Sabato 25 Maggio 2019 | 12:49

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel Tarantino
Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
LecceL'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
BrindisiDai Cc
Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

andria

Importazione di olio tunisino
il caso finisce in Parlamento

Importazione di olio tunisino il caso finisce in Parlamento

ANDRIAIl movimento Idea presenta una interrogazione parlamentare relativamente alle importazioni di olio dalla Tunisia. L’ha presentata in aula il senatore Gaetano Quagliariello con cui si interroga il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Centinaio e al Ministro per gli affari europei, Savona sulla vicenda Tunisia. «E’ un intervento diretto a tutelare gli olivicoltori andriesi e più in generale pugliesi – spiega Francesco Losito, coordinatore regionale IDeA - in un momento così difficile a causa anche delle ultime calamità atmosferiche che hanno seriamente danneggiato il prodotto olive procurando un danno in alcune zone delle Provincie di Foggia BAT e Bari di circa l’80% del presunto raccolto».

«Premesso che: da fonti stampa – riporta il testo dell’interrogazione parlamentare - è emerso che secondo l’associazione Coldiretti da inizio anno l’importazione in Italia di olio d’oliva proveniente dalla Tunisia sarebbe aumentata del 260%, facendo registrare una vera e propria impennata; nel 2016 la Commissione europea aveva concesso alla Tunisia due contingenti temporanei a dazio zero per le esportazione di olio dirette verso l’Unione europea, in particolare 35 mila tonnellate all’anno per il 2016 e il 2017 al fine di cercare di sostenere la difficile situazione socio-economica del Paese; dalla relazione della Commissione europea risulta che il Paese non ne avrebbe usufruito quasi per nulla, avendo esportato verso l’Unione tra il 2016 e il 2017 solo 2.557 delle settantamila tonnellate accordate; sempre secondo fonti stampa, la Tunisia avrebbe chiesto all’Unione europea di rinnovare la concessione di nuove quote di export a dazio zero verso la stessa Unione, motivando la richiesta con il fatto che l’agricoltura tunisina si è riorganizzata tanto da prevedere un raddoppio della produzione di olio d’oliva per il 2018».

E poi: «Questo salto avrebbe permesso, già nel primo quadrimestre del 2018, alla Tunisia di esportare verso l’Italia ben 26mila tonnellate di olio d’oliva. Preso atto che: nel 2017 la produzione dell’Italia, che è il secondo produttore mondiale dopo la Spagna, è stata di 429 mila tonnellate, e che il costo di produzione dell’olio in Tunisia risulta pari a circa due euro al litro, contro il corrispondente costo di produzione italiano pari a circa sette euro al litro (fonte Coldiretti); qualora si permettesse alla Tunisia di sfruttare le quote non utilizzate per gli anni passati, pari a poco meno di 70 mila tonnellate, e contemporaneamente, se ne aggiungessero altrettante per il 2018 e, il 2019, ci si troverebbe di fronte a un’invasione di olio tunisino e la produzione italiana ne uscirebbe gravemente penalizzata. Considerato infine che: l’olio importato, di bassa qualità rispetto a quello italiano, viene spesso commercializzato dalle multinazionali sotto la copertura di ex marchi nazionali ceduti all’estero per dare una parvenza di italianità da sfruttare sui mercati nazionali ed esteri, a danno di produttori e di consumatori, si chiede di sapere: di quali informazioni dispongano in merito alle notizie riportate in premessa e se le stesse trovino conferma; quali iniziative intendano assumere, anche in sede europea, volte alla tutela dei prodotti, degli agricoltori e dei consumatori italiani, oltre che dell’economia di alcune regioni italiane».

[m.pas.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400