Mercoledì 18 Settembre 2019 | 13:20

NEWS DALLA SEZIONE

A Marconia
Pisticci, chiede il pizzo per restituire fotocamera rubata e rapina la vittima

Pisticci, chiede il pizzo per restituire fotocamera rubata e rapina la vittima

 
In cella un 58enne
Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

 
Operazione di Polizia e Gdf
Tv pirata, smantellata rete mondiale: anche in Puglia le basi di una banda

Tv pirata, smantellata rete mondiale: base anche in Puglia. Migliaia al «buio»

 
Dopo la nostra denuncia
Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

 
Dalla Gdf
Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

 
A San Marzano
Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

 
La sentenza
Valenzano, il Consiglio di Stato: «Gravi rapporti con i clan nel Comune»

Valenzano, il Consiglio di Stato: «Gravi rapporti con i clan nel Comune»

 
Giustizia svenduta
Corruzione a Trani, un nuovo verbale inguaia l'ex pm Scimè

Corruzione a Trani, un nuovo verbale inguaia l'ex pm Scimè

 
Dai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
La Consulta
Bari, usura: province Sud Italia sono più esposte a rischio

Bari, usura: province Sud Italia sono più esposte a rischio

 
Polis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa sentenza
Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

 
LeccePresi dai Cc
Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

 
MateraPreso dai Cc
Tito, ai domiciliari ma spacciava: n cella un 49enne

Tito, ai domiciliari ma spacciava: in cella un 49enne

 
BrindisiIn cella un 58enne
Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

Latiano, minaccia di morte la moglie che lo fa arrestare: «Ha una pistola»

 
BatIn centro
Andria, sorpreso a spacciare da finanziere in bici: in cella 46enne

Andria, sorpreso a spacciare da finanziere in bici: in cella 46enne

 
TarantoDalla Gdf
Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 

i più letti

L'inchiesta

Bari, quiz esami di guida truccati:
92 indagati, 70 patenti sequestrate

Microcamere e microfoni per suggerire le risposte ai test: costo 3mila euro

patente

BARI - Di certo, dopo avere fornito un aiutino a chi doveva sostenere i quiz per conseguire la patente, segnali stradali e Codice della strada non avevano davvero più segreti. Perché per mesi, in tempo reale, avrebbero fornito le risposte «Vero» o «Falso» ai candidati che baravano durante la prova svolta nella sede della Motorizzazione civile. Una settantina di candidati avrebbe conseguito la licenza di guida in modo illecito, attraverso un complesso meccanismo che consentiva di inviare le immagini della schermata del monitor della scheda d’esame e ricevere via audio le risposte. In tempo reale e a tutta tecnologia.

Del resto, la dotazione prevedeva abbigliamento ad hoc, imbracature, una complessa strumentazione tecnologica per inviare le domande e auricolari per captare le risposte. Un pacchetto all inclusive, comprese le simulazioni, che costava intorno ai 3mila euro. Chiavi in mano, è il caso di dire. E siccome l’organizzazione non lasciava nulla al caso e poiché, si sa, la tecnologia gioca brutti scherzi, nel pacchetto erano comprese anche le prove tecniche di trasmissione. Una simulazione prima dell’esame per verificare che tutto funzionasse al meglio. Altro che il bello della diretta.

Il periodo oggetto delle indagine è compreso tra l’estate 2014 e l’inizio del 2017. In tutto sono una novantina gli indagati, una decina dei quali, compresi presunti esponenti della criminalità barese, accusati anche di associazione a delinquere. Chissà, forse il crimine non paga più come un tempo. Oppure, qualcuno di loro si sarebbe dedicato ad altre attività, sempre illecite, ma meno cruente. I candidati sono invece indagati per avere violato un vecchio Regio decreto del 1925 che punisce sostanzialmente chi copia durante un concorso pubblico. Si tratta della stessa norma, per intenderci, di chi, l’inchiesta risale ormai a una decina di anni fa, barava durante i test di ammissione alle Facoltà di Medicina e Odontoiatria.
In questi giorni l’inchiesta sugli «aiutini» per prendere la patente, coordinata dalla Procura di Bari e condotta dagli agenti della Polizia stradale, ha avuto una parziale discovery a seguito del sequestro preventivo di 70 licenze di guida.

Stando alle indagini, c’era chi istruiva i candidati sulle modalità di utilizzo delle apparecchiature e forniva le istruzioni operative, impartendo anche le direttive perché tutto filasse liscio. Un esperto informatico manteneva i contatti vocali e telematici con i candidati suggerendo le risposte «vero» e «falso». Qualcuno si dedicava alle attività di staffetta e vedetta. Altri erano specializzati nei comandi vocali e telematici. I candidati venivano istruiti nella sede, non lontano da via Gentile, accompagnati negli uffici della Motorizzazione e anche aiutati quando, a test effettuato, c’era da restituire l’attrezzatura così preziosa.

Durante le indagini gli agenti hanno sequestrato computer portatili collegati in rete, modem, auricolari, telefoni cellulari. Anche di qui il sequestro delle patenti, giustificato anche con il pericolo per l’incolumità pubblica degli utenti della strada. Il provvedimento è stato adottato insomma pure per evitare il rischio che i possessori delle licenze che hanno barato ai test, potessero commettere altri reati legati alla loro incapacità di tenere adeguate condotte di guida adeguate. Della serie, chi ti ha dato la patente?...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie