Giovedì 09 Luglio 2020 | 19:07

NEWS DALLA SEZIONE

«START»
Puglia, 2mila euro di bonus per professionisti: dal 15 luglio domande, reddito non oltre 23mila €

Puglia, 2mila euro di bonus per professionisti: dal 15 luglio domande, reddito non oltre 23mila €

 
Dati nazionali
Coronavirus Italia, 229 nuovi casi e 12 morti: 7 regioni covid free

Coronavirus Italia, 229 nuovi casi e 12 morti: 7 regioni covid free

 
fase 3
Puglia, valorizzazione e fruizione Beni ecclesiastici: pubblicata online graduatoria ammissibili

Puglia, valorizzazione e fruizione Beni ecclesiastici: pubblicata online graduatoria ammissibili

 
calcio
Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

 
Verso le regionali
Lopalco candidato con Emiliano, FI attacca: campagna elettorale con i soldi dei pugliesi

Lopalco candidato con Emiliano, FI attacca: campagna elettorale con i soldi dei pugliesi

 
Agricoltura
Puglia, importazione uva senza semi dall'Olanda: «Ennesimo sopruso»

Puglia, importazione uva senza semi dall'Olanda: «Ennesimo sopruso»

 
Infrastrutture
Asfalto, ferro e niente acqua tra le 130 opere prioritarie in Puglia e Basilicata

Asfalto, ferro e niente acqua tra le 130 opere prioritarie in Puglia e Basilicata

 
Verso il voto
Regionali, la riffa della candidature: già i primi duelli nelle liste

Regionali Puglia, la riffa della candidature: già i primi duelli nelle liste
Nuovo Psi sostiene Fitto

 
Il raddoppio
Termoli-Lesina, ministro Costa: rischiavamo infrazione, già convocata Rfi

Termoli-Lesina, ministro Costa: rischiavamo infrazione, già convocata Rfi

 
La sentenza
Giustizia truccata, condannato a 10 anni ex pm Savasta, 4 anni a Scimè

Giustizia truccata, condannato a 10 anni ex pm Savasta, 4 a Scimè (via la toga)

 
bollettino regionale
Coronavirus in Puglia, 0 contagi e nessun decesso nelle ultime 24h: ancora in calo i positivi

Coronavirus Puglia, 0 contagi e nessun decesso nelle ultime 24h: ancora in calo i positivi (74)

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

Bari, biancorossi «carichi a mille per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDalla Polstrada
Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

Potenza, esami patente fasulli: sequestrata autoscuola

 
Foggiaattimi di tensione
Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

Foggia, aggredisce poliziotti e sputa ai passanti: arrestato ghanese 35enne

 
Leccel'evento
Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

Lecce, al via i lavori per la sfilata di Christian Dior del 22 luglio: sarà senza pubblico

 
Tarantotragedia sfiorata
Taranto, detenuto incendi suppellettili nella cella: 8 agenti intossicati

Taranto, detenuto incendia suppellettili nella cella: 8 agenti intossicati

 
Materamaltrattamenti in famiglia
Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

 
Bariquesta mattina
Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

Ostuni, donna insultata, minacciata e colpita con un piatto dal marito per le vie del centro: arrestato 78enne

 
BatVerso il voto
Andria, centrodestra unito con Scamarcio

Comunali Andria, centrodestra unito con Scamarcio

 

i più letti

Ritorno alle radici

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

L'attore festeggia il compleanno della moglie nei luoghi della loro giovinezza

Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Buona Pasqua a tutti. Anzi, per dirla alla sua maniera: «Buona Pesqua!». Già, perché gli auguri personalissimi, affidati in esclusiva alla Gazzetta, sono quelli del «Pasquale» più amato d'Italia: Lino Banfi, al secolo, Pasquale Zagaria. «Auguri ai pugliesi, ai lucani, alla nostra Matera Capitale della Cultura e alla nostra cara Gazzetta».

Per il Lino nazionale è una Pasqua di «amarcord», nella sua Canosa, insieme alla moglie Lucia, che proprio nel giorno di Pasqua, festeggia il suo ottantunesimo compleanno. Una Pasqua, ed un compleanno, rivivendo i luoghi della loro giovinezza, dei loro incontri, del loro «fugace» matrimonio.
«In canosino avremmo detto: una Pasqua di m’arr-cord, una Pasqua di ricordi. Dalle processioni, che da tempo non vedevo, ai riti, fino ai luoghi che, insieme alla mia Lucia stiamo rivivendo. Una amarcord-terapia consigliata dal professore che cura mia moglie» racconta sottovoce mentre la sua voce si incrina per pochi attimi.

Poi Lino si scuote e subito riparte alla grande. «È un ritorno a Canosa che parte da quella sacrestia della chiesa di san Francesco dove, il 1° marzo del 1962 il prete, padre Stefano ci sposò, alle sei del mattino».

Così presto? «Certo, un matrimonio veloce perché avevamo fatto la fuitina. Quindi era come se avessimo fatto una cosa gravissima, un delitto» dice sorridendo, riferendosi soprattutto ai ben 57 anni trascorsi con la sua Lucia accanto, a conferma di quanto quella «non fugace» promessa sia ancora oggi ferma e ferrea. Coppie di altri tempi.

«Fu un matrimonio celebrato in pochi minuti – racconta ancora Lino - “Vuoi prendere come sposa eccetera eccetera? Si. E tu, vuoi...? Si. Finito. Tant’è che dissi a padre Stefano: com’è che i matrimoni sono normalmente lunghi e finiscono tardi e noi abbiamo già finito?»

E lui che rispose? «Mi disse: ma voi avete fatto una cosa cattiva!» dice quasi sogghignando.
Il ricordo di quell’alba marzaiola è ben impresso e fa parte dei ricordi più cari di Lino Banfi. «Lucia deve rivedere tutti questi luoghi, quelli cari a me e lei, deve ricordarli. I luoghi della Canosa “nostra”, dei posti dove ci vedevamo di nascosto, perché i genitori di lei non volevano, ma anche della Canosa di tutti noi dalle chiese agli ipoegi e ai siti archeologici. Del resto non è un caso che, quando ho ricevuto la nomina di ambasciatore dell’Unesco, abbia detto subito al ministro Bonisoli che avevo già da tempo candidato Canosa a patrimonio dell’Unesco». Poi una frecciatina: «Adesso che sono ambasciatore vediamo di concretizzarla al più presto questa designazione, ma nel frattempo spero che i canosini, e l’amministrazione, si diano da fare con gli investimenti».

Lino Banfi torna spesso a Canosa, ma questa volta c’è un motivo in più, anzi, un motivo uno: lo fa per festeggiare il compleanno della sua Lucia con la sua famiglia e con gli amici più cari, non già in un luogo qualsiasi, o nella casa di Roma, ma «a Canosa».

E rivela: «A noi non è mai successo, da quando ci siamo sposati. Del resto una volta, ai miei tempi, i compleanni possiamo dire che non si festeggiavo nemmeno - dice Lino Banfi – io e Lucia, a Canosa non ne abbiamo mai festeggiato uno. Quest’anno invece siamo a Canosa, nella nostra Canosa, ospiti dello chef Nicola Luisi, titolare del ristorante “la Terrazza”: un caro amico con il quale scambiamo pareri ed esperienze gastronomiche sul filo della tipicità pugliese e canosina, uno scambio culinario tra il suo ristorante e la mia “Orecchietteria” di Roma. Lui apre il ristorante solo per noi, la sera di Pasqua.

Per il compleanno di Lucia: del resto gli amici, come si dice, si vedono... anche a tavola, o no? Ma, Paolo – mi avverte sorridendo - mi raccomando: lo dico solo a te a agli amici della Gazzetta. Che resti un segreto tra noi».

E segreto sia, ma non senza la «sorpresa» pasquale (e a Lucia!!)! Auguri dalla Gazzetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie