Martedì 23 Aprile 2019 | 00:05

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Contro abbandono rifiuti

Altolà sporcaccioni: a Trani ci sono le fototrappole

Installate le videocamere che documentano lo scarico abusivo di spazzatura

Altolà sporcaccioni: a Trani ci sono le fototrappole

Cittadini ed ospiti di Trani, da oggi c’è un occhio che vi guarda: è quello delle fototrappola, entrate in attività in più punti del territorio comunale, utili ad incastrare senza tema di smentita i furbetti della spazzatura.
Nel mirino degli occhi elettronici, soprattutto, coloro che gettano rifiuti fuori orario, violando l’ordinanza sindacale che dispone il conferimento ai cassonetti dalle 18 della sera alle 5 del mattino successivo.
Alcune foto documentano una più che frenetica attività in due punti critici della città, vale a dire via Duchessa d’Andria e via Martiri di Palermo.


Lungo la prima, nei pressi di alcuni cassonetti, ci sono una vettura ed un motocarro con i loro conducenti intenti al conferimento di rifiuti in pieno giorno.
La stessa vettura si ritrova, più avanti, in via Martiri di Palermo, al termine di un autentico percorso a tappe utile per sbarazzarsi di tutto, addirittura facendo la differenziata delle zone.
Un paradosso che suona quasi come beffa atroce, tenendo conto di un servizio, quello porta a porta che ancora non parte.
Sempre da via Martiri di Palermo giungono immagini relative all’abbandono dell’intero contenuto di un furgone, nonché ad un’altra vettura che, parcheggiata contromano, resta in diagonale sulla carreggiata mentre il conducente comodamente si sbarazza di ogni cosa.


Queste e tante altre foto, insieme con i relativi video, a breve saranno pubblicamente rilasciati dall’amministrazione comunale sulla pagina Città di Trani e su tutti i canali di comunicazione utili per evitare che il fenomeno sfugga definitivamente di mano.
Siamo ancora al livello della prevenzione, ma, ormai la stessa ha i giorni contati: ci sono tutte le carte in regola per passare alla repressione e sanzionare, senza sconti, chiunque contravvenga alle norme.
La circostanza è già avvenuta, ripetutamente, con appostamenti mirati da parte degli agenti della Polizia locale, ma adesso, unendo a quell’attività quella dei dispositivi elettronici, i furbetti della spazzatura sembra abbiano davvero i giorni contati.
L’iniziativa sarà utile, anche, a scongiurare l’abbandono indiscriminato di rifiuti in zone periferiche della città, ovviamente sempre preavvertendo l’utenza con l’installazione di cartelli che indichino la presenza di telecamere sulle loro teste, come la legge prescrive.


Nei mesi scorsi il Comune di Trani aveva acquistato otto fototrappola di ultima generazione, che potranno essere smontate e ricollocate di continuo così da consentire monitoraggi su tutti i siti sensibili. «Per gli sporcaccioni si avvicina il momento del game over - preannunciano il sindaco, Amedeo Bottaro, l’assessore all’ambiente, Michele di Gregorio, e quello alla Polizia locale, Cecilia di Lernia -. Gli apparecchi scelti sono dotati di tecnologia e sensibilità tali da riprendere nitidamente anche i movimenti più impercettibili, sia di giorno, sia di notte. Siamo pronti ad una battaglia, quartiere per quartiere, per punire gli indisciplinati».


Concluso l’iter burocratico preliminare, per adottare cautele connesse ad alcuni aspetti di privacy, semaforo verde, dunque, alle tanto invocate attività di controllo che accertino e puniscano chi utilizza le aree del territorio comunale come discariche, sia in città, sia sulle strade di collegamento con altri comuni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400