Mercoledì 18 Settembre 2019 | 01:39

NEWS DALLA SEZIONE

Dai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
La Consulta
Bari, usura: province Sud Italia sono più esposte a rischio

Bari, usura: province Sud Italia sono più esposte a rischio

 
Polis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
Diritti negati
Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

 
In centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
Serie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
Arrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
Ambiente

Polignano, in stallo il progetto del resort a Costa Ripagnola

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Nella notte
Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione, disposta tutela

 
Verso il 2020
Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiDai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
BatIl personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
MateraSasso Caveoso
Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

 
BariPolis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 

i più letti

La protesta

Puglia, retromarcia sui cani nelle spiagge: non possono entrare! Enpa: è il Medioevo

Comuni inerti, perchè mancano le norme applicative. Insorge l'Enpa: la gente vada altrove. Modificata una norma considerata unica in Italia

Puglia, retromarcia sui cani nelle spiagge: non possono entrare! Enpa: è il Medioevo

Altro che tra le più pet friendly! La storia è sempre la stessa: si fa una legge e si sventola come innovativa, poi non si applica per inerzia di chi le norme dovrebbe applicarle. Il problema è l'accesso degli animali sulle spiagge: la Regione Puglia, a dicembre scorso, si era fregiata di un titolo, con la legge 56, di prima regione pet friendly regolamentando l'accesso in spiaggia degli animali da compagnia. Una norma che andava a favore anche degli operatori turistici considerando l'elevato livello di affezione nei confronti degli amici a quattro zampe.

I Comuni avrebbero dovuto individuare entro il 30 marzo non le spiagge libere dove accedere con animali da compagnia, ma quelle interdette (con motivazione) introducendo quindi il concetto che è possibile accedere rispettando l’igiene dei luoghi e la sicurezza di uomini e animali. Onere degli operatori balneari, invece, era quello di comunicare ai Comuni competenti le eventuali misure limitative all’accesso e alla permanenza degli animali in spiaggia.

Il problema è che nessun Comune e nessun operatore turistico ha rispettato il termine del 30 marzo. Risultato: l'ordinanza balneare emessa aveva dimenticato questo aspetto della nuova legge ma visto quanto accaduto la Regione è corsa ai ripari. In che modo?  Peggiorando quella norma ritenuta unica in tutta Italia. «Ieri - informa l'Enpa con un duro comunicato -, la II Commissione ha approvato a maggioranza le modifiche con le quali si torna al Medioevo del divieto totale dell’accesso degli animali in spiaggia e della creazione delle “riserve indiane” nelle quali è possibile accedere con i pet “portandoli in braccio” fino all’ombrellone. Incredibile!».

Il problema, come si legge nella relazione di modifica alla norma, è un altro: la norma è proprio il mancato raccordo con l'ordinanza balneare e la direttiva nazionale. Ma non è tutto. A creare problemi ci sarebbero alcuni problemi applicativi: ad esempio non è speficiato «Come debba avvenire il rilascio di autorizzazione, né sono previsti controlli o limitazioni in caso di accesso degli animali in acqua. Non vi è neppure un cenno al Regolamento di stabilimento o alle prescrizioni previste dai Comuni e dalle Asl a tutela della sicurezza e incolumità pubblica. Risulta, allo stato - si legge nell'atto della II commissione -, che nessun concessionario in Puglia abbia avanzato tale richiesta ai Comuni, non solo perché la vigenza di questa legge sembra essere totalmente ignorata, ma anche per l'onerosità degli adempimenti richiesti».

ENTRANO ANIMALI DI PICCOLA TAGLIA, IN BRACCIO -

Per ora, dunque, accesso consentito solo ai cani di piccola taglia che potranno sostare «sotto uno o più ombrelloni posti in zone retrostanti ovvero in posizione tale da non arrecare disturbo agli altri utenti. Gli animali dovranno esser portati in braccio o in trasportino fino all'ombrellone assegnato e dovranno essere sempre mantenuti al guinzaglio». 

L’Ordinanza Balneare 2019 - che da 10 anni è punto di riferimento per il settore e peraltro è in raccordo con la direttiva nazionale - nella parte che riguarda gli animali, era priva di ogni efficacia giuridica proprio perché nessun Comune e nessun operatore balneare aveva rispettato i termini della Legge Regionale 56, cioè marzo.

«Quando alla fine della stagione 2019 il saldo delle presenze in Puglia sarà negativo rispetto allo scorso anno – dichiara Carla Rocchi, presidente nazionale di Enpa Onlus – nessuno si lamenti. Perché il problema non riguarda solo la presenza degli animali in spiaggia, ma la capacità e il coraggio di un territorio (Regione, Comuni, operatori economici) di sfruttare una opportunità, di avere una visione chiara del futuro e di programmare lo sviluppo  aprendosi alle occasioni, non chiudendosi al nuovo e alle richieste di una parte di utenza sempre più importante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie