Martedì 20 Agosto 2019 | 14:53

NEWS DALLA SEZIONE

L'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 
Il caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
Il furto
Barletta, ruba monete dalla cassetta delle offerte: arrestato

Barletta, ruba monete in chiesa dalla cassetta delle offerte: arrestato

 
Cervelli in fuga
Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

 
In Sicilia
Turista pugliese bloccato nella riserva dello Zingaro: il salvataggio è spettacolare

Turista pugliese bloccato nella riserva dello Zingaro: il salvataggio è spettacolare

 
L'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 
I numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
L'aggressione
«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

 
Nel nordbarese
Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

 
Denunciata una terza persona
Barletta, finge di vendere bibite, in realtà spaccia cocaina: arrestato con la moglie

Barletta, finge di vendere bibite, in realtà spaccia cocaina: arrestato con la moglie

 
La tragedia
Trani, annega un 63enne: forse stroncato da un malore

Trani, annega un 63enne: forse stroncato da un malore

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiSu Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
MateraNel Materano
Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

 
BariNodi critici
Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

 
TarantoSequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
PotenzaOperazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
FoggiaL'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
LecceA Torre Lapillo
Lecce, turismo e prezzi: scoppia la polemica della frisella

Lecce, turismo e prezzi salati: scoppia la polemica della frisella

 
BatL'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 

i più letti

La strage

Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

Secondo l'Istituto Zooprofilattico sono da escludere le polpette avvelenate

Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

Se alcuni cani sono morti a fine agosto, con decessi a distanza ravvicinata l’uno dall’altro, le cause non sarebbero riconducibili alle polpette avvelenate poste sotto accusa da numerosi cittadini e, a detta di più di uno, disseminate qua e là, a mo’ di esche, da un presunto serial killer degli animali. Ad escluderlo sono i rapporti rilasciati dall’Istituto zooprofilattico sperimentale della Puglia e Basilicata, di Foggia, sulla base di due polpette prelevate da suoli oggetto di interesse, nei pressi di luoghi in cui si sarebbero verificate decessi di animali. I campioni furono consegnati al laboratorio da agenti della Polizia locale.
Il primo prelievo è del 2 settembre, il secondo del 13. Ebbene, in entrambi si rilevano assenze di metaldeide, diserbanti, pesticidi, arseniuri e fosfuri, mentre risultano non rilevabili le tracce di altri componenti chimici che avrebbero costituito una polpetta da definirsi «avvelenata».
A firmare i rapporti il responsabile di laboratorio, Marilena Muscarella. I vigili, unitamente ai volontari appartenenti all’associazione Oipa (convenzionata con il Comune di Trani), avevano svolto una serie di attività di accertamento e controllo.
Durante tali controlli, avevano prelevato le presumibili “esche”, ritenute da molti denuncianti “bocconi avvelenati”, una in via delle Tufare, l’altra in piazza Cezza.
Proprio nella zona di quest’ultima si erano verificati episodi di ritrovamento di polpette e morti di cani che, peraltro, non sono state mai accertate con riferimento alla causa: infatti, nessuno dei proprietari ha mai sottoposto i propri animali ad autopsia.
Ma tanto era bastato per indignare un quartiere e sollevare un’autentica insurrezione popolare sui social network, contro un non meglio precisato serial killer degli animali. Si avviarono petizioni ed emersero figure carismatiche di veri e propri capipopolo, che all’occorrenza sarebbero entrati in azione.
Detto, fatto, il 28 agosto, in tarda serata si scatenò un’autentica caccia all’uomo dopo che qualcuno aveva avvistato una sagoma, vestita di nero, lanciare delle polpette proprio nella già citata aiuola di piazza Cezza: da lì a poco molta gente scendeva in strada per un’autentica ronda improvvisata.
Così, dopo avere chiamato sul posto la Polizia, gli agenti del Commissariato fermarono, in piazza Martiri di via Fani, un uomo vestito sì di nero, ma indossava i pantaloni corti e portava con sé non polpette, ma una focaccia: fu immediatamente rilasciato, nonostante fosse stato oggetto di pesanti insulti da parte degli astanti. Da allora il caso s’era progressivamente ridimensionato e le luci dei riflettori dell’opinione pubblica attenuate. Ieri, però, appena la pagina Facebook Città di Trani ha rilasciato il rapporto per fare cessare ufficialmente l’allarme, gli animalisti si sono tutti riaffacciati sulla scena. E la domanda più frequente, adesso, è per cosa quei cani siano morti. Infatti, se è un dato di fatto che le polpette non contenessero veleno, appare altrettanto indiscutibile che alcuni cani, in quei giorni, abbiamo smesso di vivere.
Potrebbe anche non essere stata una fortuita coincidenza, ma è pur vero che, se nessuno ha sottoposto ad autopsia il proprio animale - e nessuno lo ha fatto - si può affermare tutto e il contrario di tutto: fino a prova contraria, i rapporti dei medici esprimono dati ufficiali, il resto alimenta ben altro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie