Mercoledì 22 Settembre 2021 | 07:00

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Feriti genero e un parrucchiere

San Severo: raffiche di mitra in strada, ucciso boss Russi, 2 feriti fuori pericolo

La vittima è Michele Russi, detto "Coccione", con numerosi precedenti penali

San Severo, raffiche di mitra per strada: un morto e due feriti

Quattro esami dello stub e una decina di perquisizioni sono stati effettuati la notte scorsa nell’ambito delle indagini per far luce sull'omicidio di Michele Russi, il pluripregiudicato 58enne di San Severo (Foggia) ucciso ieri mattina all’interno di un parrucchiere per uomo. Migliorano, intanto, le condizioni dei due feriti. In particolare modo il genero della vittima, di 44 anni, è stato dimesso in serata; resta stazionario il 24enne incensurato dipendete del Salone, tuttora ricoverato nell’ospedale Masselli Mascia.


Secondo fonti investigative Michele Russi è stato raggiunto da una decina di colpi di fucile calibro 12 al volto, al torace e all’addome. All’esterno della Salone un altro sicario ha sparato numerosi colpi di pistola calibro 7,65 contro una Fiat Punto. All’esame degli agenti della squadra mobile di Foggia le immagini delle telecamere di sicurezza della zona, mentre il barbiere sarebbe sprovvisto di videocamere a circuito chiuso. 

I FATTI - Un uomo, Michele Russi, detto «Lillino Coccione», con numerosi precedenti penali, è stato ucciso ieri in tarda mattinata mentre si trovava nei pressi di un barbiere in via Terranova a San Severo, in provincia di Foggia. Nell’agguato sono rimasti gravemente feriti il genero della vittima e un dipendente del parrucchiere per uomo. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, Russi si trovava nelle vicinanze di un’autovettura, una Fiat Punto, quando è stato raggiunto da almeno due sicari i quali hanno cominciato a sparare crivellando di colpi l’autovettura. A quel punto Russi ha tentato di rifugiarsi nel salone del barbiere. I sicari hanno continuato a far fuoco anche all’interno del locale, uccidendo il pregiudicato e ferendo le altre due persone: il genero e un dipendente del parrucchiere. Almeno una cinquantina i colpi di arma da fuoco sparati durante l’agguato: i killer avrebbe utilizzato anche una mitraglietta.

L’uomo era una vecchia conoscenza delle forze di polizia soprattutto per i suoi precedenti penali per spaccio di sostanze stupefacenti. Intanto migliorano le condizioni dei due uomini che nell’agguato sono rimasti feriti. Si tratta del genero della vittima di 44 anni e un giovane di 24 anni, dipendente del parrucchiere per uomo dove è avvenuto l'omicidio. I due sono stati sottoposti ad un intervento chirurgico nell’ospedale Masselli Mascia di San Severo. Non sarebbero in pericolo di vita.

I sicari, tutti incappucciati, sono arrivati sul luogo dell’agguato a bordo di un auto. Uno - ricostruiscono gli inquirenti - è rimasto fuori. Gli altri due sono entrati nel Salone ed hanno fatto fuoco uccidendo all’istante Michele Russi. I sicari hanno anche sparato numerosi colpi contro una Fiat Punto parcheggiata nella zona.

Russi è considerato un personaggio di spicco della malavita: suo nipote, Francesco Paolo Russi, 36 anni, fu ucciso il 25 agosto scorso in via Castelnuovo a San Severo. Tre anni fa «Coccione» fu oggetto di un altro agguato in cui furono esplosi una trentina di colpi. L'agguato, il 14 febbraio 2015, avvenne in viale Checchia Rispoli, mentre l'uomo era in auto con il genero, Claudio Guerrieri, che rimase ferito di striscio dalla tempesta di fuoco proveniente dalla mitraglietta di un killer. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie