Domenica 09 Maggio 2021 | 21:57

NEWS DALLA SEZIONE

Tragedia
Foggia, furgone si ribalta in via Cerignola: morto il conducente

Foggia, furgone si ribalta in via Cerignola: morto il conducente, 4 braccianti feriti

 
Via alla raccolta dei dati
Isolamento e giovani: uno studio del Policlinico Foggia sugli effetti del Covid

Isolamento e giovani: uno studio del Policlinico Foggia sugli effetti del Covid

 
nel foggiano
San Nicandro Garganico, decine di ragazzi al parco dopo le 22, militari intervengono: spintonati e insultati

San Nicandro Garganico, decine di ragazzi al parco dopo le 22, militari intervengono: spintonati e insultati

 
Turismo
Isole Tremiti, vaccinazioni di massa

Isole Tremiti, vaccinazioni di massa

 
nel foggiano
Monte S.Angelo, chi ha soccorso fratello boss Ricucci, ferito a colpi di pistola? Ricerche in corso

Monte S.Angelo, chi ha soccorso fratello boss Ricucci, ferito a colpi di pistola? Ricerche in corso

 
Città invivibile
San Severo, 23enne arrestato dai carabinieri per incendio e spaccio

San Severo, 23enne arrestato dai carabinieri per incendio e spaccio

 
La storia
Foggia, «Licenziato per aver aiutato gli altri»

Foggia, «Licenziato per aver aiutato gli altri»

 
L'inchiesta
«Gli altri comprano? E io rubo», la politica a scrocco di Iaccarino

«Gli altri comprano? E io rubo», la politica a scrocco di Iaccarino

 
Covid
Vaccini: in Puglia l'84,3% delle dosi somministrate

Vaccini: in Puglia l'84,3% delle dosi somministrate

 
Il caso
Foggia, perquisita casa sindaco Landella, nessun documento sequestrato

Foggia, perquisita casa sindaco Landella, nessun documento sequestrato

 

Il Biancorosso

Calcio
Play-off serie B: l'esordio del Bari al San Nicola contro il Foggia

Play-off serie B: l'esordio del Bari al San Nicola contro il Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia
Foggia, furgone si ribalta in via Cerignola: morto il conducente

Foggia, furgone si ribalta in via Cerignola: morto il conducente, 4 braccianti feriti

 
LecceLa tragedia
Lecce, bici contro moto, muore ciclista 72enne. Motociclista positivo a test alcol e droga

Lecce, bici contro moto, muore ciclista 72enne. Motociclista positivo a test alcol e droga

 
TarantoIl futuro della città
Troppi morti a Taranto, Melucci scrive al governo

Troppi morti a Taranto, Melucci scrive al governo

 
BatFesta dell'Europa
«L'Erasmus? Un sogno da vivere», la storia di uno studente di Barletta

«L'Erasmus? Un sogno da vivere», la storia di uno studente di Barletta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

Ostuni, cancellato il tratturo di accesso alla spiaggia, a Monticelli consorziati sul piede di guerra

 
MateraVaccini
Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

Matera, il bilancio di AstraNight: solo 250 dosi somministrate, ce n'erano 750

 

i più letti

Il personaggio

San Severo, a 105 anni Elisa ricorda la 'Spagnola' e lancia l'appello: «State a casa»

L'anziana ricorda la pandemia del 1918 e il Lazzaretto di San Bernardino

San Severo, a 105 anni Elisa ricorda la 'Spagnola' e lancia l'appello: «State a casa»

Vivere due pandemie, insieme ad altrettante guerre mondiali, sono un record che poche persone posso raccontare nella propria vita. Una di queste è la sanseverese Elisa Pazienza (Luisa per l’anagrafe), nata il 31 ottobre 1915. Da cinque anni ha raggiunto la soglia della tripla cifra anagrafica: 105 anni. Se prova a guardarsi indietro verso la sua adolescenza, vede un mondo completamente diverso da quello attuale. Un altro mondo.
E non è un semplice modo di dire. Non solo perché da allora la tecnologia ha fatto passi da gigante. «Chi avrebbe mai immaginato di poter vedere una televisione – ricorda – o di poter parlare con un telefono». Da allora è cambiato il modo di interpretare la vita stessa. «Si viveva con molto meno di adesso – prosegue – ci si accontentava di poco e lo apprezzavamo moltissimo. Oggi i giovani sembrano tristi perché cercano sempre altre cose rispetto a quello che hanno. Noi abbiamo vissuto con quello che avevamo».

Appena usciti (vincitori e anche malconci) dalla Prima guerra mondiale, anche San Severo ha dovuto immediatamente fare i conti con la “Spagnola”. La pandemia, portata in Europa proprio dai militari americani, che iniziò a manifestarsi nella primavera del 1918.
«Non ho molti ricordi di quella pandemia – si racconta con gli occhi lucidi – ma spesso, a distanza di anni, sentivo parlarne dai miei genitori o, comunque, da persone più grandi me. Nell’ex convento di San Bernardino venne realizzato un lazzaretto. La gente evitava di uscire di casa, perché era terrorizzata dal pensiero di poter essere colpita».
«Oggi vedo troppa leggerezza – traccia un paragone rispetto al secolo scorso – non so perché questa è meno pericolosa o perché le persone non si rendono conto del rischio che possono correre. Io mi sono chiusa in casa e devo ringraziare i miei familiari, che non mi fanno mancare quanto di cui ho bisogno». La saggezza ultracentenaria che, soprattutto in questo periodo, andrebbe seguita alla lettera: «Chiusi in casa in attesa di tempi migliori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie