Venerdì 17 Gennaio 2020 | 22:06

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 
Scarcerato
Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

 
Il video
Tap, Castoro Sei arriva a Brindisi: a breve la posa della sezione sottomarina del gasdotto

Brindisi, arriva la nave Castoro Sei: a breve la posa della sezione sottomarina per Tap

 
La rissa
Fasano, espulso da centro di accoglienza: migrante aggredisce direttrice e carabinieri

Fasano, espulso da centro di accoglienza: migrante aggredisce direttrice e carabinieri

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

Mala sanità

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

Il caso di una ragazza di 23 anni reduce da un grave incidente ed attualmente su una sedia a rotelle

«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

CEGLIE MESSAPICA (Brindisi) - La lista è chiusa ed il caso clinico non può essere rivalutato. Accade all’Ospedale di Ceglie Messapica dove, la giovane Fabiola Faggiano, reduce da un grave incidente stradale e necessitante di terapia riabilitativa, si è sentita rispondere al Cup che la Fisiatra è in aspettativa, la lista è chiusa ed il suo caso non può essere riesaminato. Storia paradossale visto che la Legge vieta, categoricamente, la chiusura delle agende.

«Il 7 maggio – spiega Rosaria, mamma di Fabiola – una settimana prima del termine previsto per la fine del ciclo di quattro settimane di riabilitazione come prescritto dall’Unità di Fisioterapia del Perrino di Brindisi, mi sono recata al Cup dell’Ospedale di Ceglie per prenotare la visita fisiatrica a domicilio per la rivalutazione della situazione del caso clinico di Fabiola. Mi è stato risposto che la Fisiatra non c’è e che ha chiuso l’agenda e che se avessi voluto avrei potuto chiedere informazioni al sostituto. Cosa che, ovviamente, ho fatto data la situazione di mia figlia. Anche in questo caso il Fisiatra sostituto, proveniente da fuori provincia, mi ha risposto che non poteva fare nulla perché la collega aveva chiuso la lista».

Il 15 aprile scorso, dopo due mesi di ricovero nell’Unità complessa di Ortopedia e Traumatologia del «Perrino» di Brindisi, Fabiola Faggiano è tornata a casa. La sua vita è cambiata il 5 febbraio scorso, a causa di un grave incidente stradale nel quale è rimasta coinvolta sulla strada provinciale che collega Ceglie Messapica a San Michele Salentino, all’altezza di Contrada Abbondanza. La 23 enne, barista di professione, era alla guida della sua Fiat 500 che è uscita fuori strada impattando contro un albero di ulivo e si è ribaltata. La corsa verso l’Ospedale Perrino, grazie al pronto intervento degli operatori del 118, il ricovero in rianimazione per 48 ore ed il trasferimento in Ortopedia dove Fabiola vi ha trascorso 60 giorni subendo ben due interventi, in urgenza, per la riduzione delle fratture multiple. Un periodo non certo facile per la giovane, seconda di 4 figlie, con in tasca un Diploma all’Istituto Alberghiero e la felicità per il suo lavoro di barista, che ha saputo affrontare grazie alla sua tenacia e forza di volontà, grazie al sostegno di tutta l’equipe brindisina, della Famiglia che, con tutto l’amore possibile e tanti sacrifici, continua a prendersi cura di lei.

«Questa situazione – continua mamma Rosaria – ci ha costretto a rivolgerci ad un Ambulatorio Fisiatra privato fuori Ceglie con una serie di problemi, prima di tutto di trasporto perché Fabiola non deambula, e, al momento, ha l’uso solo della gamba destra. Poi economici perché abbiamo chiamato un Ambulanza privata per portarla alla visita e la paura che questa rivalutazione fatta da un distretto diverso da quello di appartenenza non fosse accettata. Per fortuna lunedì riprende la terapia a casa con la fisioterapista della Asl. Terapia che, come hanno scritto i medici, è fondamentale e potrebbe non farle affrontare un ulteriore intervento per i legamenti ma fra due mesi quando terminerà, quella lista sarà ancora chiusa? Sarò costretta ad andare ancora dal privato? E con quale criterio si decide, contro legge, a bloccare un’agenda solo perché la responsabile non c’è e non si sa quanto mancherà? Spero che qualcuno possa darmi delle risposte e possa venire a casa a vedere le condizioni di mia figlia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie