Martedì 23 Luglio 2019 | 16:15

NEWS DALLA SEZIONE

La manifestazione
Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

 
Secondo episodio
Lancio di pietre contro braccianti da un'auto in corsa: 3 feriti nel Foggiano

Lancio di pietre contro braccianti da un'auto in corsa: 3 feriti nel Foggiano

 
Nella zona del santuario
S.Giovanni Rotondo, parcheggiatore abusivo in cella per tentata estorsione

S.Giovanni Rotondo, parcheggiatore abusivo in cella per tentata estorsione

 
L'operazione
Reati contro la P.A.: nel Foggiano 3 arresti e 12 misure interdittive, imprenditori e amministratori pubblici

Brogli in gare pubbliche ad Apricena, arrestato anche sindaco leghista VD

 
Sanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
Nel Foggiano
Auto in fiamme sulla A14 dopo tamponamento: una 34enne estratta viva dalle lamiere

Auto in fiamme sulla A14 dopo tamponamento: una 34enne estratta viva dalle lamiere

 
In via La Piccirella
Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

 
La decisione
S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

 
Tra Mattinata e Vieste
Resort senza autorizzazioni: sequestro nel Foggiano

Resort senza autorizzazioni: sequestro nel Foggiano

 
Autoriciclaggio
Inchiesta Foggia calcio: indagati anche ex vicepresidente Curci e il fratello

Inchiesta Foggia calcio: indagati anche ex vicepresidente Curci e il fratello

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL?interrogatorio
Furbetti in ospedale Monopoli: 2 medici su 17 rispondono al gip

Furbetti in ospedale Monopoli: 2 medici su 17 rispondono al gip

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
FoggiaLa manifestazione
Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

 
TarantoDa venditori ambulanti
Taranto, polizia sequestra 70kg di cozze senza certificato: 2 denunce

Taranto, sequestrati 70kg di cozze senza certificato: 2 denunce

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
LecceRifiuti
Gallipoli, a Baia Verde spazzatura non ritirata: residenti inferociti

Gallipoli, a Baia Verde spazzatura non ritirata: residenti inferociti

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

Agricoltura

Il pelato «made in Foggia» rianima il mercato

Richieste da tutto il mondo, ora le industrie lo pagano di più ai produttori

Dopo la mozzarella, il pomodoro Igp: nuovo «duello» Puglia-Campania

FOGGIA - Più valore al pomodoro che nasce al Sud, le industrie di trasformazione sembrano finalmente convenire sulla necessità di specializzarsi per riconquistare quote di mercato. L’accordo che premia il tondo con 95 centesimi al chilo (da 87) e soprattutto il lungo che passa da 97 a 105 centesimi sempre al chilo, è un riconoscimento in particolare alla tipicità del pelato foggiano, unico prodotto del suo genere non replicabile in Spagna, Portogallo e Polonia (così come in qualunque altra area della penisola) giusto per citare i paesi che sul mercato ci fanno ormai un’assidua concorrenza. Il pelato viene apprezzato di più all’estero che sul mercato interno, se ne consuma in grande quantità nelle pizzerie e nella grande distribuzione. È un prodotto abbastanza ricercato, i consumatori lo preferiscono al solito pomodoro perchè la sua forma affusolata, il gusto meno intenso e acido garantiscono maggiore facilità di consumo e più digeribilità.

In provincia di Foggia la produzione su circa 20mila ettari è destinata per il 65% delle superfici al pelato, appena il 35% resta al tondo. Il concentrato in questa che è la culla del pomodoro nazionale (circa il 60%) è stato lasciato da tempo ai cinesi. Ora si fanno sotto altri paesi tutti molto agguerriti, agevolati dai costi di produzione più bassi che in Italia (anche in ambito Ue) e da scelte di politica economica dei paesi membri che considerano il pomodoro un prodotto strategico per l’agricoltura spagnola, polacca e via dicendo. L’Italia invece a Bruxelles ha deciso di puntare su riso e barbabietola da zucchero, inevitabile a questo punto specializzarsi per non farsi schiacciare.

«La Capitanata la strada delle tipicità l’ha imboccata da diversi anni - commenta Giuseppe Grasso, presidente dell’organizzazione di prodotto ApoFoggia - erano gli industriali finora che tentennavano su questa scelta non avendo evidentemente ancora chiaro il quadro di riferimento in cui bisogna operare. L’accordo sul prezzo che abbiamo appena stipulato è una risposta coraggiosa alle nuove prospettive di mercato, dobbiamo dare atto alle due componenti, agricola e industriale, di aver ragionato finalmente in un’ottica di sistema».

Per il momento l’intesa ripristina i prezzi di un paio di anni fa, ma da allora il quadro economico e normativo è profondamente mutato e sulla scena sono subentrati nuovi competitors in ambito europeo e comunitario. La Capitanata, con l’aiuto della componente industriale, guida il riscatto del pomodoro non più visto (anche dal consumatore) come un prodotto ormai regolarmente sottocosto e in fin dei conti trascurabile, ma in grado di elevare qualitativamente la propria offerta. Ed è curioso notare come il tentativo di alzare l’asticella venga in un certo senso osteggiato proprio dalla grande industria che ha investito sull’oro rosso foggiano: «La Princes riconosce un prezzo unico per tondo e lungo - dice Grasso - ci sembra chiaro l’intento di voler reprimere le potenzialità del pelato che vediamo in questo momento più sviluppate all’estero. E la Princes potrebbe essere per noi un valore aggiunto proprio perchè il suo mercato è tutto all’estero».

Dopo anni di contrasti con l’industria è arrivato forse il momento di giocare dalla stessa parte, comincia a convincersene di ciò anche la componente agricola. «Al Nord l’industria ha chiuso per il tondo a 86 centesimi - completa il presidente di ApoFoggia - quel centesimo in più riconosciuto al Sud vale molto per noi perchè significa che si è finalmente preso atto dei maggiori costi di produzione oltre che della qualità da sempre un valore aggiunto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie