Martedì 07 Luglio 2020 | 21:12

NEWS DALLA SEZIONE

tra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
L'incidente
Mesagne, scontro tra due auto. Muore un anziano

Mesagne, scontro tra due auto sulla complanare: muore un anziano

 
Il caso
Fasano, la Tari è da pagare, Conforama deve al Comune 300mila euro

Fasano, la Tari è da pagare: Conforama deve al Comune 300mila euro

 
In serata
Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

Latiano, agguato sotto casa a sorvegliato speciale: feriti lui e la moglie

 
nel brindisino
Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

Ostuni, carabiniere fuori servizio salva ragazzina picchiata dal fidanzato: 19enne arrestato

 
in città
Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua

Brindisi, esplodono le condotte dell’acqua: disagi

 
Nel brindisino
Bruciati automezzi di una casa vinicola a Cellino San Marco

Cellino San Marco, bruciati automezzi di una casa vinicola

 
I controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 
SOLIDARIETÀ
Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

Brindisi, ponte aereo europeo: partito primo dei tre voli umanitari per Mogadiscio

 
Traffico droga
Fasano, sequestrati 20 kg di cocaina: due arresti

Sequestrati 20 kg di cocaina vicino Latina: arrestati anche 2 fasanesi

 
nel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
Brindisitra carovigno e brindisi
In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

In casa ha una serra di marijuana: un arresto nel Brindisino

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

Sacra Corona

San Donaci, omicidio Presta, Carlo Solazzo condannato all’ergastolo

Ieri sera la sentenza della Corte di assise di Brindisi

Carlo Sollazzo

S. DONACI - Omicidio di Antonio Presta, avvenuto a S. Donaci il 5 settembre 2012. La Corte di assise di Brindisi (presidente Domenico Cucchiara) ha condannato ieri sera all’ergastolo Carlo Solazzo, di San Pietro Vernotico, unico imputato che, secondo il capo di imputazione, agì in concorso con altri, rimasti ignoti.

Rinviato a giudizio nel maggio del 2018 dal gip/gup del Tribunale di Lecce Michele Toriello, il processo per Solazzo iniziò il 19 giugno successivo con il pm antimafia Alberto Santacatterina a sostenere l’accisa.

Sarebbe stato materialmente Carlo Solazzo, secondo l’accusa, ad ammazzare Antonio Presta, prima crivellato di colpi, e quando l’arma si inceppò, colpito alla testa con il calcio dell’arma perché era ancora vivo. Lo accertò l’autopsia.
Nessuno dei colpi calibro 38 era stato mortale, infatti, e fu il trauma cranico dovuto alla botta sferratagli con l’impugnatura dell’arma ad ucciderlo.

A Solazzo venne contestato l’omicidio aggravato dalla premeditazione e dall’avere agito per favorire l’associazione mafiosa Sacra Corona Unita, della cui frangia, che controllava i traffici illeciti nei centri di San Donaci e Cellino San Marco, Solazzo è ritenuto facesse parte.

«Un omicidio deciso - si disse all’inizio del processo in Corte di Assise - perché Antonio Presta si era contrapposto a Solazzo per la gestione del traffico delle sostanze stupefacenti. Reati per i quali Solazzo è imputato in un altro processo».
Solazzo, difeso dall’avv. Pasquale Annicchiarico, è stato anche condannato al risarcimento delle parti civili costituite: il padre della vittima, Gianfranco Presta, rappresentato dall’avv, Francesco De Giorgi; il Comune di San Donaci, rappresentato dall’avv. Vincenzo Pennetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie