Sabato 16 Febbraio 2019 | 21:21

NEWS DALLA SEZIONE

Le dichiarazioni
Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

 
Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 
L'annuncio
Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

«Tolo Tolo», il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

 
Il caso
Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

La sentenza

Bari, causa per un suolo: Comune non si difende, pagherà 500mila € ai Di Cagno Abbrescia

La causa iniziata nel 2009 per un suolo a Carrassi, l'amministrazione ha deciso di non fare appello. Insorge Forza Italia: inusuale celerità nel pagamento

Il Comune di Bari, corso Vittorio Emanuele 84

Il Comune di Bari

Un pezzo di suolo per ospitare due aule-mobili 45 anni fa, e mai restituito. Da un lato sorella, figli e mamma dell'ex sindaco e parlamentare di centrodestra Simeone Di Cagno Abbrescia (attuale presidente di Aqp), dall'altro Il Comune di Bari che decide di pagare un risarcimento per una causa in cui non si è difeso e ha deciso di non fare appello dopo la sentenza di primo grado. Un incrocio di coincidenze, vecchie e nuove, che ora mette i protagonisti di questa vicenda tutti sulla stessa linea. Il punto di arrivo è la delibera con cui il Comune di Bari, alcuni giorni fa, ha deciso di prelevare dal fondo di riserva mezzo milione di euro per pagare il conto ai Di Cagno Abbrescia.

La vicenda affonda le radici nel 1975 quando l'ente stipula con i Di Cagno Abbrescia un contratto di comodato biennale per un suolo al rione Carrassi confinante con la scuola primaria e dell'infanzia «Montello». Passano più di 10 anni e, nonostante una serie di raccomandate inviate all'ente, il suolo non viene restituito. La carte bollate sfociano in una causa che nel 1992 si conclude con una sentenza del tribunale che ordina al Comune di rilasciare il suolo.

Nel frattempo, dal 1994 al 2004, Simone Di Cagno Abbrescia è stato sindaco di Bari prima di consegnare l'ente a Michele Emiliano per altre due consigliature. Da qui la nuova causa, avviata nel 2009, per il risarcimento del danno da occupazione del suolo. Il Comune non si costituisce, il giudizio civile per il riconoscimento del danno va avanti e il «contatore» continua a girare macinando somme a titolo di indennità e interessi di rivalutazione. Nel 2013 la causa segna le battute finali, salvo poi registrare una pausa di tre anni e mezzo per assenza del magistrato titolare.

Si arriva dunque al 20 settembre del 2016, successivamente la causa è reimmessa in ruolo (dal 2014 si è insediato a Palazzo di città Antonio Decaro) e il giudice dispone una perizia per quantificare il danno che viene determinato - con la sentenza di giugno 2018 a firma del giudice Ilaria Casu - in 483mila e 227 euro (tra valore di canone e rivalutazione interessi fino ad agosto 2017!) oltre a spese legali, di ctu e registrazione per un totale di almeno 520mila euro. Il Comune, con un atto di giunta, decide di non fare appello - su parere dell'Avvocatura - probabilmente per limitare i danni e trasforma quella decisione in un assegno circolare per i Di Cagno Abbrescia. Al consiglio comunale toccherà la ratifica di questo debito fuori bilancio dopo il prelievo dal fondo di riserva delle somme necessarie.

FORZA ITALIA: INUSUALE CELERITA' PER IL PAGAMENTO - Sulla vicenda intervengono il coordinatore metropolitano di Forza Italia, on. Francesco Paolo Sisto e il consigliere comunale azzurro, Giuseppe Carrieri , dicono: «È incredibile come il Comune di Bari, che ha il record di litigiosità giudiziaria - vedi Cittadellla della Giustizia & co. - non si sia costituito in un giudizio civile promosso dai familiari dell’ex sindaco Simone Di Cagno Abbrescia e, subita la condanna in primo grado a pagare oltre mezzo milione di euro, non impugni nemmeno la sentenza».

«Si tratta di una disastrosa distrazione oppure di un’ipotesi di responsabilità contabile?». E aggiungono: «In tutti i casi appare davvero singolare che proprio in favore dei congiunti di Di Cagno Abbrescia, quest’ultimo recentemente approdato a sinistra nella squadra di Michele Emiliano, il Comune di Antonio Decaro abbia deciso di prestare acquiescenza e restare inerte». L'amministrazione «ha deciso di prelevare dal Fondo di riserva dell’ente- con inusuale celerità - la somma, non di poco conto, necessaria per il pagamento.Ora, per sua scelta, Decaro dovrà sottrarre alle casse del Comune, e così ai baresi, oltre 500mila euro, con buona pace di chi si attende legittimamente dall’ente comunale condotte più trasparenti e al di fuori di qualsiasi sospetto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eleba

    13 Febbraio 2019 - 10:10

    Ahahahahah questi De Caro ed Emiliano verranno rieletti,perchè queste sono le porcate che piacciono ai meridionali,ai baresi soprattutto.Non è solo questione di incapacità,c'è dell'altro,ma non si può dire.Ah dimenticavo che De Caro ha dato la ruota panoramica ai baresi e 500.000 euro di corsa a Di Cagno Abbrescia che potrà comprarsi un pasto caldo visti gli stenti in cui da tempo vive.

    Rispondi

  • Agatocle

    13 Febbraio 2019 - 06:06

    Celerità nel pagamento? Con l’esistenza di leggi Bizantine , direi proprio di si. Ma stiamo scherzando?

    Rispondi