Lunedì 22 Ottobre 2018 | 22:59

NEWS DALLA SEZIONE

Alla chiusura
Rapinano banca a Barletta: sfondano ingresso con furgone e fuggono

Barletta, rapinatori assaltano banca sfondando la vetra...

 
Denunciato un ristoratore
Polignano, nel menu tonno frescoA tavola prodotto scaduto e scongelato

Polignano, nel menu tonno fresco, a tavola prodotto sca...

 
A Taranto
Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per i lavoratori dell'appalto

Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per...

 
La città delle ceramiche
Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emiliano: «Ok gioco di squadra»

Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emilia...

 
Dopo l'infarto
Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

 
clima d’odio
Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a Brindisi

Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a B...

 
Non ebbe l'asilo politico
Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per rimpatrio salma

Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per ...

 
a Presicce
Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, ar...

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitat...

 
Il caso
Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

La vicenda

Bari, in carcere per la seconda volta, ma è un errore della cancelleria

Un uomo di Cassano Murge ha rischiato di scontare due volte la stessa pena

Morte detenuto cardiopatico assolto medico carcere di Bari

Incarcerato due volte per la stessa condanna. Michele Terlizzi, 33 anni, di Cassano delle Murge, ha vissuto l’amara esperienza di un déjà-vu carcerario. È finito dietro le sbarre due volte per espiare la medesima pena. Quando si è ritrovato tra le mani l’ordine di esecuzione con il quale la Corte di appello disponeva la sua reclusione, il cuore ha smesso di battere e per qualche secondo ha perso i sensi e la coscienza.

Ha pensato a uno scherzo di cattivo gusto. Con sgomento ha dovuto prendere atto invece che quell’ordine di carcerazione era autentico. Eppure lui quei 4 anni e 8 mesi di reclusione per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio li aveva scontati tutti, tra carcerazione preventiva ed espiazione definitiva, fino all’ultimo giorno. Aveva riacquistato la libertà nel settembre del 2017 con la solenne promessa di rigar dritto. Martedì mattina, le porte del carcere si sono riaperte per accoglierlo nuovamente e Michele Terlizzi ha trascorso il primo giorno da galeotto per la stessa sentenza. Un Déjà vu amarissimo. A scongiurare l’ingiusta detenzione è stato il suo difensore, l’avvocato Nicola Lerario che ai magistrati della Procura generale ha dimostrato, atti alla mano, come il suo assistito aveva già scontato la pena definitiva e di come si fosse giunti a quel punto a causa di un equivoco. La Corte di Cassazione, infatti, aveva sì annullato la sentenza di condanna emessa dalla Corte di Appello relativamente alla posizione di Terlizzi ma questo «limitatamente alla pena accessoria della sospensione della patente di guida con rinvio per nuovo giudizio ad altra sezione della Corte di Appello di Bari». L’iter processuale si era quindi sdoppiato seguendo due strade differenti. Dopo meno di un giorno di «cella bis»» è stato scarcerato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400