Domenica 17 Novembre 2019 | 23:39

NEWS DALLA SEZIONE

La protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 
maltempo
Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

 
In Salento
Scorrano, ruba in chiesa dalla cassetta delle offerte e urina sull'altare: caccia al ladro

Scorrano, ruba in chiesa dalla cassetta delle offerte e urina sull'altare: caccia al ladro

 
dai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
trasporti
Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia

Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia, bocciato dal Ministero

 
l'episodio
Foggia, in 5 picchiano consigliere comunale: aveva rimproverato cittadino

Foggia, in 5 picchiano consigliere comunale: aveva rimproverato cittadino

 
serie a
Lecce, Mancosu pronto per il «suo» Cagliari

Lecce, capitan Mancosu pronto per il «suo» Cagliari

 
fermato a bari        
Bari, a folle velocità sul lungomare ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

A folle velocità sul lungomare, ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

 
il siderurgico
Mittal, indaga anche Taranto, scontro M5S e Pd sullo scudo. Lunedì consiglio fabbrica

Mittal, indaga anche Taranto, scontro M5S e Pd su scudo.
In agitazione aziende indotto

 
nel Salento
Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

Regione Puglia

Agricoltura, stop del Tar ai pagamenti del Programma di sviluppo rurale

Bloccata la misura 41a: 160 milioni a rischio disimpegno

Agricoltura, stop del Tar ai pagamenti del Programma di sviluppo rurale

Nemmeno la nuova formulazione della misura 4.1a del Programma di sviluppo rurale è passata indenne dall’esame dei giudici amministrativi. A seguito delle pronunce del Consiglio di Stato, il Tar di Bari (Terza sezione) ha sospeso in via cautelare la graduatoria pubblicata dopo il riesame di marzo, riammettendo con riserva una decina di aziende agricole che hanno chiesto alla Regione i contributi per gli investimenti materiali e immateriali. Nei fatti significa lo stop a una delle due misure infrastrutturali, le più importanti del Psr, con l’impossibilità ormai certa di raggiungere i target di spesa.

La Regione deve infatti spendere circa 260 milioni entro il 31 dicembre, e gli anticipi per la misura 4.1a che l’Autorità di gestione del Psr immaginava di poter erogare di qui a due mesi ne valgono da soli circa 60. Se la Commissione Ue non accoglierà la richiesta di modificare il budget in conseguenza di una causa di forza maggiore (le pronunce dei giudici, appunto), la Puglia rischia il disimpegno automatico di circa 160 milioni di euro, di cui il 50% sono risorse europee (il resto è cofinanziamento dal bilancio autonomo).

Il Tar ha fissato la discussione sul merito delle controversie ad aprile, dunque oltre il termine del 31 dicembre. Tecnicamente la Regione potrebbe anche erogare gli anticipi, ma accantonando le risorse necessarie a soddisfare gli ammessi con riserva, le cui domande dovranno essere ora riesaminate. Dopo il primo giro di ricorsi, l’assessorato all’Agricoltura è stato costretto a ricalcolare un determinato parametro per le 652 domande in posizione finanziabile, evitando il riesame delle altre 2.600 domande che avrebbe portato via un anno. È chiaro che pagare in queste condizioni sarebbe azzardato, perché chi dopo il nuovo riesame sarà escluso dovrà essere chiamato a restituire gli anticipi ricevuti.

Negli ultimi mesi il presidente Michele Emiliano, che ha assunto l’interim dell’Agricoltura dopo le dimissioni dell’assessore Leo Di Gioia, ha tentato di imprimere una sterzata alla gestione del Psr attraverso alcune decisioni straordinarie. La modifica in corsa dei requisiti del bando, rinviando a dopo l’erogazione dei fondi la presentazione della dichiarazione di bancabilità del progetto finanziato con le misure 6.1 e 4.1a. Allo stesso tempo, il nuovo avviso della 4.1a è stato annullato con l’idea di spostare i 35 milioni previsti sulla graduatoria di marzo, quella che adesso è stata sospesa dal Tar.

Insomma, è l’ennesimo disastro cui sarà difficile porre rimedio in tempi brevi. «Siamo di fronte a un pasticcio senza precedenti - è il commento dell’europarlamentare Raffaele Fitto -. Le responsabilità sono da ricercare fin dall’inizio della gestione Emiliano. La Puglia è sempre stata in grado di programmare e utilizzare i fondi messi a disposizione in Agricoltura, un’attitudine positiva che consentiva anche di ricevere premialità aggiuntive: era la prima Regione del Sud per la spesa». «Vorrei ricordare a Emiliano - è l’affondo del consigliere grillino Cristian Casili - che è stato Emiliano a nominare il capo dipartimento Gianluca Nardone e continua a dargli fiducia nonostante i risultati fallimentari. Oltre alle misure soggette ai ricorsi, ce ne sono altre 11 non ancora partite e molte altre sono in istruttorie. Purtroppo gli errori fin qui accumulati non solo ci faranno perdere risorse in questa programmazione ma inficeranno anche il prossimo Psr con conseguenze gravissime per i futuri investimenti in agricoltura».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie