Venerdì 19 Luglio 2019 | 12:44

NEWS DALLA SEZIONE

Liquami in mare
Torre Quetta, revocato divieto di balneazione: ok le analisi di Arpa Puglia

Torre Quetta, revocato divieto di balneazione: ok le analisi di Arpa Puglia

 
Occupazione
Infermieri in Puglia, entro dicembre 2019 arriva il concorso unico

Infermieri in Puglia, entro dicembre 2019 arriva il concorso unico

 
I controlli
Lavoro nero, blitz dei cc a Palese e Santo Spirito: multati 2 lidi

Lavoro nero, blitz dei cc a Palese e Santo Spirito: multati 2 lidi

 
Politiche strutturali
Sanità in Puglia, Emiliano: «Soddisfatto per verifica Ministeri Salute e Finanze su Lea»

Sanità in Puglia, Emiliano: «Soddisfatto per verifica Ministeri Salute e Finanze su Lea»

 
La tragedia
Bari, bagno di sera a Pane e Pomodoro: muore stroncato da malore 70enne russo

Bari, 70enne russo muore dopo bagno a Pane e Pomodoro: forse un malore

 
Il caso
Manduria, anziano pestato a morte: uno dei maggiorenni va ai domiciliari

Manduria, anziano pestato a morte: uno dei maggiorenni va ai domiciliari

 
Il caso
Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

Porti Taranto, il Tar di Lecce dà il via libera a concessione Ylport

 
L'affare
Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

Il Castello di Caprarica del Capo è in vendita a 4,2 milioni di euro

 
In piazza Luigi di Savoia
Bari, anziana investita da un'auto guidata da 80enne: muore in ospedale

Bari, anziana investita da un'auto guidata da 80enne: muore in ospedale

 

Il Biancorosso

L'AMICHEVOLE
Tanti sperimenti, poche emozioniIl Bari pareggia con la Fiorentina

Tanti esperimenti, poche emozioni
Il Bari pareggia con la Fiorentina

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraHeroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
LecceLa sentenza
Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

 
FoggiaCorsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
BrindisiIl caso
Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 
TarantoAmbiente ferito
Taranto, rete di fibra di cocco per trattenere le polveri: ok dalla Procura

Taranto, rete di fibra di cocco per trattenere le polveri: ok dalla Procura

 
PotenzaDegrado in città
Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

 

i più letti

Il caso

Crac Fse, sequestrati 25 mln di crediti vantati da vari imputati

I Pm di Bari tornano a chiedere l'arresto per il manager Luigi Fiorillo

ferrovie sud est

BARI - Il Tribunale di Bari ha disposto il sequestro preventivo di crediti per complessivi 25 milioni di euro vantati da cinque persone fisiche e otto società nei confronti della procedura concorsuale relativa alle Ferrovie del Sud Est. I destinatari del sequestro sono alcuni degli imputati nel processo sul crac da 230 milioni di euro di Fse, poi acquistate da Ferrovie dello Stato, tra i quali l’ex presunto amministratore occulto e avvocato della società, Angelo Schiano.

La richiesta di sequestro era stata inizialmente rigettata dal gip perché all’epoca, nel gennaio 2018, erano utilità non ancora percepite ma solo attese ed erano crediti non certi perché il concordato non era ancora stato approvato. Con l'approvazione del concordato, nei mesi scorsi, quei crediti sono diventati «liquidi, certi ed esigibili perché prossimi i pagamenti (dal 30 giugno 2019 i privilegiati, dal 31 dicembre 2021 i chirografari, ndr)» spiega il Tribunale dinanzi al quale si sta celebrando il processo per bancarotta, motivando il sequestro.

Intanto la Procura, i pm Francesco Bretone, Luciana Silvestris e Bruna Manganelli, torna a chiedere l’arresto del principale imputato Luigi Fiorillo, già commissario governativo, ex legale rappresentante e amministratore unico della società. Fiorillo fino a qualche mese fa era agli arresti domiciliari, ma è tornato in libertà con l’obbligo di dimora su disposizione del Tribunale. Contro la decisione dei giudici, la Procura ha presentato appello al Tribunale del Riesame che ne discuterà il 27 giugno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie