Giovedì 15 Novembre 2018 | 13:08

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Iemmello riabbraccia il Foggia: «Qui mi fanno sentire a casa»

Iemmello riabbraccia il Foggia: «Qui mi fanno sentire a casa»

 
Serie B
Foggia calcio, la lunga attesa e il gol ritrovato: «Lo aspettavo»

Foggia calcio, la lunga attesa e il gol ritrovato: «Lo aspettavo»

 
Serie B
Foggia pazzo: l'’equilibrio diventa una priorità

Foggia pazzo: l'’equilibrio diventa una priorità

 
Serie B
Calcio, il Foggia pareggia col Brescia: 2-2

Calcio, il Foggia pareggia col Brescia: 2-2

 
In campo alle 15
Foggia ci riprova, con il Bresciaserve tanta qualità

Foggia ci riprova, con il Brescia
serve tanta qualità

 
Serie B
Foggiacalcio, C’è baby Ranieri che si fa largo: «Felice di piacere»

Foggiacalcio, c’è baby Ranieri che si fa largo: «Felice di piacere»

 
Serie B
Chiaretti, gol d’autore per il Foggia

Chiaretti, gol d’autore per il Foggia

 
il turno infrasettimanale
Foggia danza sulle punteChiaretti la mina vagante

Foggia fa passi avanti ma il pari in Veneto sta stretto ai pugliesi

 
Serie B
Il Foggia guadagna un puntoprezioso col Cittadella (1-1)

Il Foggia guadagna un punto
prezioso col Cittadella (1-1)

 
Il derby pugliese
Foggia calcio, Grassadonia: «Queste partite si preparano da sole»

Foggia calcio, Grassadonia: «Queste partite si preparano da sole»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Serie B

Foggia, l’ora dei dubbi: Mercoledì col Padova a caccia del riscatto

La squadra di Grassadonia a Pescara ko per la terza volta di fila

Foggia, l’ora dei dubbi: Mercoledì col Padova a caccia del riscatto

FOGGIA - La quaterna al Carpi, illusione di fine estate. Il poker di reti contro gli emiliani, alla prima giornata, aveva dato gas al Foggia e ai suoi tifosi, convinti che quel successo avrebbe avviato la rapida risalita dei rossoneri dal fondo della classifica. Invece, da allora sono seguite tre sconfitte consecutive e la squadra allenata da Gianluca Grassadonia è già in un momento piuttosto critico, distante otto lunghezze dalla zona-salvezza, zavorrata dalla penalizzazione all’ultimo posto.

Stop immeritato, l’altro ieri, a Pescara. Abruzzesi vittoriosi 1-0 grazie al gol realizzato nella ripresa da Gravillon, pochi minuti dopo il calcio di rigore fallito da Mazzeo. Persiste, per il club rossonero, la maledizione dell’Adriatico: a Pescara, in serie B, 12 sconfitte ed un pareggio, vittorie zero. «E’ incredibile – commenta il capitano del Foggia, Cristian Agnelli -. Ultimamente il Pescara è la nostra bestia nera. Abbiamo perso due partite su due nel campionato scorso, e anche stavolta ci è andata male. Anche in quest’ultimo confronto, siamo stati condannati da un episodio. Voglio spezzare una lancia a favore di Fabio Mazzeo.

Dopo il rigore sbagliato siamo andati tutti ad abbracciarlo: può succedere».
Risultato severo, ma i numeri dicono che il Foggia ha avuto finora un rendimento al di sotto delle attese e delle sue possibilità: 4 sconfitte in 5 partite ufficiali, inclusa la gara casalinga di Coppa Italia contro il Catania; 7 reti segnate (di cui 4 su palla inattiva) e 12 incassate. La prova di Pescara ha fornito progressi sul piano della manovra, del fraseggio, della tenuta del campo: rossoneri più corti e compatti, ma resta l’impressione di una squadra che fa fatica a sprigionare il suo potenziale offensivo e a ed essere incisiva ed efficace sotto porta. Occorre capire se ciò accade perché non tutti i calciatori sono al top della forma, perché si è ancora in una fase di rodaggio e le intese vanno affinate, o se perché il sistema di gioco, per come viene interpretato (atteggiamento troppo prudente) e le caratteristiche dei giocatori, non è l’abito congeniale a questo Foggia.

Ieri la ripresa degli allenamenti. Mercoledì, alle 21, la prova d’appello: sfida al Padova, allo Zaccheria. Una gara in cui Grassadonia si giocherà già parecchio. «Ci eravamo ripromessi di scendere in campo liberi mentalmente, a Pescara, e ci siamo riusciti – osserva Agnelli, che ieri ha compiuto 33 anni -. Peccato che il risultato non ci abbia dato ragione. Avremmo meritato sicuramente di più. Siamo tornati a casa con molte indicazioni positive, e da queste dobbiamo ripartire. E’ il settimo anno di seguito che sono capitano: non c’è mai stata una stagione senza qualche difficoltà o momenti di sofferenza. Sono convinto che la ruota presto girerà, e che anche questa volta sapremo venirne fuori alla grande, tutti insieme», conclude il centrocampista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400