno positivo al Covid 19

Bari, in 7 vivono in appartamento di 60 mq: tra loro nonno positivo al Covid 19

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceal vito fazzi
Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

 
BariIl virus
Covid 19, altri 4 casi in una Rsa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

Covid 19, altri 4 casi in una Rssa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

 
TarantoIl personaggio
Camillo Pace esorcizza il Covid 19:  con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

Camillo Pace esorcizza il Covid 19: con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

 
PotenzaIl virus
Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

 
Foggiapene inasprite
Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

 
Batnuoto
«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

 
Brindisiemergenza coronavirus
Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 

i più letti

Puglia

Agricoltura: caos Psr, via il secondo dirigente

Arriva nuovo responsabile dei fondi europei: è il terzo in 10 mesi

agricoltura

iLa guida dell’Autorità di gestione del Programma di sviluppo rurale cambia di nuovo, per la terza volta in dieci mesi. E questo nonostante il 10 luglio, dopo le dimissioni dell’assessore Leo Di Gioia, il governatore Michele Emiliano avesse garantito che il precedente responsabile, il dirigente Luca Limongelli, «ha comunicato di ritirare la domanda di pensionamento». Invece il 30 ottobre Limongelli ha lasciato la Regione, nel pieno del caos per la gestione dei fondi europei per l’agricoltura che vanno incontro a un disimpegno ormai certo.

E così, dopo aver scaricato a dicembre il capo dipartimento Gianluca Nardone per passare a Limongelli, la Regione ha affidato l’Autorità di gestione all’unica dirigente che si è dichiarata disponibile, Rosa Fiore, che però non ha alcuna esperienza specifica e dovrà dividersi con l’incarico di coordinamento del tavolo delle Regioni sull’agricoltura. Aria di disimpegno, dunque, proprio mentre continuano a piovere sulla Regione sentenze del Tar che fanno a pezzi le ultime decisioni sul Psr.
I giudici amministrativi (Terza sezione) hanno infatti sospeso la circolare con cui il 7 giugno proprio Limongelli, nell’estremo e disperato tentativo di sbloccare i pagamenti aveva manomesso le regole operative del bando per le misure infrastrutturali 6.1 e 4.1a, quella che solo pochi giorni fa è stata oggetto di un’altra pronuncia cautelare. In sostanza, la Regione aveva stabilito che le imprese non dovevano più presentare una serie di documenti contestualmente alla richiesta di contributo, ma potevano rinviare l’adempimento ai successivi sei mesi. Tra questi documenti ci sono il Durc e la dichiarazione di sostenibilità finanziaria, ovvero l’attestazione che l’investimento proposto (con fondi pubblici) ha un senso economico.
Una decisione che era stata presa con le migliori intenzioni (pagare velocemente), anche se con conseguenze non proprio neutre, perché ha fatto rientrare chi è stato escluso dalla graduatoria per mancanza della dichiarazione escludendo invece chi attendeva di rientrare in conseguenza di queste esclusioni. Ed infatti a rivolgersi al Tar sono state proprio alcune imprese inserite in graduatoria in posizione non utile: i giudici amministrativi (relatore Di Bello) sono intervenuti «al fine di scongiurare possibili disparità di trattamento», e rilevando ancora una volta la «parzialità dell’attività istruttoria svolta dall’autorità regionale».

Anche chi ha presentato quest’ultimo ricorso, così come le imprese che invece avevano impugnato la graduatoria di marzo della misura 4.1a, sono state ammesse con riserva. È vero che - come ha rilevato mercoledì la Regione - né questa ordinanza né quelle dell’altro giorno bloccano la graduatoria e impediscono di pagare. Ma questo vale solo in teoria, perché in pratica sarà difficile che la struttura dell’assessorato firmi liquidazioni di contributi che potrebbero essere disimpegnati senza un meccanismo di salvaguardia (la Regione ha annunciato la disponibilità di fondi extra).
E dunque il problema resta. Entro fine anno la Puglia dovrebbe spendere 260 milioni di euro per centrare l’obiettivo di spesa del Psr, che vale in totale 1,4 miliardi: circa 500 milioni sono concentrati sulle misure infrastrutturali (i contributi diretti agli agricoltori). Prima di lasciare, Limongelli aveva stimato che senza 4.1a si potesse arrivare a circa 100 milioni, causando il disimpegno di circa 160 milioni. L’unica possibilità è che Bruxelles riconosca la causa di forza maggiore (le sentenze del Tar) e consenta alla Puglia di rimodulare i budget.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie