Mercoledì 24 Aprile 2019 | 00:16

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
Il caso
Lecce-Brescia, commento su web scatena la polemica: l'amministratore del forum prende le distanze

Lecce-Brescia, commento su web scatena la polemica: l'amministratore del forum prende le distanze

 
Sull'Isola di Capraia
Migranti, 17 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro donne e bambini

Migranti, 18 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro bimbo paraplegico

 
Le indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
Il nodo dei centri di raccolta
Rifiuti elettronici, Puglia meglio del 2017 ma resta fanalino di coda

Rifiuti elettronici, Puglia meglio del 2017 ma resta fanalino di coda

 
Solidarietà
Pasqua in Mozambico, la storia di 3 volontari pugliesi in Africa

Pasqua in Mozambico, la storia di 3 volontari pugliesi in Africa

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Nuovi collegamenti
Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Vento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
Dal viminale
Puglia, in arrivo 465mila euro a 11 Comuni per la sicurezza nelle scuole

Puglia, in arrivo 465mila euro a 11 Comuni per la sicurezza nelle scuole

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

La vicenda

Bari, in carcere per la seconda volta, ma è un errore della cancelleria

Un uomo di Cassano Murge ha rischiato di scontare due volte la stessa pena

Morte detenuto cardiopatico assolto medico carcere di Bari

Incarcerato due volte per la stessa condanna. Michele Terlizzi, 33 anni, di Cassano delle Murge, ha vissuto l’amara esperienza di un déjà-vu carcerario. È finito dietro le sbarre due volte per espiare la medesima pena. Quando si è ritrovato tra le mani l’ordine di esecuzione con il quale la Corte di appello disponeva la sua reclusione, il cuore ha smesso di battere e per qualche secondo ha perso i sensi e la coscienza.

Ha pensato a uno scherzo di cattivo gusto. Con sgomento ha dovuto prendere atto invece che quell’ordine di carcerazione era autentico. Eppure lui quei 4 anni e 8 mesi di reclusione per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio li aveva scontati tutti, tra carcerazione preventiva ed espiazione definitiva, fino all’ultimo giorno. Aveva riacquistato la libertà nel settembre del 2017 con la solenne promessa di rigar dritto. Martedì mattina, le porte del carcere si sono riaperte per accoglierlo nuovamente e Michele Terlizzi ha trascorso il primo giorno da galeotto per la stessa sentenza. Un Déjà vu amarissimo. A scongiurare l’ingiusta detenzione è stato il suo difensore, l’avvocato Nicola Lerario che ai magistrati della Procura generale ha dimostrato, atti alla mano, come il suo assistito aveva già scontato la pena definitiva e di come si fosse giunti a quel punto a causa di un equivoco. La Corte di Cassazione, infatti, aveva sì annullato la sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello relativamente alla posizione di Terlizzi ma questo «limitatamente alla pena accessoria della sospensione della patente di guida con rinvio per nuovo giudizio ad altra sezione della Corte di Appello di Bari». L’iter processuale si era quindi sdoppiato seguendo due strade differenti. Dopo meno di un giorno di «cella bis»» è stato scarcerato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400