Domenica 17 Gennaio 2021 | 23:37

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

Potenza, sgominata banda di Tir e trattori

la banda è ritenuta responsabile di oltre 400 furti di autocarri, trattori e mezzi agricoli, aveva base ad Andria e operava in particolare in provincia di Potenza. Con i suoi furti aveva portato sull'orlo del fallimento alcune aziende agricole e artigiane. Arrestati i sette componenti della banda 

Potenza, sgominata banda di Tir e trattori

POTENZA - Un'associazione per delinquere ritenuta responsabile di oltre 400 furti di autocarri, trattori e mezzi agricoli, con base ad Andria e operante in particolare in provincia di Potenza – che ha portato sull'orlo del fallimento alcune aziende agricole e artigiane – è stata sgominata stamani, all’alba, dalla squadra mobile della Questura di Potenza, che ha arrestato i sette componenti della banda. I ladri – che agivano forse anche su commissione ed erano “coordinati” da Donato Macirella, di 34 anni, di Minervino Murge (Bari), invalido dallo scorso anno quando un trattore appena rubato a Genzano di Lucania (Potenza) lo investì, e da Francesco Zingaro, di 42, di Andria – riciclavano i mezzi rubati, cambiando i numeri di telaio, o li smontavano, rivendendo i pezzi, oppure li restituivano, dietro adeguato “compenso”, al derubato. 

L’officina principale dell’organizzazione per smontare i mezzi rubati era a contrada Montegrosso di Andria, zona piena di cave, aree aperte, oltre ad un capannone. L'aspetto forse più significativo dell’inchiesta, denominata “conto alla rovescia”, è nell’assoluta mancanza di collaborazione da parte degli imprenditori vittime dei furti, nessuno dei quali ha denunciato richieste estorsive. Lo hanno sottolineato all’unisono, a Potenza, il Procuratore della Repubblica, Giovanni Colangelo, il questore, Romolo Panico, e la dirigente della squadra mobile, Barbara Strappato. Peraltro, mesi fa, durante una riunione del comitato provinciale per l'ordine pubblico, un agricoltore aveva chiesto interventi decisi contro il fenomeno: lui stesso, però, pur avendo subito il furto di sei mezzi, non aveva presentato alcuna denuncia, per di più riuscendo anche a “ritrovare” i veicoli rubati, intatti, tre giorni dopo, non lontano dalla sua azienda, a Palazzo San Gervasio (Potenza): circostanza che Strappato ha definito “strana”. Il fenomeno, però, aveva assunto una rilevanza numerica evidente e alcuni imprenditori – ha spiegato Panico – hanno rischiato di chiudere le loro attività per i danni conseguenti ai furti. A questo punto, la Polizia si è data un termine temporale per dare un colpo all’organizzazione (da qui il nome dell’operazione). Stamani, gli agenti hanno anche eseguito sequestri di beni mobili e immobili (comprese una villa con piscina in costruzione) per un valore di oltre tre milioni di euro: tutto contenuto nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Potenza, Gerardina Romaniello, su richiesta del pm, Anna Franca Ventricelli. La Polizia, inoltre, ha trovato armi e munizioni, fra le quali quattro fucili dotati di apparecchi per aumentare la potenza di fuoco dei proiettili, e punzoni per rifare i numeri di telaio dei mezzi rubati. “Un aspetto da non sottovalutare, nel rapporto fra organizzazioni criminali – ha spiegato Colangelo - è il collegamento emerso fra indagati pugliesi e lucani, cioè l'interregionalità dell’organizzazione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie