Domenica 20 Giugno 2021 | 18:40

NEWS DALLA SEZIONE

L'emergenza
Puglia, mancano infermieri nelle Rsa: interviene la Regione

Puglia, mancano infermieri nelle Rsa: interviene la Regione

 
Covid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi

 
i soccorsi
Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

 
Il bollettino
Covid: in Puglia 45 positivi e un decesso

Covid: in Puglia 45 positivi e un decesso

 
Covid
Emiliano: pugliesi, rimanete in vacanza qui in regione

Emiliano: pugliesi, rimanete in vacanza qui in regione

 
la protesta
Bari, discoteca a cielo aperto nel quartiere Umbertino

Bari, discoteca a cielo aperto nel quartiere Umbertino

 
Il personaggio
Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

 
il giallo
Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

Roberta, 22 anni di silenzi e misteri

 
L'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
Covid
Decaro, equilibrio tra riaperture e rischio contagio

Decaro, equilibrio tra riaperture e rischio contagio

 
lieto fine
Zapponeta, bimbo in asfissia salvato dai soccorritori

Zapponeta, bimbo in asfissia salvato dai soccorritori

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batla curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
HomeCovid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi

 
BariLa polemica
Bari, una parrocchia prigioniera della movida senza regole

Bari, una parrocchia prigioniera della movida senza regole

 
Leccei soccorsi
Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

 
Materatradizioni e pandemia
Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

 
Potenzabasilicata
Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

 
FoggiaL'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 

i più letti

La decisione

Giochi Mediterraneo 2026, è ufficiale: la sede sarà Taranto. Ritorno in Puglia dopo circa 30 anni

A Patrasso l'assemblea del Comitato internazionale ha dato l'ok

Giochi del Mediterraneo 2015Comune di Taranto si candida

TARANTO - E' ufficiale. La 20esima edizione dei Giochi del Mediterraneo si svolgerà a Taranto. Il verdetto è arrivato questo pomeriggio a Patrasso ai lavori dell'assemblea generale del Comitato internazionale (Cijm) che ha decretato la località in cui si svolgeranno i Giochi dal 13 al 22 giugno del 2026 (il rinvio di un anno era stato chiesto dallo stesso comitato per motivi organizzativi ed evitare la concorrenza di altri tornei internazionali).

Alla proclamazione del capoluogo jonico come sede dei Giochi era presente una delegazione pugliese guidata dal Governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano.Il comitato organizzatore, presieduto dall'algerino Ammar Addadi, ha scelto Taranto dopo aver esaminato il corposo dossier di candidatura messo a punto da Asset e Coni.

E' la seconda volta nella storia dei Giochi (di cui l'Italia detiene il primato nel medagliere con 2303 riconoscimenti) che viene scelta la Puglia: l'ultima volta risale al 1997 quando il capoluogo pugliese fu sede della 13esima edizione della manifestazione. E si tratta della quarta volta in Italia dopo Napoli (1963) e Pescara (2009).

La candidatura di Taranto, in particolare, si reggeva su alcuni fattori fondamentali: la riqualificazione degli impianti sportivi esistenti (le nuove costruzioni saranno solo due) nonchè l'allargamento del perimetro di azione alle altre province pugliesi spingendosi sino a Matera proprio per ridurre i costi e coinvolgere più territori. E, infine, non sarà necessario costruire alcun villaggio sportivo per gli atleti, visto che utilizzeranno le strutture esistenti a Castellaneta Marina.

Nelle 108 pagine sono previsti a giugno dieci giorni di gare che interesseranno 30 discipline sportive, comprese quelle paralimpiche. Le risorse in campo, secondo le stime elaborate da Governo, Coni, Regione Puglia, Asset e Comune di Taranto dovrebbero essere circa 290 milioni di euro, ovviamente spalmati in sette anni. Di questi, il Governo ne metterà a disposizione circa 100. Per realizzare i Giochi, in conclusione, saranno necessari almeno 65 impianti che dovranno ospitare le gare, maschili e femminili, di 23 diverse discipline sportive (7 quelle di squadra). 

L'Italia, come detto, è prima nella classifica del medagliere: in circa 70 anni di Giochi ha conquistato 876 ori, 741 argenti e 686 bronzi.

EMILIANO: PER NOI GIOIA E RESPONSABILITA'

«Per noi - ha detto il presidente Michele Emiliano - è una grande responsabilità e una bellissima vittoria, siamo entusiasti ma in pochi secondi siamo passati dalla gioia alla responsabilità di dover organizzare nei prossimi sei anni tutto a puntino perché questi giochi siano i più belli che siano mai stati organizzati sino ad oggi».

«La Regione Puglia si carica un onere economico notevolissimo per l'organizzazione di questi giochi e ci auguriamo di avere al nostro fianco anche il Governo nazionale. Il Comune di Taranto sta lavorando bene. Questi Giochi del Mediterraneo a Taranto fanno venire in mente quella rabbia determinata e disciplinata di Pietro Mennea, icona non solo dello sport italiano, ma di questi giochi che hanno dentro, è inutile negarlo, un segno del riscatto e della volontà di Taranto di guardare al futuro, senza dimenticare il presente, ma con l'intenzione di ritornare a essere una delle grandi capitali del Mediterraneo. I giochi possono svolgere questa funzione e noi ce la metteremo tutta perché ciò avvenga».

SINDACO MELUCCI: SIAMO NELLA STORIA

«Taranto è nella storia. Taranto è ormai una realtà di punta nazionale e non più o non soltanto per l'industria. Taranto si sta comportando da vera capitale di mare. Ora andiamo avanti a testa alta e lavoriamo tutti insieme per continuare a cambiare in meglio il volto di questa città, che il mondo realmente ci invidia, per farci trovare pronti all’appuntamento del 2026». Lo afferma il sindaco Rinaldo Melucci per l’assegnazione dei Giochi del Mediterraneo 2026.

«Siamo stati ripagati di due anni di lavoro intensissimo, ma - aggiunge il primo cittadino - sapevamo che Taranto ha ancora tanta energia e tanta bellezza da esprimere. Desideriamo ringraziare tutti quelli che hanno contribuito a questo traguardo incredibile. È un giorno di grandi emozioni, lo dedichiamo a tutti i tarantini e in particolare a quanti in questi anni, per vari motivi, hanno sofferto e avevano quasi perduto la speranza in un futuro diverso». Quello «che avverrà in riva allo Ionio - conclude Melucci - va ben oltre lo sport, ne siamo convinti. Godiamoci questo momento tutti insieme, senza alcun distinguo».

LE PAROLE DI MONS. SANTORO -  «La notizia dell’assegnazione a Taranto dei Giochi del Mediterraneo è di quelle che riempiono di speranza ed entusiasmo. Leggo le innumerevoli dichiarazioni di soddisfazione dei tanti che si sono impegnati per raggiungere questo traguardo: a loro va il mio ringraziamento per l’ottimo lavoro». Lo afferma l’arcivescovo metropolita Filippo Santoro sull'assegnazione dei Giochi del Mediterraneo 2026. «Finalmente - aggiunge - la città intera pare sentirsi parte di un progetto condiviso, pronta a collaborare con orgoglio alla sua riuscita: è un’opportunità che va oltre i giochi stessi e che ci aiuta a ricostruire una comunità per troppo tempo lacerata». Adesso, sostiene mons. Santoro, «viene la parte complicata, dobbiamo contribuire tutti a sfruttare al massimo questa assegnazione e a far sì che non diventi un’altra occasione persa: abbiamo le competenze, le intelligenze e l'esperienza per fare del nostro meglio. Taranto guardi ai Giochi - conclude il vescovo metropolita - come a un’occasione per cominciare a costruire un futuro diverso, a misura degli uomini e delle donne che la abitano. Mutuo l’incitamento sportivo che è quanto mai adeguato al momento: forza Taranto». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie