Domenica 17 Febbraio 2019 | 09:15

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

A Brindisi

Nigeriana morta da 4 giorni, proteste per la mancata sepoltura

Una 21enne, deceduta dopo un mese di ricovero: era ospite di un centro di accoglienza

Nigeriana morta da 4 giorni, proteste per la mancata sepoltura

Lacrime e rabbia. Chiedevano di poter dare una degna sepoltura ad una giovane morta da quattro giorni, per questo ieri mattina un gruppo di nigeriani ha dato corso ad una protesta nei pressi del cimitero di Brindisi. Da quanto hanno dichiarato alcuni tra congiunti ed amici, la 21enne, dopo aver trascorso all’incirca un mese in ospedale sarebbe deceduta lunedì. La giovane, era a Brindisi da oltre un anno ed era ospite di un centro di accoglienza situato nel centro di Brindisi.

«Dal giorno del decesso - hanno lamentato i congiunti - nessuno dei responsabili di quel centro si è mai fatto sentire o ha assistito parenti o amici che cercavano di capire come dare una degna sepoltura alla salma». Ieri mattina al cimitero c’erano anche dei familiari che volevano vedere per l’ultima volta la loro congiunta e capire quando e come sarebbe stato possibile seppellirla. Ma la difficoltà sembra stesse proprio nella mancanza di comunicazione tra i responsabili del centro presso la quale la ragazza alloggiava e gli addetti del cimitero.

«Non si è fatto vedere e sentire nessuno, nemmeno un mediatore culturale», lamentavano alcuni componenti della comunità nigeriana presenti. La presenza di qualche operatore del centro era necessaria per lo svolgimento delle pratiche. È stato necessario l’intervento di carabinieri - che hanno rintracciato alcuni addetti della struttura - e polizia perchè l’incresciosa situazione che stava causando non pochi malumori e stava esacerbando gli animi si sbloccasse con il feretro trasferito all’interno del cimitero per il funerale della ragazza. [A.P.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400