Sabato 02 Luglio 2022 | 17:09

In Puglia e Basilicata

L'AMBIZIONE PUBBLICA

Calabrese torna sindaco delle Isole Tremiti: puntiamo a Capitale della Cultura

Calabrese torna sindaco delle Isole Tremiti: puntiamo a Capitale della Cultura

Pinuccio Calabrese torna a guidare le Tremiti

Dopo la «caduta» del 2011 per il caso-Gheddafi, il primo cittadino torna a governare l'arcipelago di cui annuncia la «candidatura a patrimonio dell'Unesco»

15 Giugno 2022

Redazione online

L’ultima tornata elettorale vede tornare Pinuccio Calabrese ad indossare la fascia tricolore di primo cittadino delle Isole Tremiti. Dopo 10 anni i tremitesi gli chiedono di tornare a guidare la rinascita delle isole Diomedee. Peppino Calabrese vince con il 51,89% sull'84,88% dei voti totali di affluenza.  

«Prontamente - evidenzia una nota stampa del neo eletto sindaco - la Compagnia di navigazione NLA, ha tenuto ad inoltrare le proprie congratulazioni al neo-eletto Sindaco, con una nota stampa augurando buon lavoro ed una continua collaborazione».

«Un cambio di rotta per le Isole Tremiti che sceglie l’ambizioso programma del leader della civica “Tremiti prima di tutto: Patrimonio dell’Unesco e Capitale della Cultura". Basti guardare l’esempio di Procida, del suo percorso di crescita in 10 anni, che oggi la portano ad essere Capitale della Cultura» afferma il neo sindaco, che aggiunge: «Per farlo creeremo un’associazione che abbia lo scopo di promuovere e candidare le Tremiti per l’attribuzione del titolo di Patrimonio dell’Unesco. La stessa associazione collaborerà con la nuova giunta comunale per questo grande scopo comune: crescere». 

Calabrese torna primo cittadino alle Diomedee dopo la «caduta» nel 2011, quando sette consiglieri comunali diedero le dimissioni facendo terminare in anticipo il suo mandato. All’epoca Calabrese era finito nella bufera per aver definito il colonnello Gheddafi “un amico”, prendendo le difese del dittatore libico. 

Ex sindaco Tremiti:
il col. Gheddafi
non è più mio amico

ROMA - "Quello che è successo recide anche un’amicizia, non si può andare oltre i diritti umani. Viene solo da piangere". Lo dichiara l’ex sindaco delle isole Tremiti, Giuseppe Calabrese che propose nel 2009 di vendere alla Libia l’Isola Di Pianosa e che si è sempre dichiato amico del leader libico, ricevendo anche l’Al Fatha, onorificenza di amicizia conferita dalla Libia per aver fatto costruire sull’isola di San Nicola un sacrario dove sono seppelliti i resti di 400 libici morti per un’epidemia di tifo dopo lo sbarco tra il 1911 e il 1912.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725