Sabato 04 Aprile 2020 | 05:02

NEWS DALLA SEZIONE

La ricerca
Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

 
Il virus
Coronavirus in Basilicata, Moliterno resta «zona rossa» fino al 13 aprile

Coronavirus in Basilicata, Moliterno resta «zona rossa» fino al 13 aprile

 
i Dpi
Coronavirus in Puglia, la Protezione civile consegna 153mila mascherine alla Regione

Coronavirus in Puglia, la Protezione civile consegna 153mila mascherine alla Regione

 
La denuncia
Covid 19 in Puglia, sindacato pensionati: «Più tamponi nelle Rsa»

Covid 19 in Puglia, sindacato pensionati: «Più tamponi nelle Rsa»

 
emergenza coronavirus
Cancellati tanti voli, biglietti da rimborsare

Cancellati tanti voli, biglietti da rimborsare

 
bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, cala ancora la curva dei contagi 119.827 il totale dei positivi. Altri 766 morti e 1.480 guariti

Coronavirus in Italia, cala ancora curva contagi 119.827 il totale positivi
Altri 766 morti e 1.480 guariti

 
Il bollettino regionale
Coronavirus, in Puglia rallenta la curva dei contagi: altri 105 casi ma 20 morti in un giorno (11 nel Leccese)

Coronavirus, in Puglia rallenta la curva dei contagi: altri 105 casi ma decessi record: 20 in un giorno (11 nel Leccese)

 
emergenza coronavirus
Pazienti Covid trasferiti con velivolo dell’Aeronautica Militare da Bergamo a Bari

Pazienti Covid trasferiti con velivolo dell’Aeronautica Militare da Bergamo a Bari

 
emergenza coronavirus
Bari, imprenditore dona buoni acquisto per famiglie in difficoltà

Bari, imprenditore dona buoni acquisto per famiglie in difficoltà

 
emergenza coronavirus
Puglia, oltre 17mila imprese avviano cassa integrazione per 60mila lavoratori

Puglia, oltre 17mila imprese avviano cassa integrazione per 60mila lavoratori

 
L'INTERVISTA IN DIRETTA
Covid 19, il ricercatore barese Gambotto ci spiega le novità del vaccino-cerotto: la diretta

Coronavirus, parla lo scienziato barese «Così abbiamo scoperto il vaccino»
Gambotto dagli Usa: ci vorrà un anno, poi sarà come l'influenza

 

Il Biancorosso

emergenza coronavirus
Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa ricerca
Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

 
BrindisiIl caso
Covid 19, rubano alimenti donati alla Caritas di Brindisi: ritrovati in poche ore

Covid 19, rubano alimenti donati alla Caritas di Brindisi: ritrovati in poche ore

 
MateraIl virus
Coronavirus, guarito il Prefetto di Matera: dimesso dall'ospedale

Coronavirus, guarito il Prefetto di Matera: dimesso dall'ospedale

 
FoggiaLo scatto virale
Carabiniere dona mascherina ad anziana in fila alla Posta nel Foggiano

Carabiniere dona mascherina ad anziana in fila alla Posta nel Foggiano

 
TarantoSolidarietà
Covid 19, Gdf consegna 10mila mascherine ad Asl Taranto

Covid 19, Gdf consegna 10mila mascherine ad Asl Taranto

 
LecceLa novità
Nel parco sboccia il Fiordaliso di Punta Pizzo

Gallipoli, nel parco sboccia il fiordaliso di «Punta Pizzo»

 
BatL'idea - consegna a domicilio
«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

 

i più letti

Regione Puglia

Agricoltura, stop del Tar ai pagamenti del Programma di sviluppo rurale

Bloccata la misura 41a: 160 milioni a rischio disimpegno

Agricoltura, stop del Tar ai pagamenti del Programma di sviluppo rurale

Nemmeno la nuova formulazione della misura 4.1a del Programma di sviluppo rurale è passata indenne dall’esame dei giudici amministrativi. A seguito delle pronunce del Consiglio di Stato, il Tar di Bari (Terza sezione) ha sospeso in via cautelare la graduatoria pubblicata dopo il riesame di marzo, riammettendo con riserva una decina di aziende agricole che hanno chiesto alla Regione i contributi per gli investimenti materiali e immateriali. Nei fatti significa lo stop a una delle due misure infrastrutturali, le più importanti del Psr, con l’impossibilità ormai certa di raggiungere i target di spesa.

La Regione deve infatti spendere circa 260 milioni entro il 31 dicembre, e gli anticipi per la misura 4.1a che l’Autorità di gestione del Psr immaginava di poter erogare di qui a due mesi ne valgono da soli circa 60. Se la Commissione Ue non accoglierà la richiesta di modificare il budget in conseguenza di una causa di forza maggiore (le pronunce dei giudici, appunto), la Puglia rischia il disimpegno automatico di circa 160 milioni di euro, di cui il 50% sono risorse europee (il resto è cofinanziamento dal bilancio autonomo).

Il Tar ha fissato la discussione sul merito delle controversie ad aprile, dunque oltre il termine del 31 dicembre. Tecnicamente la Regione potrebbe anche erogare gli anticipi, ma accantonando le risorse necessarie a soddisfare gli ammessi con riserva, le cui domande dovranno essere ora riesaminate. Dopo il primo giro di ricorsi, l’assessorato all’Agricoltura è stato costretto a ricalcolare un determinato parametro per le 652 domande in posizione finanziabile, evitando il riesame delle altre 2.600 domande che avrebbe portato via un anno. È chiaro che pagare in queste condizioni sarebbe azzardato, perché chi dopo il nuovo riesame sarà escluso dovrà essere chiamato a restituire gli anticipi ricevuti.

Negli ultimi mesi il presidente Michele Emiliano, che ha assunto l’interim dell’Agricoltura dopo le dimissioni dell’assessore Leo Di Gioia, ha tentato di imprimere una sterzata alla gestione del Psr attraverso alcune decisioni straordinarie. La modifica in corsa dei requisiti del bando, rinviando a dopo l’erogazione dei fondi la presentazione della dichiarazione di bancabilità del progetto finanziato con le misure 6.1 e 4.1a. Allo stesso tempo, il nuovo avviso della 4.1a è stato annullato con l’idea di spostare i 35 milioni previsti sulla graduatoria di marzo, quella che adesso è stata sospesa dal Tar.

Insomma, è l’ennesimo disastro cui sarà difficile porre rimedio in tempi brevi. «Siamo di fronte a un pasticcio senza precedenti - è il commento dell’europarlamentare Raffaele Fitto -. Le responsabilità sono da ricercare fin dall’inizio della gestione Emiliano. La Puglia è sempre stata in grado di programmare e utilizzare i fondi messi a disposizione in Agricoltura, un’attitudine positiva che consentiva anche di ricevere premialità aggiuntive: era la prima Regione del Sud per la spesa». «Vorrei ricordare a Emiliano - è l’affondo del consigliere grillino Cristian Casili - che è stato Emiliano a nominare il capo dipartimento Gianluca Nardone e continua a dargli fiducia nonostante i risultati fallimentari. Oltre alle misure soggette ai ricorsi, ce ne sono altre 11 non ancora partite e molte altre sono in istruttorie. Purtroppo gli errori fin qui accumulati non solo ci faranno perdere risorse in questa programmazione ma inficeranno anche il prossimo Psr con conseguenze gravissime per i futuri investimenti in agricoltura».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie