Mercoledì 24 Aprile 2019 | 19:47

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

La storia

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

La piccola fu rapita e uccisa dal branco 19 anni fa nei pressi di Castel del Monte. L'intervento del sindaco Giorgiono evita il peggio

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

La famiglia Mansi

Il primo Sos della mamma di Graziella viaggia sul telefonino. «Venite, per piacere, ci vogliono far sgomberare la bancarella della frutta secca da sotto il Castello», risuona la voce allarmata di Giovina Antolino, madre della bambina che fu uccisa dal branco, proprio lì, a due passi dal monumento federiciano, il 19 agosto 2000. Da questo capo del «filo» c’è il cronista ormai attempato che all’epoca raccontò quello strazio su queste pagine.

Diciannove anni fa, il caschetto e gli occhi nerissimi di Graziella rimbalzarono sulle prime pagine degli organi d’informazione, ben prima dell’era social, molto prima che fosse coniata la parola «femminicidio». D’estate, Graziella e le due sorelline trascorrevano l’intera giornata vicino alla bancarella gestita dal loro nonno, Vittorio, e dal papà, Vincenzo.

Giovina continua: «Siamo molto legati a questo posto, che ci ricorda sì la tragedia ma anche i momenti belli della breve esistenza di nostra figlia. Una bancarella in teoria potrebbe stare ovunque. Ma non la nostra. Il nostro banco di frutta secca ha solo un posto. Questo. Da sessant’anni mio suocero e tutti noi lavoriamo qui, da marzo a settembre». Arachidi, mandorle, nocciole, noci e lupini, venduti dai Mansi, da decenni sono la merenda dei turisti da tutto il mondo che visitano il castello ottagonale.

I Mansi non nutrono rancore per nessuno: «I vigili urbani fanno il loro dovere, eseguono ordini - continua la donna -, ma chiediamo comprensione».

La coscienza professionale e umana ci mette le ali ai piedi e ci precipitiamo sul posto. La Murgia si presenta con i suoi colori meravigliosi. Ai piedi del Castello non è un sabato qualsiasi. È il giorno dell’inaugurazione dell’Infopoint del Gruppo di azione locale (Gal) «Le città di Castel del Monte». La costruzione a vetrate sulla destra della strada, già pronta da qualche anno, ospiterà fin dai prossimi giorni l’ufficio informazioni e il servizio guide in più lingue. A breve sarà attiva la app per smartphone che permetterà di prenotare la visita guidata da ogni parte del pianeta, comprese data e ora. La cerimonia è appena terminata. Un elegante maitre sta sparecchiando i bicchieri dello spumante, il sindaco Nicola Giorgino sta parlando con alcune persone.

Sul lato sinistro della strada, il gruppo dei Mansi in attesa davanti a un muretto. A destra il futuro del turismo in Puglia, a sinistra il passato di un dolore incancellabile. I Mansi non hanno montato la bancarella, diversamente dai precedenti equinozi di primavera. Sul viso ancora giovane della mamma di Graziella, le rughe di un dramma ancora presente. Con lei il marito Vincenzo, la cognata Francesca Mansi con il marito Mustapha El Haimer e il suocero 82enne Vittorio, su una carrozzina. «Aspettiamo - dice Giovina -. Hanno detto che si risolve».

Giorgino è ancora qui. Cinquant’anni, avvocato, al secondo mandato al Comune, è anche presidente del Gal e della Provincia Bat. Signor sindaco, scusi... «Abbiamo risolto - risponde subito -, i Mansi potranno lavorare su un suolo privato», e indica il parcheggio di fronte. Non si sofferma sui dettagli, Giorgino. Presumibilmente, ce l’ha messa tutta per fare lo slalom tra codici e ordinanze. Uomo di diritto ma soprattutto di pace. Nel cuore della legge è riuscito a trovare cuore.

Riferiamo alla signora Giovina. Una specie di sorriso affiora sul volto sofferto. «Venga», dice. La seguiamo per una trentina di metri dietro il ristorante. Nel punto esatto dove la piccola Graziella fu rapita quel torrido sabato dell’estate 2000, tra i fiori gialli accarezzati dal vento fresco, c’è una lapide con la sua foto. Oggi avrebbe avuto 27 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400