Giovedì 18 Aprile 2019 | 14:15

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
PotenzaA potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
LecceNel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
TarantoLieto Evento
Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

andria

Importazione di olio tunisino
il caso finisce in Parlamento

Importazione di olio tunisino il caso finisce in Parlamento

ANDRIAIl movimento Idea presenta una interrogazione parlamentare relativamente alle importazioni di olio dalla Tunisia. L’ha presentata in aula il senatore Gaetano Quagliariello con cui si interroga il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Centinaio e al Ministro per gli affari europei, Savona sulla vicenda Tunisia. «E’ un intervento diretto a tutelare gli olivicoltori andriesi e più in generale pugliesi – spiega Francesco Losito, coordinatore regionale IDeA - in un momento così difficile a causa anche delle ultime calamità atmosferiche che hanno seriamente danneggiato il prodotto olive procurando un danno in alcune zone delle Provincie di Foggia BAT e Bari di circa l’80% del presunto raccolto».

«Premesso che: da fonti stampa – riporta il testo dell’interrogazione parlamentare - è emerso che secondo l’associazione Coldiretti da inizio anno l’importazione in Italia di olio d’oliva proveniente dalla Tunisia sarebbe aumentata del 260%, facendo registrare una vera e propria impennata; nel 2016 la Commissione europea aveva concesso alla Tunisia due contingenti temporanei a dazio zero per le esportazione di olio dirette verso l’Unione europea, in particolare 35 mila tonnellate all’anno per il 2016 e il 2017 al fine di cercare di sostenere la difficile situazione socio-economica del Paese; dalla relazione della Commissione europea risulta che il Paese non ne avrebbe usufruito quasi per nulla, avendo esportato verso l’Unione tra il 2016 e il 2017 solo 2.557 delle settantamila tonnellate accordate; sempre secondo fonti stampa, la Tunisia avrebbe chiesto all’Unione europea di rinnovare la concessione di nuove quote di export a dazio zero verso la stessa Unione, motivando la richiesta con il fatto che l’agricoltura tunisina si è riorganizzata tanto da prevedere un raddoppio della produzione di olio d’oliva per il 2018».

E poi: «Questo salto avrebbe permesso, già nel primo quadrimestre del 2018, alla Tunisia di esportare verso l’Italia ben 26mila tonnellate di olio d’oliva. Preso atto che: nel 2017 la produzione dell’Italia, che è il secondo produttore mondiale dopo la Spagna, è stata di 429 mila tonnellate, e che il costo di produzione dell’olio in Tunisia risulta pari a circa due euro al litro, contro il corrispondente costo di produzione italiano pari a circa sette euro al litro (fonte Coldiretti); qualora si permettesse alla Tunisia di sfruttare le quote non utilizzate per gli anni passati, pari a poco meno di 70 mila tonnellate, e contemporaneamente, se ne aggiungessero altrettante per il 2018 e, il 2019, ci si troverebbe di fronte a un’invasione di olio tunisino e la produzione italiana ne uscirebbe gravemente penalizzata. Considerato infine che: l’olio importato, di bassa qualità rispetto a quello italiano, viene spesso commercializzato dalle multinazionali sotto la copertura di ex marchi nazionali ceduti all’estero per dare una parvenza di italianità da sfruttare sui mercati nazionali ed esteri, a danno di produttori e di consumatori, si chiede di sapere: di quali informazioni dispongano in merito alle notizie riportate in premessa e se le stesse trovino conferma; quali iniziative intendano assumere, anche in sede europea, volte alla tutela dei prodotti, degli agricoltori e dei consumatori italiani, oltre che dell’economia di alcune regioni italiane».

[m.pas.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400