Martedì 19 Marzo 2019 | 01:22

NEWS DALLA SEZIONE

Sfuma il terzo posto
Serie B, il Lecce pareggia a Crotone, finisce 2-2

Serie B, il Lecce pareggia a Crotone, finisce 2-2

 
Serie B
«Ora conta solo vincere il Lecce può mettere lo spettacolo da parte»

«Ora conta solo vincere il Lecce può mettere lo spettacolo da parte»

 
Serie B
Lecce calcio, Liverani: «Il derby è una gara speciale»

Lecce calcio, Liverani: «Il derby è una gara speciale»

 
Serie B
Il Lecce balla in difesa serve svolta immediata

Il Lecce balla in difesa serve svolta immediata

 
Serie B
IL Lecce batte il Verona 2-1Foggia pareggia 2-2 ad Ascoli

IL Lecce batte il Verona 2-1

 
Serie B
Poker del Cittadella al Lecce, finisce 4-1

Poker del Cittadella al Lecce, finisce 4-1

 
Serie B
Lecce calcio, Liverani: «Cittadella squadra fastidiosa»

Lecce calcio, Liverani: «Cittadella squadra fastidiosa»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Serie B
Incredibile Lecce, sotto di due gol rimonta e vince 3-2 con Livorno

Incredibile Lecce, sotto di due gol rimonta e vince 3-2 con Livorno

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Serie B

Di Bari rialza il Lecce
«Sconfitta immeritata»

«Uno solo il torto dei giallorossi: mancanza di incisività»

Liverani: cercare di trasformare un gruppo in squadra

Il tecnico del Lecce Fabio Liverani

LECCE - «Tra Ascoli e Lecce, a fare meglio è stata la formazione salentina, che però ha pagato a caro prezzo il gol realizzato con furbizia da Ardemagni, che ha indirizzato la gara in favore del team marchigiano, senza che la formazione allenata da Liverani riuscisse a reagire nella maniera giusta»: a parlare è Giuseppe Di Bari, ex direttore sportivo del Foggia, che sabato scorso ha assistito al match tra bianconeri e giallorossi dalla tribuna dello stadio «Del Duca».

«Avevo già seguito il Lecce in tv nelle precedenti uscite contro Benevento e Salernitana, nelle quali mi ha fatto un’ottima impressione - nota Di Bari - Di contro, non avevo ancora visto all’opera l’Ascoli, che a leggere le cronache sembrava un po’ in difficoltà. Ebbene, il campo ha confermato che i marchigiani hanno ancora diversi problemi da risolvere, ma intanto hanno messo da parte tre punti preziosi. I salentini, dal canto loro, pur non essendo stati brillanti come nei primi due incontri, hanno dettato i ritmi della sfida per lunghi tratti. Hanno avuto però il grave torto di non essere incisivi quando hanno creato dei pericoli nell’area avversaria e poi, in occasione del gol, hanno pagato una disattenzione».

Nelle tre gare sin qui passate in archivio, per il Lecce, la costante è stata incassare una o più reti determinanti, una volta superata la metà della ripresa. «Quando simili episodi si ripetono, evidentemente dipende da qualche distrazione determinata da un abbassamento della soglia della concentrazione - nota Di Bari - Conoscendo ed apprezzando Liverani, sono certo che abbia già lavorato e che continuerà a farlo, su questi aspetti. Per il resto, pur essendo una compagine totalmente rinnovata, quella salentina è una squadra che ha concetti di gioco ben chiari. È un peccato che abbia lasciato per strada diversi punti pesanti, in quanto contro Benevento e Salernitana avrebbe meritato di imporsi e ad Ascoli, se c’è stato uno schieramento che avrebbe meritato qualcosa di più questo è stato senza dubbio il Lecce».

Dietro l’angolo, per Andrea Arrigoni e compagni c’è la sfida casalinga con il Venezia. «Quella veneta è una buona formazione, ma l’undici salentino ha i mezzi per venire a capo della contesa, soprattutto se riuscirà a lasciarsi alle spalle le tossine derivanti dalla delusione patita ad Ascoli - sottolinea l’ex direttore sportivo del Foggia - Il Lecce deve essere convinto dei propri mezzi ed applicare i concetti di gioco sin qui messi in mostra, cercando di essere più cinico in fase conclusiva e più attento nella fase di non possesso. Si tratta di perfezionare i vari meccanismi ed occorre pazienza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400