Venerdì 19 Ottobre 2018 | 22:39

NEWS DALLA SEZIONE

Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuo...

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari all'Asl dopo più di 10...

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà...

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
L'inchiesta
Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa per la pubblica incolumità»

Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa...

 
Quadruplice omicidio nel 2017
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli L...

 
Etichetta obbligatoria
Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

Il primo pomodoro made in Italy parla foggiano

 
Nel Foggiano
Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6 distributori abusivi sequestrati

Contrabbando gasolio agricolo: 2 arresti, 9 denunce e 6...

 
A Foggia
L'ambulanza è in ritardo nei soccorsi e il medico viene aggredito dalla folla

L'ambulanza è in ritardo e la dottoressa del 118 viene ...

 
Il caso
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Denuncia medici senza frontiere

«Migliaia di migranti
vivono privi di tutto»

Senza cure mediche, acqua, luce, immersi nella precarietà

 «Migliaia di migranti vivono privi di tutto»

Li chiamano «insediamenti informali» e la provincia di Foggia ne ha 5. Sono i luoghi in cui vivono richiedenti asilo in attesa di un posto in centro di accoglienza, migranti in cerca di protezione dopo lo stop alla frontiera o dopo gli sbarchi perchè catalogati come “migranti economici”. Persone in condizioni di marginalità estrema, fotografati nel rapporto 2018 «Fuori campo» di Medici senza frontiere, l’organizzazione umanitaria impegnata a monitorare le condizioni di vita e l’accesso alle cure mediche di richiedenti asilo e rifugiati presenti stabilmente o in transito appunto negli insediamenti informali.

Cinque, come detto, nel Foggiano: la pista di Borgo Mezzanone, dove vivono tra i 500 ed i 1.000 migranti, anche donne, con acqua e di elettricità; Cerignola, dove in casolari sopravvivono tra i 100 ed i 200 stranieri: Medici senza frontiere segnala qui la presenza anche di bambini, privi di acqua e luce; Foggia, nell’edificio ex Daunialat, trovano ricovero tra i 50 ed i 100 migranti, non ci sono donne e bimbi, ma mancano anche acqua ed elettricità; S. Marco in Lamis: casolari rifugio per 100-150 migranti, privi di acqua ed energia elettrica; San Severo, Gran Ghetto, nelle baracche soggiornano 200- 500 persone (ma come riferito dalla «Gazzetta» sabato scorso in questo periodo molti di più), presenti donne, assenti acqua ed energia elettrica.

«Dopo lo sgombero di marzo 2017, ad agosto - scrive Medici senza frontiere - le persone al Gran Ghetto di Rignano Garganico sono di nuovo in 600 e a settembre il doppio: le baracche di materiale di scarto sono state sostituite da centinaia di roulotte; le condizioni igienico-sanitarie sono persino peggiorate rispetto al vecchio ghetto dove almeno l’acqua arrivava ogni giorno, trasportata da camion cisterna.

La maggior parte degli abitanti di Rignano si è riversata sulla pista di Borgo Mezzanone, intorno al centro di prima accoglienza governativo, facendo schizzare la popolazione a non meno di 2.000 persone, con un deterioramento generalizzato delle condizioni umanitarie. L’accesso alle cure mediche è inesistente: nella borgata non c’è nemmeno una guardia medica; tutti i migranti, anche quelli non in regola con il titolo di soggiorno, per la legge regionale avrebbero diritto a un medico di famiglia, dal medico però non vanno, per scarsa conoscenza delle normative, barriere linguistiche e difficoltà a spostarsi (carenza di mezzi di trasporto, mancanza di soldi).

L’unica possibilità rimane il pronto soccorso dell’ospedale di Foggia, a più di 10 chilometri. Nel 2017 la Regione Puglia ha stanziato 6 milioni di euro per allestire 3 campi per i lavoratori stagionali, uno nella provincia di Lecce, due nella Capitanata (Apricena, 400 posti; Cerignola 400). I campi, da allestire soltanto nei periodi di lavoro agricolo stagionale, comprendono container di varia tipologia (abitativi, bagni, docce, cucine, infermeria, uffici) e tensostrutture. La previsione di posti risulta del tutto insufficiente, soprattutto nel Foggiano....La Regione non si è ancora dotata del piano immigrazione 2016-2018». [a.lang.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400