Venerdì 14 Dicembre 2018 | 05:09

NEWS DALLA SEZIONE

SERIE D
Ardito gioca Brescia-Lecce: «Una partita da tripla»

Ardito gioca Brescia-Lecce: «Una partita da tripla»

 
Lecce
Liverani: testa già al Brescia, il pari non fa calare l'euforia

Liverani: testa già al Brescia, il pari non fa calare l'euforia

 
Serie B
Al Via del Mare: Lecce Perugia termina 0-0

Al Via del Mare: Lecce Perugia termina 0-0

 
Serie B
Calcio Lecce, Liverani: «mi fido dei miei ragazzi»

Calcio Lecce, Liverani: «mi fido dei miei ragazzi»

 
Sabato contro il Perugia
Lecce, l'ex Olive: «La squadra non rinuncerà al mercato. Gruppo coeso»

Lecce, l'ex Olive: «La squadra non rinuncerà al mercato. Gruppo coeso»

 
L'intervista
Ex difensore Brio promuove il Lecce: «Personalità e grande tifo»

Ex difensore Brio promuove il Lecce: «Personalità e grande tifo»

 
Carpi-Lecce 0-1
Lecce, gol di La Mantia decide match a Carpi

Lecce, gol di La Mantia decide match a Carpi

 
La decisione
Curva Nord Lecce intitolata a calciatori Lorusso e Pezzella

Curva Nord Lecce intitolata a calciatori Lorusso e Pezzella

 
Serie B
Lecce attento: «A Carpi come se fosse il match più importante della stagione»

Lecce attento: «A Carpi come se fosse il match più importante della stagione»

 
Serie B
Brini spiana la strada al Lecce: «È forte e può crescere ancora»

Brini spiana la strada al Lecce: «È forte e può crescere ancora»

 
Serie B
Lecce calcio, sulla strada giusta a caccia dell’equilibrio

Lecce calcio, sulla strada giusta a caccia dell’equilibrio

 

Serie B

Di Bari rialza il Lecce
«Sconfitta immeritata»

«Uno solo il torto dei giallorossi: mancanza di incisività»

Liverani: cercare di trasformare un gruppo in squadra

Il tecnico del Lecce Fabio Liverani

LECCE - «Tra Ascoli e Lecce, a fare meglio è stata la formazione salentina, che però ha pagato a caro prezzo il gol realizzato con furbizia da Ardemagni, che ha indirizzato la gara in favore del team marchigiano, senza che la formazione allenata da Liverani riuscisse a reagire nella maniera giusta»: a parlare è Giuseppe Di Bari, ex direttore sportivo del Foggia, che sabato scorso ha assistito al match tra bianconeri e giallorossi dalla tribuna dello stadio «Del Duca».

«Avevo già seguito il Lecce in tv nelle precedenti uscite contro Benevento e Salernitana, nelle quali mi ha fatto un’ottima impressione - nota Di Bari - Di contro, non avevo ancora visto all’opera l’Ascoli, che a leggere le cronache sembrava un po’ in difficoltà. Ebbene, il campo ha confermato che i marchigiani hanno ancora diversi problemi da risolvere, ma intanto hanno messo da parte tre punti preziosi. I salentini, dal canto loro, pur non essendo stati brillanti come nei primi due incontri, hanno dettato i ritmi della sfida per lunghi tratti. Hanno avuto però il grave torto di non essere incisivi quando hanno creato dei pericoli nell’area avversaria e poi, in occasione del gol, hanno pagato una disattenzione».

Nelle tre gare sin qui passate in archivio, per il Lecce, la costante è stata incassare una o più reti determinanti, una volta superata la metà della ripresa. «Quando simili episodi si ripetono, evidentemente dipende da qualche distrazione determinata da un abbassamento della soglia della concentrazione - nota Di Bari - Conoscendo ed apprezzando Liverani, sono certo che abbia già lavorato e che continuerà a farlo, su questi aspetti. Per il resto, pur essendo una compagine totalmente rinnovata, quella salentina è una squadra che ha concetti di gioco ben chiari. È un peccato che abbia lasciato per strada diversi punti pesanti, in quanto contro Benevento e Salernitana avrebbe meritato di imporsi e ad Ascoli, se c’è stato uno schieramento che avrebbe meritato qualcosa di più questo è stato senza dubbio il Lecce».

Dietro l’angolo, per Andrea Arrigoni e compagni c’è la sfida casalinga con il Venezia. «Quella veneta è una buona formazione, ma l’undici salentino ha i mezzi per venire a capo della contesa, soprattutto se riuscirà a lasciarsi alle spalle le tossine derivanti dalla delusione patita ad Ascoli - sottolinea l’ex direttore sportivo del Foggia - Il Lecce deve essere convinto dei propri mezzi ed applicare i concetti di gioco sin qui messi in mostra, cercando di essere più cinico in fase conclusiva e più attento nella fase di non possesso. Si tratta di perfezionare i vari meccanismi ed occorre pazienza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400