Mercoledì 21 Novembre 2018 | 21:38

NEWS DALLA SEZIONE

A Foggia
L'ex moglie ha un compagno, lui minaccia lei e la figlia con l'acido

L'ex moglie ha un compagno, lui minaccia lei e la figlia con l'acido

 
Foggia
Telecamere sul lavoro: si ribella all'assenteismo e manda a processo 10 colleghi

Telecamere sul lavoro: si ribella all'assenteismo e manda a processo 10 colleghi

 
Gli incontri
Foggia, la Camera di commercio vuol avvicinare la scuola all’impresa

Foggia, la Camera di commercio vuol avvicinare la scuola all’impresa

 
Le indagini
Foggia, rapinano banca in via Matteotti con un taglierino: due ricercati

Foggia, rapina da film in banca con maschera e taglierino: due arresti VD

 
Sanità
Cerignola, il reparto di ortopedia zoppica: pochi medici, servizi ridotti

Cerignola, Ortopedia zoppica: pochi medici, servizi ridotti

 
La protesta
Scuola, uno studente foggiano su 3 lascia gli studi

Scuola, uno studente foggiano su 3 lascia gli studi

 
Le indagini
Freddato davanti ai videogiochi a Foggia, almeno 3 sicari

Circondato e freddato davanti ai videogiochi a Foggia, almeno 4 sicari

 
L'omicidio
Foggia, ucciso in una sparatoria affiliato del clan Moretti

Foggia, freddato nel bar davanti ai videogiochi affiliato al clan Moretti Vd/ Le urla del figlio: «Papà, papà»

 
agroalimentare
Corsa a esportare all’estero i prodotti dell’orto foggiano

Corsa a esportare all’estero i prodotti dell’orto foggiano

 
L'operazione
Foggia, spacciavano droga in piazza Mercato: 13 arresti, tra cui 3 minorenni

Foggia, spacciavano droga in piazza Mercato: 13 arresti, tra cui 3 minorenni

 
Le dichiarazioni
Omicidio Desiree, il ghanese catturato a Foggia: «Con lei rapporto consensuale»

Omicidio Desiree, il ghanese catturato a Foggia: «Con lei rapporto consensuale»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il caso del pestaggio

Foggia, chiusa discoteca Domus: «Buttafuori ha sparato al 18enne»

Dagli accertamenti effettuati a seguito del grave episodio di sabato scorso, tra i nominativi dei 13 addetti alla security impiegati, 4 sono risultati privi di autorizzazione, o perché mai conseguita, oppure perché scaduta di validità

Foggia, dopo il violento pestaggio in discoteca il Domus chiude

FOGGIA - Nell'inseguire il ragazzo, il buttafuori avrebbe prima sparato un colpo d’arma da fuoco, ferendo alla nuca il 18enne, e poi lo avrebbe picchiato violentemente. E’ quanto emerge dalle indagini sull'aggressione compiuta a Foggia nella notte del 21 ottobre scorso nelle vicinanze della discoteca Domus. Per questo pestaggio è stato fermato Aleandro Di Fiore, 37enne con precedenti penali, con l'accusa di tentato omicidio e porto e detenzione di armi. Ieri mattina il pm Alessandra Fini, durante l’interrogatorio di convalida tenutosi in carcere, ha contestato a Di Fiore questa nuova condotta. Il buttafuori, impiegato abusivamente nei servizi di controllo all’ingresso della discoteca, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il gip, Armando delle Iacovo, pur non convalidando il fermo, ha disposto che l’indagato rimanga in carcere. Intanto i sanitari dell’ospedale di San Giovanni Rotondo hanno operato il giovane 18enne, per estrarre la scheggia di metallo presente nella mandibola. Frammento risultato essere l’ogiva di un proiettile. Il 18enne peraltro al momento del ricovero presentava un foro di ingresso all’altezza della nuca. Le sue condizioni sono in netto miglioramento. Nella giornata di ieri la vittima sarebbe stata nuovamente ascoltata dagli inquirenti ai quali avrebbe confermato di aver avvertito un dolore alla nuca mentre era inseguito dal buttafuori. Dopo essere stato ferito e pestato, il 18enne è riuscito a raggiungere a piedi il centro cittadino e a chiedere aiuto ad una volante della polizia. Poco prima di essere sedato aveva fatto il nome del suo aggressore.

Intanto chiude (temporaneamente) la storica discoteca foggiana Domus: sospesa l’autorizzazione all'esercizio di attività per 30 giorni. E' la decisione presa a seguito del grave pestaggio avvenuto lo scorso sabato. Presso la stessa discoteca, le notti del 12 novembre 2017, del 21 gennaio e del 16 settembre 2018, si erano già verificati altri episodi di violenza tra giovani frequentatori, sia pur di non grave entità. I soggetti coinvolti nelle diverse colluttazioni, avvenute sia all’interno del locale che nell’area del parcheggio, riportarono ferite al volto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400