Martedì 20 Agosto 2019 | 17:15

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Xylella, Emiliano: «al via il bando per i vivai pugliesi»

Xylella, Emiliano: «al via il bando per i vivai pugliesi»

 
Il caso
Foggia, fiamme lungo i binari: traffico ferroviario sospeso e ritardi

Foggia, fiamme lungo i binari: traffico ferroviario sospeso e ritardi. 
Uomo travolto da Lecce-Milano

 
Crisi di governo
Bari, studenti Uniba: «la maratona Mentana si segue su maxischermo»

Bari, studenti Uniba: «la maratona Mentana si segue su maxischermo»

 
Sequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
L'iniziativa
Santeramo, Antonella e Nunzio in barca vanno a pesca di plastica

Santeramo, Antonella e Nunzio in barca vanno a pesca di plastica

 
Operazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
a «La vita in diretta»
La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto : la storia va in tv

La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto: la storia va in tv

 
A Santo Spirito
Santo Spirito, carico di farmaci per la chemioterapia rubati e abbandonati in una villa

Bari, farmaci per chemio rubati e abbandonati in una villa: valgono 830mila euro

 
L'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
In via Pascoli
Mottola, rapinatori gentili: dopo il colpo in posta salutano i clienti in coda

Mottola, rapinatori gentili: dopo il colpo alle Poste salutano i clienti in coda

 
A Torre Lapillo
Lecce, turismo e prezzi: scoppia la polemica della frisella

Lecce, turismo e prezzi salati: scoppia la polemica della frisella

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceMusica
Notte Taranta, Mastrangelo: «Il Concertone dalla Puglia vola a Mosca»

Notte Taranta, Mastrangelo: «Il Concertone dalla Puglia vola a Mosca»

 
BariIn piazza Marena
Bitonto, bar incendiato due volte: il Comune sostiene raccolta fondi

Bitonto, bar incendiato due volte: il Comune sostiene raccolta fondi

 
FoggiaIl caso
Foggia, fiamme lungo i binari: traffico ferroviario sospeso e ritardi

Foggia, fiamme lungo i binari: traffico ferroviario sospeso e ritardi. 
Uomo travolto da Lecce-Milano

 
TarantoSocialnews
Il tramonto di Taranto vista con gli occhi di Daniele Silvestri: la foto è da strappalike

Il tramonto di Taranto visto con gli occhi di Daniele Silvestri: la foto è da strappalike

 
BrindisiSu Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
MateraNel Materano
Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

 
PotenzaOperazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
BatL'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 

i più letti

Serie B

Kragl a testa alta: «C’è un’aria diversa»

«Ora si è capito cosa serve per salvarsi»

Foggia, autisti dei bus rifiutano servizio allo stadio, Ataf offre benefit

FOGGIA - «Avanti con questo spirito: abbiamo conquistato 3 punti fondamentali. Ora altre 6 finali da vincere, per salvarci». Oliver Kragl sprona il Foggia ad insistere dopo l’1-0 casalingo contro lo Spezia, a mantenere alte grinta e concentrazione per scalare ancora la classifica, dopo aver agganciato la zona playout affiancando Venezia e Livorno a quota 30 punti. «Abbiamo realizzato con ritardo che rischiamo di retrocedere in C o di dover disputare i playout, ma anche se un po’ tardi lo abbiamo capito e stiamo affrontando le partite con un atteggiamento diverso - spiega il 28enne centrocampista esterno rossonero -. Bisogna continuare così, pensare ad una gara per volta e a cercare di ricavare il massimo da ogni partita, senza guardare il cammino delle altre. Non è facile rincorrere sempre: da inizio stagione inseguiamo, e psicologicamente non è semplice gestire questa situazione perché c’è una pressione continua. Abbiamo lasciato per strada almeno 4-5 punti, che insieme ai 6 di penalizzazione ci avrebbero collocato in tutt’altra posizione di classifica. È andata così, adesso dobbiamo pensare solo al rush finale per cercare di ottenere il massimo, senza fare calcoli».

Superato lo scoglio Spezia, il Foggia ora è chiamato ad una serie di scontri diretti consecutivi, a partire dal match di sabato prossimo a Venezia (calcio d’inizio alle 18) e dal successivo confronto casalingo di Pasquetta, alle 21, con il Livorno. «Queste due sfide, e poi quella con la Cremonese saranno determinanti per il nostro destino - sottolinea il tedesco -. Nelle ultime tre partite abbiamo giocato abbastanza bene, contro Cittadella, Brescia e Spezia. Dobbiamo proseguire così e migliorare. Siamo una squadra forte, occorre però dimostrarlo con continuità in tutte le partite, non solo per un’ora in ogni gara. Grassadonia? Non credo sia cambiato in qualcosa rispetto alla prima parte del campionato: la sua filosofia di gioco è sempre la stessa, siamo noi che abbiamo compreso meglio ciò che vuole e riusciamo in campo a riproporre in maniera più efficace i suoi concetti. Contro lo Spezia abbiamo vinto giocando con maturità, questa è la strada giusta: essere intelligenti nelle letture di gioco».
Sabato il primo spareggio-salvezza, al “Penzo”: «Partita tosta - osserva il laterale mancino del Foggia -. Il Venezia è in un momento difficile quanto a risultati, ha i nostri stessi punti e gioca in casa. Mi auguro che attaccherà, così da lasciarci spazi: bisognerà far girare la palla velocemente. Avremo, come sempre, tanti tifosi al seguito. C’è un bel clima adesso, sabato scorso erano davvero in tanti sugli spalti e ci hanno incitato dall’inizio alla fine: abbiamo vinto anche grazie a loro».

Con 6 reti Kragl è il capocannoniere dei rossoneri in questo campionato, ma non è soddisfatto e prenota per il finale di stagione qualche altro siluro dei suoi. «Avrei potuto segnare di più - conclude il “bombardiere” tedesco -. Spesso sono marcato a uomo per tutta la partita, come accaduto sabato scorso: così diventa difficile incidere. Spero che i nostri attaccanti continuino a segnare: 3 reti a testa per Iemmello e Mazzeo nelle prossime 6 gare, altri 2 gol per me e ci salviamo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie