Mercoledì 14 Novembre 2018 | 13:56

NEWS DALLA SEZIONE

Tragedia sfiorata
Lecce, minaccia di lanciarsi nel vuoto dal tribunale: salvato

Lecce, minaccia di lanciarsi nel vuoto dal tribunale: salvato

 
Lotta al crimine
Furti di pesce e olive, detenzione e ricettazione: 3 arresti e 3 denunce nel Foggiano

Furti di pesce e olive, droga e ricettazione: 3 arresti e 3 denunce nel Foggiano

 
I controlli
Lecce, blitz in pescheria: sequestrati 35 chili di pesce e multa da oltre mille euro

Lecce, blitz in pescheria: sequestrati 35 chili di pesce e multa da oltre mille euro

 
Violazioni tributarie
Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

 
L'operazione
Foggia, sgomberate 40 famiglie di nomadi dall'ex Satel

Foggia, sgomberate 40 famiglie di nomadi dall'ex Satel. Salvini: «Dalle parole ai fatti»

 
Dopo l'emergenza morbillo
Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII, Via Giovanni Amendola, 207, 70126 Bari, Italia

Vaccini, in Puglia l’obbligo funziona ma le sanzioni non ci sono

 
Lavoro e occupazione
Bari, pochi e disorganizzati: centri per l’impiego in tilt

Bari, pochi e disorganizzati: centri per l’impiego in tilt

 
Operazione Dda
Bari, blitz antimafia: arrestati anche imprenditori per riciclaggio

Clan e scommesse on line a gestione familiare: in manette Vitino l'Enel, i suoi figli e Tommy Parisi VD

 
Cade l'accusa di mafia
Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati in 9 affiliati al clan Palermiti

Traffico e spaccio di droga nel Barese: condannati 9 affiliati al clan Palermiti

 
La strage
Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

 
L'esame autoptico
Lecce, morte on. Baldassarre, l'autopsia conferma: scompenso cardiaco acuto

Lecce, morte on. Baldassarre, l'autopsia conferma: scompenso cardiaco acuto

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il caso

Allarme Federalberghi: «In Puglia dilaga la piaga dell'abusivismo»

Il presidente Caizzi: «chiediamo istituzione registro nazionale alloggi»

gallipoli

BARI - «Continua a dilagare la piaga dell’abusivismo nel settore ricettivo. Anche nell’estate 2018, il sommerso turistico è cresciuto in forma esponenziale e insostenibile». Lo denuncia Federarberghi.
«Ad agosto, in Puglia - si legge nella nota di Federarberghi - risultavano disponibili su Airbnb 35.694 alloggi (+94,91% rispetto ad agosto 2016), dei quali 28.843 (+80,81%) sono riferiti a interi appartamenti, 22.844 (+64%) disponibili per più di sei mesi, 23.079 (64,66%) gestiti da host che mettono in vendita più di un alloggio». I dati emergono da un monitoraggio curato da Federalberghi e da Incipit srl su dati Inside Airbnb.

I dati e gli elenchi sono ora a disposizione delle autorità competenti per stanare gli evasori. Una crescita esponenziale del sommerso, quindi, in ambito turistico e una ricerca che ha evidenziato la sussistenza di dati eclatanti nelle province di Bari e Bat. Qui, ad agosto, - secondo Federalberghi - erano disponibili 5.817 alloggi (+83,73% rispetto ad agosto 2016) di cui 3.997 (+68,71%) erano interi appartamenti; 3.785 (+65,07%) disponibili per più di sei mesi, 3.353 (+57,64%) gestiti da host che mettono in vendita più di un alloggio. Infine, Bari città ha registrato ben 1.146 alloggi disponibili (+106,48% su agosto 2016) a fronte di una lista ufficiale di appena 162.

«Da questi numeri - commenta il presidente della Federalberghi Puglia, Francesco Caizzi - deduciamo che i 'furbetti dell’appartamentinò sono oltre 200mila in Italia e hanno esercitato la propria attività completamente in nero». "Questi signori - prosegue - si stanno arricchendo indebitamente alle spalle degli operatori onesti». «Il nostro rapporto/monitoraggio - aggiunge il presidente degli albergatori baresi e pugliesi - smonta le grandi bugie della cosiddetta sharing economy. Non è vero, infatti, che si tratta di forme integrative del reddito, perché sono attività economiche a tutti gli effetti, che molto spesso fanno capo a inserzionisti che gestiscono più alloggi».

«La Federalberghi - conclude Caizzi - continua a perseguire una linea d’azione intransigente per la legalità contro l'abusivismo del settore, all’insegna del principio 'stesso mercato, stesse regolè». E tra gli interventi urgenti, Federarberghi chiede «l'istituzione del registro nazionale degli alloggi turistici e l’adozione di misure che pongano un argine allo spopolamento dei centri storici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400