Venerdì 24 Maggio 2019 | 10:50

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
Orrore nel Leccese
Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

 
Preso anche l'autore del gesto
Fasano: gli spararono per debito di droga, lo arrestano per favoreggiamento

Fasano: gli spararono per debito di droga, lo arrestano per favoreggiamento

 
Raffaele Fitto (Ecr)
«Agricoltura, la Puglia rischia di perdere 171 milioni di fondi Ue»

«Agricoltura, la Puglia rischia di perdere 171 milioni di fondi Ue»

 
La polemica
Soldi Regione Puglia per ficton su strage Duisburg. Santelli, Antimafia: «È oscena»

Soldi Regione Puglia per fiction su strage 'ndrangheta a Duisburg. Santelli (Antimafia): «Osceno»

 
Studio Cattolica
Comuni efficienti, l'Osservatorio di Cottarelli boccia tutti i capoluoghi pugliesi

Comuni efficienti e servizi, l'Osservatorio di Cottarelli boccia i capoluoghi pugliesi

 
Coinvolti 2mila lavoratori
Caporalato: sfruttavano braccianti a 2,5 euro l'ora tra Bari e Andria, in 8 patteggiano

Caporalato, braccianti a 2,5 euro l'ora tra Bari e Andria: in 8 patteggiano

 
Playout
Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

 
Con Mayo Clinic
Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

 
Trasporti
Ferrovie Sud-Est, al Salento l'«usato sicuro» dei treni polacchi

Ferrovie Sud-Est, al Salento l'«usato sicuro» dei treni polacchi

 
Calciomercato
Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
TarantoDalla polizia
Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
BariNel barese
Santeramo in Colle: rapina 14 negozi, arrestato 50enne, incastrato da telecamere

Santeramo: rapina 14 negozi, incastrato da telecamere

 
LecceMelendugno
Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

 
FoggiaInnovazione
Foggia, la polizia locale diventa hi-tech: multe con il tablet

Foggia, la polizia locale diventa hi-tech: multe con il tablet

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 

i più letti

Ritorno alle radici

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

L'attore festeggia il compleanno della moglie nei luoghi della loro giovinezza

Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Buona Pasqua a tutti. Anzi, per dirla alla sua maniera: «Buona Pesqua!». Già, perché gli auguri personalissimi, affidati in esclusiva alla Gazzetta, sono quelli del «Pasquale» più amato d'Italia: Lino Banfi, al secolo, Pasquale Zagaria. «Auguri ai pugliesi, ai lucani, alla nostra Matera Capitale della Cultura e alla nostra cara Gazzetta».

Per il Lino nazionale è una Pasqua di «amarcord», nella sua Canosa, insieme alla moglie Lucia, che proprio nel giorno di Pasqua, festeggia il suo ottantunesimo compleanno. Una Pasqua, ed un compleanno, rivivendo i luoghi della loro giovinezza, dei loro incontri, del loro «fugace» matrimonio.
«In canosino avremmo detto: una Pasqua di m’arr-cord, una Pasqua di ricordi. Dalle processioni, che da tempo non vedevo, ai riti, fino ai luoghi che, insieme alla mia Lucia stiamo rivivendo. Una amarcord-terapia consigliata dal professore che cura mia moglie» racconta sottovoce mentre la sua voce si incrina per pochi attimi.

Poi Lino si scuote e subito riparte alla grande. «È un ritorno a Canosa che parte da quella sacrestia della chiesa di san Francesco dove, il 1° marzo del 1962 il prete, padre Stefano ci sposò, alle sei del mattino».

Così presto? «Certo, un matrimonio veloce perché avevamo fatto la fuitina. Quindi era come se avessimo fatto una cosa gravissima, un delitto» dice sorridendo, riferendosi soprattutto ai ben 57 anni trascorsi con la sua Lucia accanto, a conferma di quanto quella «non fugace» promessa sia ancora oggi ferma e ferrea. Coppie di altri tempi.

«Fu un matrimonio celebrato in pochi minuti – racconta ancora Lino - “Vuoi prendere come sposa eccetera eccetera? Si. E tu, vuoi...? Si. Finito. Tant’è che dissi a padre Stefano: com’è che i matrimoni sono normalmente lunghi e finiscono tardi e noi abbiamo già finito?»

E lui che rispose? «Mi disse: ma voi avete fatto una cosa cattiva!» dice quasi sogghignando.
Il ricordo di quell’alba marzaiola è ben impresso e fa parte dei ricordi più cari di Lino Banfi. «Lucia deve rivedere tutti questi luoghi, quelli cari a me e lei, deve ricordarli. I luoghi della Canosa “nostra”, dei posti dove ci vedevamo di nascosto, perché i genitori di lei non volevano, ma anche della Canosa di tutti noi dalle chiese agli ipoegi e ai siti archeologici. Del resto non è un caso che, quando ho ricevuto la nomina di ambasciatore dell’Unesco, abbia detto subito al ministro Bonisoli che avevo già da tempo candidato Canosa a patrimonio dell’Unesco». Poi una frecciatina: «Adesso che sono ambasciatore vediamo di concretizzarla al più presto questa designazione, ma nel frattempo spero che i canosini, e l’amministrazione, si diano da fare con gli investimenti».

Lino Banfi torna spesso a Canosa, ma questa volta c’è un motivo in più, anzi, un motivo uno: lo fa per festeggiare il compleanno della sua Lucia con la sua famiglia e con gli amici più cari, non già in un luogo qualsiasi, o nella casa di Roma, ma «a Canosa».

E rivela: «A noi non è mai successo, da quando ci siamo sposati. Del resto una volta, ai miei tempi, i compleanni possiamo dire che non si festeggiavo nemmeno - dice Lino Banfi – io e Lucia, a Canosa non ne abbiamo mai festeggiato uno. Quest’anno invece siamo a Canosa, nella nostra Canosa, ospiti dello chef Nicola Luisi, titolare del ristorante “la Terrazza”: un caro amico con il quale scambiamo pareri ed esperienze gastronomiche sul filo della tipicità pugliese e canosina, uno scambio culinario tra il suo ristorante e la mia “Orecchietteria” di Roma. Lui apre il ristorante solo per noi, la sera di Pasqua.

Per il compleanno di Lucia: del resto gli amici, come si dice, si vedono... anche a tavola, o no? Ma, Paolo – mi avverte sorridendo - mi raccomando: lo dico solo a te a agli amici della Gazzetta. Che resti un segreto tra noi».

E segreto sia, ma non senza la «sorpresa» pasquale (e a Lucia!!)! Auguri dalla Gazzetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400