Giovedì 21 Febbraio 2019 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

A ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
l'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

La sentenza

Omicidio stradale, brindisino
condannato a 3 anni e 6 mesi

incidente

Condannato per omicidio stradale un brindisino coinvolto in un incidente mortale nel Tarantino nel 2016. Si sarebbe messo alla guida dopo una notte insonne e dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, ma soprattutto dopo aver fatto uso di stupefacenti.

Con lui c’era una 21enne di Putignano, Maria Chiara Zizzari. Giunto il 12 luglio del 2016 sulla statale 100 all’altezza del bivio Mottola-San Basilio, ha perso il controllo dell’auto e si è schiantato. La ragazza, sbalzata fuori dall’abitacolo non ha avuto scampo. È morta sul colpo schiacciata da uno dei pneumatici della stessa vettura su cui viaggiava. Il giudice per l’udienza preliminare Benedetto Ruberto ha condannato a 3 anni e 6 mesi di reclusione il 29enne brindisino Fabio Arigliano, ritenuto responsabile di omicidio stradale.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, Maria Chiara Zizzari forse non avrebbe avuto nemmeno il tempo di accorgersi quello che stava accadendo. Arigliano era alla guida della Renault Kangoo che il 12 luglio dell’anno scorso si è ribaltata più volte dopo aver perso aderenza con l’asfalto della statale ed è finita nelle campagne circostanti tra Mottola e San Basilio. Per Maria Chiara Zizzari, purtroppo, non c’è stato nulla da fare.

Fabio Arigliano invece rimase ferito in seguito allo schianto. Soccorso, fu trasportato in ospedale e sottoposto alle prime cure, ma anche agli accertamenti di routine che si effettuano in caso di incidenti stradali. Il risultato non tardò ad arrivare. Il 29enne brindisino risultò positivo all’uso di alcool e cannabinoidi e dunque per lui, dopo il ricovero in ospedale, scattò l’arresto con l’accusa di omicidio stradale. Dagli accertamenti dei carabinieri, è emerso che l’auto, dopo essere fuoriuscita dalla sede stradale, su un tratto rettilineo, si è ribaltata più volte, terminando la sua corsa in un terreno adiacente. A seguito dell’impatto, la 21enne, che viaggiava sul sedile lato passeggero del veicolo, come hanno ricostruito i carabinieri, è stata sbalzata dall’abitacolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400