Martedì 20 Novembre 2018 | 08:25

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo una discussione
Oria, sedicenne ferisce con una coltellata un compagno di scuola

Oria, sedicenne ferisce con una coltellata un compagno di scuola

 
Le indagini
Brindisi, preso a pistolettate dopo una rissa: ferito 19enne

Brindisi, preso a pistolettate dopo una rissa: ferito 19enne

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
Lotta allo spaccio
Brindisi, nasconde la droga nella stanza giochi del figlio: arrestato

Brindisi, nasconde la droga nella stanza giochi dei figli: arrestato

 
Commercio in crisi
Brindisi, in città chiudono negozi al ritmo di dieci al mese

Brindisi, in città chiudono negozi al ritmo di dieci al mese

 
Controllo automatico
Mai passare col rosso: controllo attivo a Ceglie Messapica

Mai passare col rosso: controllo attivo a Ceglie Messapica

 
Operazione dei cc
Dall'Albania con 250kg di marijuana nel gommone, 6 arresti a Brindisi

Nei tubolari del gommone 250kg di droga dall'Albania, 6 arresti a Brindisi VD

 
A Carovigno
Brindisi, distributore ambulante di carburante illegale: scatta sequestro e denuncia

Brindisi, distributore ambulante di carburante: sequestro e denuncia

 
Il folle gesto
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Brindisi, disoccupato minaccia di darsi fuoco davanti al Comune

 
A Cisternino
Brindisi, spacciava a 15 anni: preso vicino alla scuola

Brindisi, spacciava a 15 anni: preso vicino alla scuola

 
Premiato a Vienna
Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

I funerali a Cisternino

Morti a Raganello: folla e istituzioni per dare l'ultimo saluto al papà-eroe

Un fiume di gente ha partecipato oggi pomeriggio, a Cisternino (Brindisi), ai funerali di Gianfranco Fumarola. Cordoglio anche dal ministro Bonafede

Morti a Raganello: folla e istituzioni per dire addio al papà-eroe

BRINDISI - Un fiume di gente ha partecipato oggi pomeriggio, a Cisternino (Brindisi), ai funerali di Gianfranco Fumarola, il papà-eroe 43enne morto a causa della piena del torrente Raganello, dopo aver messo in salvo i suoi due figli di 11 e 12 anni. Al funerale del poliziotto penitenziario che prestava servizio a Taranto hanno preso parte anche il prefetto di Cosenza, Paola Galeone, il sottosegretari alla giustizia, Jacopo Morrone e Vittorio Ferraresi, e il sindaco di Civita, Alessandro Tocci.
Il corteo funebre è stato aperto da due vetture della polizia penitenziaria. In concomitanza con la celebrazione è stato disposto il lutto cittadino. Presenti alla cerimonia funebre anche la moglie Cinzia e i tre figli dell’uomo, il più piccolo dei quali non aveva partecipato all’escursione nelle gole ed era rimasto con la madre. Parole di cordoglio sono state espresse anche dal sindaco di Cisternino, Luca Convertini e dai colleghi della polizia penitenziaria. 

IL CORDOGLIO - Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede, i sottosegretari Vittorio Ferraresi e Jacopo Morrone, e l’intero Ministero della Giustizia, si uniscono al dolore dei familiari per la tragica scomparsa del sovrintendente Gianfranco Fumarola, tra le vittime delle gole del Raganello.

«L'amore di un padre e il senso del dovere di un servitore dello Stato. C'era anche questo nella vita di Gianfranco Fumarola, il sovrintendente capo della Polizia Penitenziaria tra le vittime della piena del torrente Raganello, nel parco del Pollino. Mettere in salvo i due figli con cui era andato in gita, anche a costo della propria stessa esistenza: un gesto istintivo e di protezione prima di essere trascinato dall’ondata rivelatasi fatale. Un’azione che da sola rende Gianfranco un eroe», sottolinea una nota del ministero.

«Oggi a piangerlo non c'è solo la moglie Cinzia insieme ai loro tre bambini di 4, 11 e 12 anni: c'è un Paese intero. Che ne riconosce il valore di uomo. E di agente penitenziario, innamorato com'era di quella divisa che, con spirito di servizio nei confronti dell’Italia, indossava con orgoglio. L’entusiasmo e la capacità di sdrammatizzare caratterizzavano il suo lavoro quotidiano, rendendolo amatissimo dai colleghi insieme ai quali condivideva affanni e responsabilità, ponendosi quale indiscusso punto di riferimento per tutti.

Nel 2013 aveva ricevuto il premio Renoir, riservato agli appartenenti di tutte le Forze dell’ordine che si sono particolarmente distinti nel territorio Jonico. Eccellente è stata la sua opera di formazione delle nuove generazioni di poliziotti penitenziari, ricoprendo il ruolo di trainer degli allievi agenti. Dal 2004 lavorava presso la Casa Circondariale di Taranto e il commissario coordinatore dell’istituto pugliese, Giovanni Lamarca, di lui dice: «era una persona straordinaria. Tenacia, competenza e carisma, accompagnati da modi generosi e cordiali gli valevano il rispetto, oltre che dei colleghi, anche dei detenuti, che in modo unanime hanno espresso il loro cordoglio per la scomparsa del sovrintendente Fumarola».

Per il Provveditore Regionale di Puglia e Basilicata, Carmelo Cantone, questa morte è «un dolore immenso e una perdita importante per il Corpo. Gianfranco Fumarola, a detta di tutti i colleghi, credeva nel proprio lavoro ed era un valido collegamento tra il comandante e i reparti detentivi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400