Domenica 21 Aprile 2019 | 10:48

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
FoggiaUn 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
LecceInchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

A settembre sentenza

Barletta, cementeria Buzzi: processo verso l'assoluzione

La pubblica accusa ha chiesto l'assoluzione degli 8 imputati dai reati di danno ambientale

Barletta, cementeria Buzzi: processo verso l'assoluzione

La cementeria Buzzi

TRANI - Tutto porta ad ipotizzare che la sentenza sarà d’assoluzione. Ora che anche la pubblica accusa ha chiesto, anzi ribadito, di scagionare dalle rispettive contestazioni gli 8 imputati nel giudizio abbreviato per i presunti illeciti sul funzionamento della Cementeria Buzzi Unicem di Barletta. Un assist per le difese degli imputati che da sempre respingono gli addebiti. In pratica, nell’ultima udienza davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Trani Raffaele Morelli pubblico ministero (Simona Merra) e le difese hanno chiesto la stessa cosa: l’assoluzione di tutti gli imputati.

Un altro segnale è venuto dall’assenza del Comitato Operazione Aria Pulita Bat, che già negli scorsi mesi aveva rinunciato alla costituzione di parte civile per il presunto disastro ambientale. L’avvocato Michele Cianci ritenne troppo debole l’impianto accusatorio imbastito dalla Procura della Repubblica di Trani, che, peraltro, in passato aveva già chiesto il non luogo a procedere, disatteso però dall’ex gup tranese Francesco Messina.

Certamente il gup Morelli non è vincolato alle richieste, seppure concordi, delle parti; ma è comunque evidente che per gli imputati la prospettiva volge all’ottimismo.

Hanno, invece, continuato a presenziare le parti civili “pubbliche”: Comune di Barletta, Provincia, Regione.
La sentenza del gup Morelli è attesa per il 18 settembre, dopo le formali controrepliche delle parti. Che alla luce di quanto accaduto nell’ultima udienza non avranno più nulla da dirsi.

Sempre a settembre sono previste le ultime battute del dibattimento a carico degli altri 9 imputati che non hanno optato per il rito abbreviato.

I due tronconi processuali hanno la stessa matrice: le indagini imbastite dall’ex pm tranese Antonio Savasta.
Complessivamente considerati i due tronconi vedono coinvolti i legali rappresentanti di alcune società (tra cui la Buzzi Unicem Spa, più semplicemente nota come la Cementeria), membri del Comitato Tecnico Provinciale Bat, dirigenti della Regione Puglia e dipendenti dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione dell’Ambiente (A.R.P.A.-Puglia).

Le ipotesi di reato contestate, a vario titolo e a seconda delle presunte rispettive responsabilità, sono: delitto colposo di danno, delitti colposi contro l’ambiente, falso ideologico, abuso d’ufficio, e violazione della normativa in tema ambientale (D. Lgs. n.152/2006). I fatti contestati vanno dal 18 febbraio 2012 ai giorni nostri.

C’è chi, come gli amministratori della società, che ha preferito la via del dibattimento per dar ampio sfogo alle proprie difese e c’è chi, come ad esempio i tecnici dell’Arpa Puglia, cioè i controllori, che ha chiesto di esser giudicato con rito abbreviato, cioè allo stato degli atti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400