Mercoledì 25 Novembre 2020 | 12:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

 
Il caso
Covid 19, focolaio in una Rssa di Bari: 28 contagi e 6 decessi

Covid 19, focolaio in una Rssa di Bari: 28 contagi e 6 decessi

 
Il virus
Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

 
Il virus
Covid 19, Asl Taranto: «Tra ottobre e novembre 17 contagi tra medici »

Covid 19, Asl Taranto: «Tra ottobre e novembre 17 contagi tra medici »

 
Il virus
Arcelor Mittal, partono test sierologici per i dipendenti di Taranto

Arcelor Mittal, partono test sierologici per i dipendenti di Taranto

 
Il caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
Il caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
L'emergenza sanitaria
Coronavirus, 150 nuove Usca pronte a partire in Puglia

Coronavirus, 150 nuove Usca pronte a partire in Puglia

 
Da domani
Emergenza Covid ad Acquaviva una postazione drive-through per i tamponi

Emergenza Covid ad Acquaviva una postazione drive-through per i tamponi

 
Covid 19
Monopoli, sale a 15 il numero di anziani morti nella Rsa «Regina Pacis»

Monopoli, sale a 15 il numero di anziani morti nella Rsa «Regina Pacis»

 
#uscirnesipuo
Covid 19, l'iniziativa a Barletta con le poltrone profumate di solidarietà

Covid 19, l'iniziativa a Barletta con le poltrone profumate di solidarietà

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batla sentenza
Droga sull'asse Colombia-Barletta-Gargano: oltre 40 di carcere per il clan di trafficanti

Droga sull'asse Colombia-Barletta-Gargano: oltre 40 anni di carcere per il clan di trafficanti

 
Tarantosiderurgico
Mittal Taranto, ripartenza Acciaeria 1 annunciata per fine gennaio

Mittal Taranto, ripartenza Acciaeria 1 annunciata per fine gennaio

 
Potenzaacquedotto lucano
Potenza, acqua torbida nella diga Camastra e rubinetti a secco

Potenza, acqua torbida nella diga Camastra e rubinetti a secco

 
Lecceminacce e stalking
Salice Salentino, lei lo lascia, lui si vendica e invia a tutti loro video hard

Salice Salentino, lei lo lascia, lui si vendica e invia a tutti loro video hard

 
Barila replica
Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

 
MateraL'indagine
Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

 
BrindisiOperazione dei Cc
Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

 

sanità

Emergenza ricoveri in Puglia, terapie intensive all’80%: «Non ci sarà il tutto esaurito»

Il piano della Regione: Galatina, Copertino e Cerignola ospedali Covid

Puglia, aumentano i posti letto nella terapia intensiva

BARI - I posti di terapia intensiva covid attivati fino a oggi in Puglia sono 104. I ricoveri a ieri sera erano 84 (sei in più rispetto a giovedì). Significa dunque che restano disponibili appena 20 letti, più o meno il 20% dei letti di Rianimazione riservati all’emergenza per la pandemia. Ma la Regione garantisce che il «tutto esaurito» è una possibilità remota: «Abbiamo un totale di 369 letti di terapia intensiva - chiarisce il capo dipartimento Vito Montanaro - di cui 104 sono dedicati esclusivamente al covid. Gli altri possono essere riconvertiti in qualunque momento, ma non avrebbe senso farlo prima per lasciarli vuoti perché servono a garantire le urgenze e il funzionamento delle reti tempo-dipendenti».

La riorganizzazione della rete ospedaliera per la seconda fase è però una delle criticità di queste settimane. Giovedì nella videoconferenza con il commissario Arcuri e il ministro Boccia, le Regioni hanno fatto fronte comune nel respingere le accuse di ritardi mosse dalla Protezione civile.

Rispetto alla rete standard secondo il Dm 70 (304 letti) la Puglia ha mantenuto in piedi 65 posti extra e ne ha distratti un’altra cinquantina per arrivare appunto a 104. Dalla Protezione civile tra marzo e aprile sono arrivati 199 ventilatori per attrezzare ulteriori letti, ma una parte dei dispositivi non è adatta all’Intensiva ed è stata utilizzata per le Pneumologie, altri ancora sono stati usati per sostituire i macchinari obsoleti. Montanaro ha chiesto ad Arcuri altri 100 ventilatori che dovrebbero essere usati per sostenere il piano straordinario che verrà messo in atto nei prossimi giorni.

In queste ore dovrebbe infatti riaprire il Dea di Lecce, con i primi 20 posti che potrebbero arrivare fino a 100 (con 20 letti di Intensiva). A Bari - dopo il «Perinei» di Altamura - verranno convertiti a covid il San Paolo (che avrà 91 posti di cui 8 di Rianimazione, però manterrà attive breast-unit ed emodinamica: i tempi non sono brevissimi proprio perché bisogna ridisegnare tutti i percorsi interni per garantire la separazione) e Putignano (82 posti di cui 8 di Rianimazione, già bloccati i ricoveri e cominciati i trasferimenti): l’assistenza ordinaria nel capoluogo di regione verrà spostata quasi interamente sul Divenere, oltre che sul Policlinico. Gli altri ospedali pugliesi che verranno riconvertiti per la pandemia sono Galatina, Copertino e Cerignola, a cui si aggiungeranno i privati da cui dovrebbero arrivare complessivamente circa 600 letti: 300 sono quelli già attivati o in corso di attivazione dal «Miulli» di Acquaviva e dal San Giovanni Rotondo, a questi si aggiungeranno il gruppo Cbh, la Mater Dei di Bari e probabilmente altre strutture nel Salento: le proposte dovranno essere presentate entro domani così da definire i numeri lunedì. A Bari, dove in questi giorni si registra il tutto esaurito per i posti di medicina, entro 10 giorni dovrebbero esserci 200 posti in più (più circa altri 100 per il post-covid sparsi tra Terlizzi e Triggiano.

Resta comunque il fatto che, a fronte di un Piano straordinario presentato in estate da Emiliano che prometteva 278 posti di Terapia intensiva «strutturali» in più, in autunno nulla ancora è stato fatto. Le Regioni danno la colpa ad Arcuri, rilevando di aver ricevuto la subdelega commissariale per attuare gli interventi previsti soltanto l’8 ottobre. Ma poi emerge che, in ogni caso, anche quando i lavori saranno terminati (dicembre, più probabilmente gennaio) si rischia di non avere il personale per farli funzionare: gli ospedali pubblici della Puglia hanno in servizio poco più di 700 medici rianimatori, giusto quelli che servono per garantire la funzionalità dei posti attuali. Per raddoppiare i letti ne servirebbero più o meno altrettanti, senza considerare gli infermieri specializzati. Trovarli in tempi brevi è praticamente impossibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie