Domenica 17 Novembre 2019 | 00:13

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
Serie C
Bari calcio, Vivarini: «Contro Paganese voglio personalità»

Bari calcio, Vivarini: «Contro Paganese voglio personalità»

 
Sul lavoro
Grottaglie, infortunio alla Leonardo: operaio con trapano si ferisce alla mano

Grottaglie, infortunio alla Leonardo: operaio con trapano si ferisce alla mano

 
Social news
Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

 
Il caso
Taranto, in fiamme un'ambulanza della Croce Rossa in servizio 118

Taranto, in fiamme un'ambulanza della Croce Rossa in servizio 118

 
nel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
riqualificazione
Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

 
dalla polizia
Foggia, spintonarono e derisero anziano: identificati 7 ragazzini tra gli 11 e i 14 anni

Foggia, spintonarono e derisero anziano: identificati 7 ragazzini tra gli 11 e i 14 anni

 
lavora nel Tarantino
Putignano, carabiniere con la cocaina nell'auto fermato dai colleghi a posto di blocco: arrestato

Putignano, carabiniere con droga in auto fermato dai colleghi a posto di blocco: arrestato

 

Il Biancorosso

verso il match
Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

 
BariIl caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
Foggianel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
LecceL'appuntamento
Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

 
Materaconta dei danni
Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

 
BrindisiNel Brindisino
Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

 
BatLa sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
Potenzal'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 

i più letti

La polemica

Polignano, il questore smentisce Vitto «Non so nulla dei tornelli»

Esposito «gela» il primo cittadino di Polignano che ha giustificato i varchi parlando di una scelta imposta dalla Polizia per sicurezza

Polignano, il questore smentisce Vitto «Non so nulla dei tornelli»

BARI - La «guerra dei tornelli» riserva un colpo di scena dopo l’altro. Il sindaco di Polignano a Mare Domenico Vitto tira in ballo la Questura per spiegare l’originale filtro sistemato all’ingresso del centro storico. Ma il questore di Bari Carmine Esposito smentisce categoricamente. «Mai parlato di tornellature a Polignano - spiega Esposito interpellato dalla Gazzetta -, specie se sono a pagamento». Il «giallo» dell’autorizzazione, dunque, si infittisce anche perché pare che il Comune di Polignano non abbia neanche inviato tutta la documentazione richiesta per le manifestazioni pubbliche. E Vitto è stato convocato in Prefettura in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. L’appuntamento è per giovedì.

Ma procediamo con ordine. Vitto racconta ai microfoni del TgR Puglia che la decisione di regolare l’accesso nel centro storico con tornelli e tessera a pagamento, è figlia di una precisa indicazione giunta dalla Questura. In ballo, a detta del primo cittadino di Polignano, c’è la sicurezza. A sostegno della sua tesi, snocciola cifre e numeri, indica un tetto di 2.500-2.700 persone al massimo che le piazze tra le più belle d’Italia possono ospitare contemporaneamente. Cita i fatti di Torino quando si diffuse il panico tra i tifosi bianconeri che festeggiavano lo scudetto della Juve e una ragazza morì schiacciata dalla folla. Insomma, se non proprio «me lo ha imposto la Questura», poco ci manca.

Ma per Esposito non è andata così. Da un lato il forte senso dello Stato indurrebbe il questore a non entrare neanche in argomento, specie quando a Bari c’è una recrudescenza della criminalità e la Polizia è impegnata con tutto il suo bagaglio di competenze, esperienze e professionalità a contrastare il fenomeno. C’è davvero tanto cui pensare. Dall’altro, però, è necessario dedicare al tema pochi minuti, per mettere le cose in chiaro una volta per tutte. «Non ho chiesto io di sistemare i tornelli a Polignano», ribadisce il questore di Bari. Figurarsi far pagare cinque euro a chi non è di Polignano e Conversano. «Un conto sono le questioni relative alla sicurezza durante manifestazioni pubbliche che ci vedono impegnati in prima linea per far sì che tutto si svolga regolarmente, anche sotto il profilo dell’ordine pubblico, altro è l’iniziativa che non abbiamo né chiesto né tanto meno imposto noi. Mi permetto di osservare, tra l’altro, che l’organo deputato ad adottare misure di questo tipo, dalle barriere di cemento ai tornelli, sarebbe la Prefettura. E non ricordo, pur partecipandovi assiduamente, che il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica abbia adottato misure di questo tipo, per giunta in questo caso con un obolo che pagano i cittadini. Non mi pare neanche di averlo letto in qualche verbale delle riunioni che vedono seduti attorno a uno stesso tavolo, il prefetto, tutti i vertici delle forze di polizia e, in base all’ordine del giorno, i sindaci interessati». Insomma, la sicurezza è un’altra cosa. Molto seria. «Ci sono norme dello Stato, circolari del ministero dell’Interno che disciplinano la materia.

Dall’antiterrorismo al corretto svolgimento delle manifestazioni pubbliche, tutto è regolamentato. La Questura, come noto, è istituzionalmente in prima linea su questo fronte», aggiunge Esposito.
Ma allora, come nasce questo «equivoco»? «Non mi interessa sinceramente - chiosa il Questore -, ma un dato è certo: non è davvero piacevole essere trascinati da un primo cittadino in una polemica la cui natura, probabilmente politica, esula certamente dai nostri compiti istituzionali. Sono costretto a farlo pubblicamente per smentire una volta per tutte che abbiano suggerito o addirittura imposto una decisione di questa natura».

L’impressione è che non finisca qui. «Chiederò alla Prefettura di convocare un Comitato ad hoc davanti al quale il sindaco di Polignano dovrà rispondere di quanto affermato pubblicamente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie