Sabato 17 Agosto 2019 | 23:19

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
Nel Brindisino
Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

 
decenni di violenze
Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

 
L’operazione
Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

 
L'episodio
Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

 
Nel Brindisino
Mesagne: raid contro auto maresciallo dei cc, data alle fiamme sotto casa

Mesagne: raid contro auto maresciallo dei cc, data alle fiamme sotto casa

 
Storia a lieto fine
Brindisi, i medici del «Perrino» salvano le ferie di una turista francese

Brindisi, i medici del «Perrino» salvano le ferie di una turista francese

 
3 arresti
Tentano di ucciderlo perché ha una relazione con la moglie di un detenuto: arresti a Brindisi

Brindisi, è l'amante di una moglie di un detenuto: pestato da mamma e figli
 

 
Violenza domestica
Cisternino, picchia il padre e minaccia la madre: arrestato 34enne

Cisternino, picchia il padre e minaccia la madre: arrestato 34enne

 
La denuncia
Brindisi, alla festa in spiaggia abusi su una 19enne

Brindisi, alla festa in spiaggia abusi su una 19enne

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

I funerali

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

Si sono tenuti nel pomeriggio di ieri tra Brindisi, Tuturano e San Pietro Vernotico i funerali delle tre giovanissime vittime. Lo schianto fatale sabato mattina mentre si trovavano sulla provinciale che conduce a Cellino.

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

BRINDISI - Tre comunità, un unico immenso strazio. Si sono svolti ieri tra Brindisi, Tuturano e San Pietro Vernotico i funerali dei tre ragazzi che hanno perso la vita a seguito del terribile incidente avvenuto nelle prime ore di sabato sulla strada provinciale che collega San Pietro Vernotico a Cellino San Marco.
Parrocchia Santo Spirito gremita, al rione Sant’Angelo, alle 15.30, per dare l’estremo saluto al 19enne Davide Cazzato, giovane calciatore cresciuto nel settore giovanile del Brindisi Fc, e passato poi nelle file del San Pietro calcio. Anche gli ultras del Brindisi hanno voluto dare il loro saluto affiggendo uno striscione con su scritto «Ciao Davide».
Si sono svolti in contemporanea alle 16 i funerali delle due ragazze. Nella parrocchia Santissima Maria Addolorata, a Tuturano, amici e parenti si sono stretti attorno alla famiglia della 18enne Sara Pierri.
Alla stessa ora, l’ultimo saluto alla 17enne Giulia Capone, nella chiesa madre di San Pietro Vernotico. Il sindaco, Pasquale Rizzo, ha proclamato il lutto cittadino dalle 15.30 alle 17.30 di ieri.

Tantissimi amici, tra cui una nutrita partecipazione di agenti polizia penitenziaria di Lecce, (il padre era dipendente della polizia penitenziaria) per l’ultimo saluto a Giulia Capone. Un corteo silenzioso quello che ha accompagnato in chiesa Giulia per l’estremo saluto, Il rito funebre è stato officiato dal parroco don Benedetto Strummiello il quale ha ricordato che Giulia: «Era schietta e vera. Trasformava in vita tutto ciò che toccava». All’uscita della bara bianca, sono state liberate in cielo colombe e decine di palloncini: bianchi, rosa. Poi un lungo applauso con Giulia accompagnata nel suo ultimo viaggio sulle note di «Torna a casa» dei Maneskin.

I tre ragazzi viaggiavano insieme ad altri due amici, Laura Aprile (19 anni, di San Pietro Vernotico) e Michael Lobello (21 anni, di San Pietro Vernotico), a bordo di una Fiat Grande Punto condotta dalla 19enne. La comitiva stava rientrando da una festa. La tragedia si è consumata intorno alle 2.30, quando la macchina, a ridosso di un incrocio semaforizzato, subito dopo una curva si è scontrata frontalmente con una Chevrolet Cruze condotta dal 72enne Antonio Z., di Trepuzzi. Entrambe le vetture sono finite contro il muro perimetrale di una proprietà.
Vano si è rivelato per tre di loro l’intervento dei soccorritori. Sul posto nonostante il pronto intervento dei vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi e alcune ambulanze con personale del 118, non hanno potuto far altro che prendere atto del fatto che Giulia Capone e Andrea Cazzato erano morti sul colpo. Sara Pierri è deceduta poco dopo in ospedale. Gli altri due giovani sono stati trasportati al Perrino in condizioni non gravi. La 19enne di Tuturano nel pomeriggio di sabato è stata dimessa. Illeso, invece, il conducente della Chevrolet. I carabinieri hanno accertato - come da prassi in queste occasioni - che i ragazzi erano sobri e avevano le cinture allacciate al momento dello schianto. La loro accortezza tuttavia non è bastata a salvarli. Tre giovani vite distrutte a nemmeno 48 ore di distanza dallo schianto fatale che si era portati via Francesco Lobefaro di 36 anni e Giuseppe Marzio di 25 anni, i due giovani cognati che hanno perso la vita mentre si stavano recando al lavoro a bordo della loro Volkswagen Golf sulla Ostuni-Fasano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie