Mercoledì 23 Ottobre 2019 | 05:21

NEWS DALLA SEZIONE

Criminalità
San Severo, sabotaggi a cantine,: scatta la gara di solidarietà per salvare azienda

San Severo, sabotaggi a cantine: scatta la gara di solidarietà per salvare azienda

 
La curiosità
A Orsara niente Halloween: qui si festeggia la notte di Falò e Teste del Purgatorio

A Orsara niente Halloween: qui si festeggia la notte dei Falò e Teste del Purgatorio

 
Nel Foggiano
San Nicandro Garganico, Gdf scova 60 piante di marijuana stese ad essiccare nel bosco

San Nicandro Garganico, Gdf scova 60 piante di marijuana stese ad essiccare nel bosco

 
Alta velocità
Cerignola, fermato su statale: andava a 193 km/h, il limite era 90

Cerignola, fermato su statale: andava a 193 km/h, il limite era 90

 
nel Foggiano
San Severo, forzano silos in cantina sociale e disperdono mosto: indaga la polizia

San Severo, forzano silos in cantina sociale e disperdono mosto: danni per 1,5 mln di euro

 
dalla corte dei conti
Foggia, danno erariale all'Istituto Zooprofilattico: in 5 condannati a pagare 1 mln di euro

Foggia, danno erariale all'Istituto Zooprofilattico: in 5 condannati a pagare 1 mln di euro

 
Salgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
La relazione
Manfredonia, mafia in Comune: ecco i legami dei politici con i clan

Manfredonia, mafia in Comune: ecco i legami dei politici con i clan

 
L'accordo
Foggia, intesa tra Regione e Comune per 150 case popolari

Foggia, intesa tra Regione e Comune per 150 case popolari

 

Il Biancorosso

la partita
Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI disagi
Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

 
LecceUN 22enne
Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

 
TarantoA 8 giorni dal via
Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

 
BrindisiDanni a impianto
Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

 
BatIl caso
Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

 
PotenzaSicurezza in città
Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

 
MateraL'intervista
Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

 

i più letti

L'interrogatorio

Omicidio Desirée, il ghanese
di Foggia: arrivato 4 ore prima

Lo straniero non ha risposto alle domande sul caso di Roma e ha detto di non sapere nulla della droga (11 chili) trovata nel casolare

Omicidio Desirée, il ghambianodi Foggia: arrivato 4 ore prima

FOGGIA - Yusif Salia, il ghanese di 32 anni fermato a Foggia il 26 ottobre con l’accusa di aver fatto parte del gruppo che avrebbe violentato Desirée Mariottini, la 16enne drogata e uccisa in uno stabile abbandonato a Roma, è stato sottoposto ad interrogatorio di garanzia dal gip di Foggia. Dinanzi al giudice il ghanese si è avvalso della facoltà di non rispondere per le accuse mosse dalla Procura capitolina, ma si è difeso dall’imputazione di detenzione e spaccio di droga per la quale è stato arrestato in flagranza nel ghetto di Borgo Mezzanone, alla periferia di Foggia.

Al momento della cattura, nella baracca in cui si trovava Salia furono trovati dai poliziotti 11 chili di marijuana, circa 200 grammi di hashish e del metadone. Rispondendo al gip, l’arrestato ha ripercorso il viaggio che da Roma lo ha portato a Foggia dove ha detto di essere arrivato «quattro-cinque ore prima della cattura». «Ha detto di non sapere nulla della droga recuperata nell’alloggio, dove ha trovato ospitalità da un conoscente», ha spiegato ai cronisti il suo difensore Giovanni Vetritto.

L’uomo ha raccontato «di essere arrivato in Puglia a bordo di un mezzo pubblico - ha aggiunto Vetritto -. Una volta giunto a Foggia ha preso un taxi che lo ha accompagnato nel ghetto».

Sempre secondo quanto ha dichiarato al giudice, Salia sarebbe arrivato nel foggiano quattro, cinque ore prima della sua cattura. Si sarebbe anche fermato ad un bar abusivo all’interno del ghetto, avrebbe consumato un bevanda prima di nascondersi nella baracca di un suo conoscente. Inoltre, per quel che riguarda le 4 dosi di metadone trovate nelle sue disponibilità, Salia ha affermato di averle ricevute da una struttura sanitaria di Napoli, dove l’arrestato ha un domicilio.

Intanto il suo legale ha chiesto «la scarcerazione del ghanese o l’applicazione di una misura detentiva meno restrittiva rispetto a quella carceraria, magari sfruttando anche il domicilio napoletano». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie