Venerdì 26 Febbraio 2021 | 05:12

NEWS DALLA SEZIONE

serie b
Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

 
Serie B
Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

 
Serie b
Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

 
giallorossi
Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

 
Serie b
Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

 
Serie B
Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

 
Il post-partita
Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

 
Serie B
Oggi (ore 21) al Via del Mare è di scena l'Ascoli: Corini spinge sull’acceleratore

Sconfitta per il Lecce contro l'Ascoli al Via del Mare: perde 2-1

 
Serie B
Lecce calcio, Christian Maggio passa ai giallorossi

Lecce, visite mediche per Maggio, neo-giallorosso

 
L'acquisto
Lecce calcio, è ufficiale: in squadra arriva Yalcin

Lecce calcio, è ufficiale: in squadra arriva Yalcin

 
L'infortunio
Lecce, fine campionato per Adjapong: rottura tendine d'Achille

Lecce, fine campionato per Adjapong: rottura tendine d'Achille

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

i più letti

CALCIO

Lecce tra speranza e rammarico, il Var resta un argomento spinoso

Il ds Meluso: «La tecnologia è un valore, ma va usata in modo equo»

Lecce tra speranza e rammarico, il Var resta un argomento spinoso

LECCE - Al termine del match con il Bologna, il presidente Saverio Sticchi Damiani ha puntato l’indice contro la maniera nella quale viene usato il Var in Italia. Sull’argomento, a mente fredda, in casa Lecce, dice la sua il direttore sportivo Mauro Meluso.
«Se la tecnologia viene impiegata a singhiozzo e in modo scarsamente comprensibile - rimarca il dirigente - si rischia di fare diventare macroscopico l’errore che un tempo veniva giustificato per il fatto che l’arbitro, in quanto uomo, può sbagliare. Infatti, se si dispone di inquadrature e telecamere in grado di verificare una azione da tutte le angolature e non si utilizzano per verificare con attenzione quanto è accaduto nelle diverse situazioni, allora si finisce solo con l’ingigantire in senso negativo ciò che il direttore di gara, in campo, non ha visto oppure ha valutato male. È grave che, in un match come quello di Bologna, che per il Lecce era di importanza vitale, Calvarese non sia stato invitato a rivedere l’intervento in area effettuato da Denswil su Mancosu, che per noi andava punito con il rigore. Aggiungo che serve anche uniformità di giudizio tra casi analoghi, in quanto a Sassuolo, un gesto di gran lunga più leggero di Paz è stato sanzionato con la massima punizione contro di noi».

Prima di proseguire la sua disamina, Meluso si sofferma sulla situazione di classifica. «Tutti ci danno oramai già in serie B, ci considerano spacciati - afferma - Ebbene, siamo innegabilmente appesi ad un filo e nessuno di noi se lo nasconde, ma il mondo del calcio ha più volte dimostrato che, sino a quando un verdetto non è aritmetico, le situazioni possono essere ribaltare in maniera anche clamorosa. Pertanto, non ci sentiamo affatto tra i cadetti e sono certo che Liverani, il suo staff e ciascuno dei calciatori daranno sino all’ultima stilla di energia pur di fare capire che siamo vivi. Quanto messo in mostra a Bologna dai ragazzi è stato straordinario, soprattutto se si considerano le assenze con le quali siamo alle prese da settimane e se si tiene conto che ci sono giocatori che stanno tirando la carretta dalla prima sfida del dopo lockdown, scendendo in campo ogni tre giorni».

Meluso torna quindi sull’argomento Var. «Vorrei che fosse chiaro che non stiamo cercando alibi di alcun tipo - sottolinea il direttore sportivo del club giallorosso - Però, episodi come quello registratosi in Lecce-Sampdoria, con il calcio sferrato da Bonazzoli al volto di Donati e non sanzionato, sono assolutamente inconcepibili perché, se sfuggono all’arbitro, non possono sfuggire anche all’occhio della tecnologia ed in questa particolare circostanza non penso che qualcuno potesse dare una interpretazione differente dalla nostra a quanto si è verificato. Invece, sullo 0-0 e con oltre un’ora da giocare, l’attaccante blucerchiato non è stato espulso. Com’è possibile? Cos’ha visto chi era addetto a richiamare Rocchi dalla sala Var?».
Il diesse della società salentina va oltre. «Penso che sia giunto il momento, come accade nella pallavolo, di concedere agli allenatori delle squadre in campo la possibilità di chiedere, per un certo numero di volte, che l’arbitro vada obbligatoriamente a visionare l’episodio indipendentemente da ciò che gli viene riferito dalla sala Var - sostiene Meluso - Inoltre, sarebbe ora di dare ai direttori di gara la possibilità di parlare, di spiegare il perché delle loro decisioni. Altrimenti si finirà sempre con l’alimentare tutti quei dubbi dei quali il calcio italiano non ha certo bisogno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie