Lunedì 10 Dicembre 2018 | 09:24

NEWS DALLA SEZIONE

Dalla Polizia
Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

 
La mobilitazione in Capitanata
Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

 
Nel Foggiano
S. Giovanni Rotondo, infermiere violenta una paziente in ospedale: denunciato

S. Giovanni Rotondo, infermiere abusa di paziente operata: arrestato

 
A Foggia
Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

Vicepreside rimprovera alunna, il padre lo prende a schiaffi

 
La protesta
Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

 
L'iniziativa
Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

Margherita di Savoia, censimento dei fenicotteri rosa

 
Ad Apricena e P.Imperiale
Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

Corruzione appalti pubblici: controlli GdF nel Foggiano

 
Il colpo
Attimi di panico al GrandApulia: il video della rapina nel centro commerciale

Attimi di panico al GrandApulia: il video della rapina nel centro commerciale

 
Sanità
Foggia, la Cittadella ospedaliera cambia faccia alla città

Foggia, la Cittadella ospedaliera cambia faccia alla città

 

Femminicidio

Foggia, uccise la moglie a coltellate, muratore condannato a 30 anni

Nel processo la Regione Puglia si è costituita parte civile

Tribunale, toga

FOGGIA - rent'anni di reclusione per Ferdinando Carella il muratore 47enne di Troia (Foggia) che la notte del 16 febbraio scorso ha ucciso con numerose coltellate la moglie Federica Ventura. È questa la sentenza pronunciata dal Gup del Tribunale di Foggia, Roberto Scillitani al termine del processo celebrato con rito abbreviato. Ferdinando Carella è stato riconosciuto colpevole del reato di omicidio che ha assorbito quello di maltrattamenti in famiglia. Il giudice non ha concesso le attenuanti generiche.

È stata inoltre riconosciuta una provvisionale, ai figli, di centocinquanta mila euro. Quella notte Federico Carella uccise la moglie con sette coltellate, poi tentò di suicidarsi colpendosi all’addome con lo stesso coltello con cui aveva infierito sulla donna.
Da indiscrezioni emerse poi il clima teso che si respirava in quell'appartamento in via Kennedy a Troia, piccolo comune del foggiano. Pare che la donna, stanca degli atteggiamenti prevaricatori del marito, avesse peso la decisione di separarsi. Per questo femminicidio la Regione Puglia ha scelto di costituirsi parte civile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400