Martedì 26 Marzo 2019 | 04:49

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

 
Inquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
La protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
L'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
In Puglia e Basilicata
Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

 
Il caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
Gli arresti
Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

 
L'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
Vandali all'opera
Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

 
Lotta all'inquinamento
Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

 
La storia
Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale Ragone

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

sanità

Bari, aumento costo farmaco fibrosi cistica per bimbi: inchiesta dell'Antitrust

L' Asl aveva denunciato l'aumento della cura pediatrica rispetto a quella degli adulti: costa 30mila euro in più

Bari,  aumento costo farmaco fibrosi cistica per bimbi: inchiesta dell'Antitrust

BARI - L’Antitrust ha aperto un fascicolo sul caso dell’Orkambi, il farmaco innovativo per il trattamento della fibrosi cistica che una multinazionale americana sta vendendo alla Asl di Bari a un prezzo irragionevolmente diverso tra la versione per adulti e quella pediatrica. È l’effetto dell’esposto che il direttore generale Antonio Sanguedolce ha inviato la scorsa settimana dopo la segnalazione della farmacia ospedaliera: il ciclo di cura per i bambini, assolutamente identico all’altro ma con un dosaggio minore di uno dei due principi attivi, costerà alle casse pubbliche il 25% in più.

La fibrosi cistica è la più diffusa tra le malattie genetiche gravi: comporta difficoltà respiratorie e ha come conseguenza l’ostruzione del pancreas, che impedisce l’assimilazione del cibo e blocca lo sviluppo. L’Orkambi può dare benefici ai pazienti che hanno ereditato la mutazione genetica da entrambi i genitori. La confezione per gli adulti, per un trattamento di 28 giorni, costa 10.492 euro più Iva. Quella per i bambini sotto i 12 anni, invece, ne costa 12.944, ovvero quasi il 25% in più, e nella prima risposta alla farmacia della Asl Bari, la sede italiana della multinazionale Vertex ne aveva chiesti circa 15mila. Il ciclo di cura pediatrica, dunque, costa 202mila euro l’anno, 30mila in più rispetto a quello per gli adulti.

L’utilizzo di questo farmaco è da poco autorizzato in Italia anche per i bambini, e sono già due a Bari le terapie autorizzate: la Asl ha già provveduto a disporre l’ordine. Ma, a fronte di quella che ha definito «una disparità di prezzo intollerabile e senza alcuna spiegazione razionale», Sanguedolce ha inviato un esposto all’Autorità garante per la concorrenza con l’obiettivo di segnalare un possibile abuso di posizione dominante. Nei giorni scorsi, l’Authority ha confermato l’avvio di una valutazione preliminare per verificare se esistono i presupposti per avviare l’istruttoria.

La Vertex, una multinazionale americana quotata in Borsa, ha ovviamente il legittimo interesse a massimizzare il profitto. Ma mentre il farmaco per gli adulti è già negli elenchi Aifa (e dunque ha un prezzo definito), quello pediatrico è in regime di libera vendita e sarà oggetto di successiva contrattazione con l’Agenzia per il farmaco: la base sarà proprio il prezzo che oggi il produttore riesce a spuntare con le Asl italiane. Tuttavia il rischio evidenziato dalla Asl di Bari è che ci si trovi di fronte a una questione più commerciale che medica, perché nella versione pediatrica dell’Orkambi uno dei due principi attivi ha lo stesso dosaggio rispetto a quello degli adulti, mentre il secondo è la metà, impedendo così di spezzare la pastiglia per adulti come spesso si fa con altre cure simili. «Ogni volta che ordiniamo questo farmaco - dice Sanguedolce - stiamo sottraendo senza motivo 30mila euro ad altri capitoli dell’assistenza per garantire un profitto ingiustificato a questa multinazionale».

Del caso, raccontato domenica scorsa dalla «Gazzetta», si è occupato ieri anche il consigliere regionale Mario Conca che ha segnalato la questione al ministro Giulia Grillo e ai parlamentari delle commissioni Salute. «Siamo di fronte - dice l’esponente barese del gruppo M5S - ad un comportamento a dire poco immorale e che fa il paio con quanto sta accadendo per l’acquisto dei dispositivi Free Style per la misurazione della glicemia. Ho chiesto anche alla Regione e alle Asl le iniziative che intendono mettere in atto per contrastare questo tipo di comportamenti. I cittadini hanno il diritto di curarsi con tutti i farmaci e i dispositivi di ultima generazione». [m.scagl.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400