Giovedì 15 Novembre 2018 | 13:19

NEWS DALLA SEZIONE

L'agguato a Margherita di Savoia
Margherita di Savoia, preso a pistolettate un fabbro di 41 anni: è in coma

Gli sparano e lo abbandonano davanti all'ospedale di Barletta: è in coma

 
Inchiesta e rifiuti
Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

 
Sanità e occupazione
Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

 
La strage
Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

 
Turismo
Barletta, il faro napoleonico ha lanciato il suo «Sos»

Barletta, il faro napoleonico ha lanciato il suo «Sos»

 
Gastronomia
Norbarese: burrata e cipolla protagoniste a Milano

Nordbarese: burrata e cipolla protagoniste a Milano

 
A Trani
Compie 106 anni il cittadino più longevo della Bat

Compie 106 anni il cittadino più longevo della Bat

 
il ritrovamento
Bisceglie, sub trova ordigno bellico e lo consegna

Bisceglie, sub trova ordigno bellico e lo consegna

 
La proposta
Bat, Polo museale in agitazione: operatori culturali, pochi e ignorati

Bat, Polo museale in agitazione: operatori culturali, pochi e ignorati

 
Giù le entrate
Mercato di Andria abbandonato a se stesso: la protesta

Mercato di Andria abbandonato a se stesso: la protesta

 
Nel pomeriggio
Termoli, muore 51enne di Barleta: era un senza fissa dimora

Termoli, muore 51enne di Barletta: era un senza fissa dimora

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Contro abbandono rifiuti

Altolà sporcaccioni: a Trani ci sono le fototrappole

Installate le videocamere che documentano lo scarico abusivo di spazzatura

Altolà sporcaccioni: a Trani ci sono le fototrappole

Cittadini ed ospiti di Trani, da oggi c’è un occhio che vi guarda: è quello delle fototrappola, entrate in attività in più punti del territorio comunale, utili ad incastrare senza tema di smentita i furbetti della spazzatura.
Nel mirino degli occhi elettronici, soprattutto, coloro che gettano rifiuti fuori orario, violando l’ordinanza sindacale che dispone il conferimento ai cassonetti dalle 18 della sera alle 5 del mattino successivo.
Alcune foto documentano una più che frenetica attività in due punti critici della città, vale a dire via Duchessa d’Andria e via Martiri di Palermo.


Lungo la prima, nei pressi di alcuni cassonetti, ci sono una vettura ed un motocarro con i loro conducenti intenti al conferimento di rifiuti in pieno giorno.
La stessa vettura si ritrova, più avanti, in via Martiri di Palermo, al termine di un autentico percorso a tappe utile per sbarazzarsi di tutto, addirittura facendo la differenziata delle zone.
Un paradosso che suona quasi come beffa atroce, tenendo conto di un servizio, quello porta a porta che ancora non parte.
Sempre da via Martiri di Palermo giungono immagini relative all’abbandono dell’intero contenuto di un furgone, nonché ad un’altra vettura che, parcheggiata contromano, resta in diagonale sulla carreggiata mentre il conducente comodamente si sbarazza di ogni cosa.


Queste e tante altre foto, insieme con i relativi video, a breve saranno pubblicamente rilasciati dall’amministrazione comunale sulla pagina Città di Trani e su tutti i canali di comunicazione utili per evitare che il fenomeno sfugga definitivamente di mano.
Siamo ancora al livello della prevenzione, ma, ormai la stessa ha i giorni contati: ci sono tutte le carte in regola per passare alla repressione e sanzionare, senza sconti, chiunque contravvenga alle norme.
La circostanza è già avvenuta, ripetutamente, con appostamenti mirati da parte degli agenti della Polizia locale, ma adesso, unendo a quell’attività quella dei dispositivi elettronici, i furbetti della spazzatura sembra abbiano davvero i giorni contati.
L’iniziativa sarà utile, anche, a scongiurare l’abbandono indiscriminato di rifiuti in zone periferiche della città, ovviamente sempre preavvertendo l’utenza con l’installazione di cartelli che indichino la presenza di telecamere sulle loro teste, come la legge prescrive.


Nei mesi scorsi il Comune di Trani aveva acquistato otto fototrappola di ultima generazione, che potranno essere smontate e ricollocate di continuo così da consentire monitoraggi su tutti i siti sensibili. «Per gli sporcaccioni si avvicina il momento del game over - preannunciano il sindaco, Amedeo Bottaro, l’assessore all’ambiente, Michele di Gregorio, e quello alla Polizia locale, Cecilia di Lernia -. Gli apparecchi scelti sono dotati di tecnologia e sensibilità tali da riprendere nitidamente anche i movimenti più impercettibili, sia di giorno, sia di notte. Siamo pronti ad una battaglia, quartiere per quartiere, per punire gli indisciplinati».


Concluso l’iter burocratico preliminare, per adottare cautele connesse ad alcuni aspetti di privacy, semaforo verde, dunque, alle tanto invocate attività di controllo che accertino e puniscano chi utilizza le aree del territorio comunale come discariche, sia in città, sia sulle strade di collegamento con altri comuni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400