Giovedì 22 Agosto 2019 | 18:25

NEWS DALLA SEZIONE

La condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
Dai Cc
San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

San Ferdinando, aveva una pistola con cartucce: arrestato 49enne

 
Aggressione verbale
Cerignola, vuole la precedenza al pronto soccorso e infierisce sul medico

Cerignola, vuole la precedenza al pronto soccorso e infierisce sul medico

 
L'inchiesta
Cerignolano ucciso a Lodi, dubbi del pm sul movente della gelosia

Cerignolano ucciso a Lodi, dubbi del pm sul movente della gelosia

 
L'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 
Il ritrovamento
Ex macello di Cerignola nascondiglio per bombe e per droga

Ex macello di Cerignola nascondiglio per bombe e per droga

 
Il caso
Foggia, fiamme lungo i binari: traffico ferroviario sospeso e ritardi

Foggia, fiamme lungo i binari: traffico treni a singhiozzo. 
Uomo travolto da Lecce-Milano

 
L'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
Politica
Foggia, centrodestra a rischio: Landella si fa i conti

Foggia, centrodestra a rischio: Landella si fa i conti

 
Giovani e la musica
La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

 
Nel paesino Foggiano
Roseto Valfortore, il sindaco: «Cercasi disperatamente segretario comunale»

«AAA cercasi segretario comunale a Roseto Valfortore»

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
Bari
Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 
TarantoUn 46enne
Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

 
BatLa curiosità
Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

il precedente

L'inchiesta della Gazzetta e le condanne del clan dei polacchi

Il nostro reportage sul caporalato e il blitz nel Foggiano

pomodori raccolti

Caporali schiavi, la prima sentenza in Europa frutto di una inchiesta della Direzione distrettuale antimafia nasce proprio in Puglia, a Bari. L'inchiesta, denominata "Terra Promessa", portò i carabinieri del Ros e la Direzione distrettuale antimafia, a smantellare esattamente 10 anni fa, nel luglio 2006, un vero e proprio clan di polacchi operante del Foggiano. Una indagine partita proprio da un reportage della Gazzetta del Mezzogiorno, a firma del collega Nicola Pepe, il quale nell’agosto del 2005 rivelò un vero e proprio mercimonio di esseri umani, dietro al quale si nascondevano numerosi morti passate in sordina. Dalle colonne della Gazzetta furono denunciati una serie di scomparse, di persone morte in circostanze misteriose (tutte rigorosamente polacche) e rimaste prive di identità in un frigorifero dell’obitorio, ma soprattutto del «silenzio» che per tanto tempo fece da cornice a tale scenario drammatico. La questione ebbe una coda polemica anche con il prefetto di Foggia e le autorità polacche mandarono in Puglia l’ambasciatore per seguire la vicenda molto più da vicino.

Non a caso, le prime righe della motivazione della sentenza di condanna firmata dal giudice Lovecchio, citavano testualmente gli articoli pubblicati dalla Gazzetta da cui mosse i primi passi l’inchiesta. Gli arresti arrivarono nel luglio del 2006 e, poco più di un anno dopo, la condanna in primo grado «in abbreviato» poi confermata in appello nel marzo del 2009 e sigillata dalla Corte di Cassazione con la condanna definitiva di 17 dei 25 imputati a pene comprese tra i 4 e i dieci anni di reclusione.
Il clamore suscitato dalla vicenda varcò i confini italiani e fece il giro di mezzo mondo attirando in Capitanata giornalisti di diverse testate, anche straniere: il «caso» servì a mettere in guardia soprattutto in Polonia centinaia di braccianti che venivano reclutati dai caporali e «conquistati» con false promesse. Il sogno di molti di loro, allettatu da facili guadagni, si infrangeva puntualmente una volta arrivati in Puglia perchè venivano costretti a lavorare per tre euro all’ora per intere giornate, vivendo in veri e propri tuguri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie