Giovedì 23 Settembre 2021 | 15:04

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

la vicenda

Cinema, ex produttore Harvey Weinstein condannato a 23 anni per molestie

Le sue accusatrici hanno parlato nel corso dell'udienza

Weinstein

Per Harvey Weinstein è arrivato il giorno del giudizio: l’ex re di Hollywood sconterà 23 anni in una prigione dello stato di New York per aver abusato di Miriam Hailey, ex assistente di produzione di «Project Runway» e dell’aspirante attrice Jessica Mann, due delle quasi cento donne uscite dal 2017 allo scoperto con accuse all’ex re di Hollywood di molestie e stupri.
E’ una sentenza esemplare, quella decisa dal giudice James Burke, anche se con un piccolo sconto sul massimo della pena di 29 anni chiesta dal pubblico ministero. «Anche se questa è la prima sentenza del genere, non è per una prima violazione della legge», ha premesso Burke alludendo ad accuse che risalgono addirittura agli anni settanta. Il movimento #MeToo ha applaudito la decisioend ella corte: «Ho pianto di commozione», ha detto Mira Sorvino, mentre per Ashley Judd, Rose McGowan e le altre «Silence Breakers», «nessuna pena detentiva potrà riparare tante vite distrutte e carriere rovinate».
Prima della sentenza le accusatrici dell’ex produttore avevano rinnovato in aula la loro drammatica testimonianza. La Haley, che Weinstein ha costretto a un atto di sesso orale nel 2006, ha detto che l’aggressione le ha cambiato per sempre la vita: «Ha violato la mia fiducia e il mio corpo. Non mi ha soltanto spogliato della mia dignità come essere umano e come donna. Ha diminuito la mia fiducia in me stessa»

Weinstein, reduce da un’operazione al cuore, era arrivato in tribunale in sedia a rotelle. In un delirante messaggio alla corte, in cui ha evocato la «crisi dell’America», l’uragano Sandy, il comunismo e l’11 settembre, ha detto di aver pensato che ogni rapporto con le sue accusatrici fosse consensuale e di sentirsi «totalmente confuso» per quel che gli sta accadendo. «Le nostre verità possono essere diverse ma provo veramente rimorso», ha detto l’uomo dietro successi di Hollywood come «Shakespeare in Love» e «Pulp Fiction».

Invano i difensori hanno implorato clemenza, auspicando i cinque anni previsti dal minimo della pena alla luce dello stato di salute del condannato, le sue attività filantropiche e i rapporti con le figlie che non lo vogliono vedere da quando nell’ottobre 2017 uscì il primo scoop del New York Times. Il giudice Burke non si è lasciato commuovere: ha condannato Weinstein a 20 anni per l’aggressione contro la Haley e altri tre per lo stupro di terzo grado (un rapporto sessuale non consensuale) della Mann. Ma per Weinstein non è finita: concluso il processo di New York, dovrebbe aprisi quello di Los Angeles dove l’ex produttore deve rispondere di nuove accuse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie