Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 06:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il consiglio nazionale
Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura

Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura su lavoro e rilancio Vd

 
Il 28 dicembre
Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione

Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione il 28

 
La decisione
Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

 
La decisione
Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

 
SERIE D
Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

 
L'evento
Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
Il congresso
Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

 
I dati
Turismo in Puglia, il settore cresce: +6,8% di strutture ricettive

Turismo in Puglia, il settore continua a crescere: +6,8% di strutture ricettive

 
La decisione del gip
Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

 
Morti bianche
Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da pala meccanica

Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da una pala meccanica

 
Sanità
Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

 

La vicenda

Bari, in carcere per la seconda volta, ma è un errore della cancelleria

Un uomo di Cassano Murge ha rischiato di scontare due volte la stessa pena

Morte detenuto cardiopatico assolto medico carcere di Bari

Incarcerato due volte per la stessa condanna. Michele Terlizzi, 33 anni, di Cassano delle Murge, ha vissuto l’amara esperienza di un déjà-vu carcerario. È finito dietro le sbarre due volte per espiare la medesima pena. Quando si è ritrovato tra le mani l’ordine di esecuzione con il quale la Corte di appello disponeva la sua reclusione, il cuore ha smesso di battere e per qualche secondo ha perso i sensi e la coscienza.

Ha pensato a uno scherzo di cattivo gusto. Con sgomento ha dovuto prendere atto invece che quell’ordine di carcerazione era autentico. Eppure lui quei 4 anni e 8 mesi di reclusione per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio li aveva scontati tutti, tra carcerazione preventiva ed espiazione definitiva, fino all’ultimo giorno. Aveva riacquistato la libertà nel settembre del 2017 con la solenne promessa di rigar dritto. Martedì mattina, le porte del carcere si sono riaperte per accoglierlo nuovamente e Michele Terlizzi ha trascorso il primo giorno da galeotto per la stessa sentenza. Un Déjà vu amarissimo. A scongiurare l’ingiusta detenzione è stato il suo difensore, l’avvocato Nicola Lerario che ai magistrati della Procura generale ha dimostrato, atti alla mano, come il suo assistito aveva già scontato la pena definitiva e di come si fosse giunti a quel punto a causa di un equivoco. La Corte di Cassazione, infatti, aveva sì annullato la sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello relativamente alla posizione di Terlizzi ma questo «limitatamente alla pena accessoria della sospensione della patente di guida con rinvio per nuovo giudizio ad altra sezione della Corte di Appello di Bari». L’iter processuale si era quindi sdoppiato seguendo due strade differenti. Dopo meno di un giorno di «cella bis»» è stato scarcerato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400