Lunedì 23 Maggio 2022 | 12:22

In Puglia e Basilicata

Il caso

Neonato muore durante parto, condannato medico nel Foggiano

Cerignola, muore a 38 anni in ospedale, 6 medici indagati

Confermata la condanna a un anno e mezzo (pena sospesa) per Antonio Giannatempo, medico di Cerignola (città di cui è stato anche sindaco) colpevole di omicidio colposo per la morte di un neonato deceduto nel 2013 durante un parto cesareo all’ospedale Tatarella.

10 Maggio 2022

Redazione online

FOGGIA -  È stata confermata la condanna a un anno e mezzo (pena sospesa) per Antonio Giannatempo, medico di Cerignola (città di cui è stato anche sindaco) riconosciuto colpevole di omicidio colposo per la morte di un neonato deceduto il 9 novembre 2013 durante un parto cesareo all’ospedale Tatarella. I giudici della Corte d’Appello di Bari hanno confermato la sentenza di primo grado pronunciata dal giudice monocratico di Foggia il 2 novembre 2020.

I famigliari del bambino si sono costituiti parte civile con l'avvocato Francesco Santangelo che chiedeva la condanna e il risarcimento danni da quantificare in sede civile. Confermata anche una provvisionale di 30mila euro. Gli avvocati del medico, Marco Merlicco e Roberto Sisto, chiedevano l’assoluzione e annunciano che presenteranno ricorso. Secondo la tesi accusatoria, Giannatempo, che all’epoca dei fatti era dirigente medico nel reparto di ostetricia e ginecologia del Tatarella, avrebbe eseguito in maniera errata l’estrazione del neonato causandone la morte.

La difesa replica che il neonato morì per una asfissia conseguente alla rottura della placenta, richiamando una consulenza difensiva che esclude qualsiasi errore dell’imputato. Giannatempo, sentito durante il processo, si è sempre dichiarato innocente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725